Cifratura HTTPS compromessa in 30 secondi

Sfruttando una debolezza degli algoritmi di compressione è facile ottenere le informazioni sensibili che dovrebbero essere protette.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 08-08-2013]

hackers

Alla Black Hat Security Conference, che si è tenuta tra la fine di luglio e l'inizio di agosto a Las Vegas, tre ricercatori hanno dimostrato come si possono violare le comunicazioni via HTTPS in meno di 30 secondi.

Yoel Gluck, Neal Harris e Angelo Prado hanno mostrato la propria tecnica, denominata BREACH (Browser Reconnaissance and Exfiltration via Adaptive Compression of Hypertext) che si applica alle comunicazioni compresse a livello di HTTP. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Come proteggi il tuo computer?
Proteggere? Dai ladri, forse?
Ogni tanto utilizzo un antivirus online.
Ho un antivirus e tengo aggiornato il sistema operativo.
Ho antivirus, firewall, antispyware, parental control e ogni sorta di protezione.
Utilizzo Linux.
L'unico computer sicuro un computer offline.

Mostra i risultati (5346 voti)
Leggi i commenti (49)
In pratica, si sfrutta l'algoritmo di compressione adoperato da moltissimi siti per ridurre il consumo di banda.

Perché l'attacco abbia successo occorre intercettare il traffico crittografato tra la vittima designata e un server web e convincere la vittima a seguire un link pericoloso (per esempio inserendo un iframe in una pagina che sarà visitata).

Grazie a BREACH si riescono a ottenere i dati di login, gli ID di sessione e altre informazioni sensibili generalmente protette dalla crittografia SSL/TLS, e il tempo impiegato per tutto ciò è inferiore ai 30 secondi.

Questa tecnica funziona con tutte le versioni di SSL/TSL e non richiede la compressione a livello di TLS; pur trattandosi di un attacco mirato (occorre che il malintenzionato prenda di mira una vittima e si dedichi a quella) è evidente come il pericolo sia reale.

breach
BREACH all'opera.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Transazioni sul web e comunicazioni criptate a rischio
Nuova falla mette a rischio le connessioni HTTPS
Milioni di Android ancora vulnerabili a Heartbleed
Chrome, opzioni avanzate
Firefox 23, più social e con JavaScript obbligatorio
Compromessi metà dei siti TOR
Un kit per difendere la propria privacy online

Commenti all'articolo (3)


Semmai questo un buco di IE (Internet Explorer). Infatti un Iframe (e simili) viene segnalato come "lucchetto rotto" da Firefox e compagni e "lucchetto aperto" quando esiste un link al di fuori HTTPS. :roll: Firefox inoltre appena si accorge di una "rottura del lucchetto" rinegozia una nuova codifica... Leggi tutto
13-8-2013 12:33

@Zievatron Dovrebbe essere la prima che hai detto...
10-8-2013 15:27

Non mi chiaro un punto. Queste ricerche le fanno per scoprire i punti deboli e porvi rimedio, oppure per sfruttarli. :?
10-8-2013 13:47

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Un sito Internet richiede che la password sia pi complicata. Cosa fai per ricordarla?
La scrivo su un foglio di carta
Faccio di tutto per memorizzarla
La salvo sul browser e utilizzo il Completamento automatico
La salvo sullo smartphone
La salvo come nota sul computer
Impiego una utility specifica per l'immagazzinamento password

Mostra i risultati (2713 voti)
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Tutti gli Arretrati


web metrics