Cifratura HTTPS compromessa in 30 secondi

Sfruttando una debolezza degli algoritmi di compressione è facile ottenere le informazioni sensibili che dovrebbero essere protette.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 08-08-2013]

hackers

Alla Black Hat Security Conference, che si è tenuta tra la fine di luglio e l'inizio di agosto a Las Vegas, tre ricercatori hanno dimostrato come si possono violare le comunicazioni via HTTPS in meno di 30 secondi.

Yoel Gluck, Neal Harris e Angelo Prado hanno mostrato la propria tecnica, denominata BREACH (Browser Reconnaissance and Exfiltration via Adaptive Compression of Hypertext) che si applica alle comunicazioni compresse a livello di HTTP. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Come proteggi il tuo computer?
Proteggere? Dai ladri, forse?
Ogni tanto utilizzo un antivirus online.
Ho un antivirus e tengo aggiornato il sistema operativo.
Ho antivirus, firewall, antispyware, parental control e ogni sorta di protezione.
Utilizzo Linux.
L'unico computer sicuro un computer offline.

Mostra i risultati (5282 voti)
Leggi i commenti (49)
In pratica, si sfrutta l'algoritmo di compressione adoperato da moltissimi siti per ridurre il consumo di banda.

Perché l'attacco abbia successo occorre intercettare il traffico crittografato tra la vittima designata e un server web e convincere la vittima a seguire un link pericoloso (per esempio inserendo un iframe in una pagina che sarà visitata).

Grazie a BREACH si riescono a ottenere i dati di login, gli ID di sessione e altre informazioni sensibili generalmente protette dalla crittografia SSL/TLS, e il tempo impiegato per tutto ciò è inferiore ai 30 secondi.

Questa tecnica funziona con tutte le versioni di SSL/TSL e non richiede la compressione a livello di TLS; pur trattandosi di un attacco mirato (occorre che il malintenzionato prenda di mira una vittima e si dedichi a quella) è evidente come il pericolo sia reale.

breach
BREACH all'opera.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Transazioni sul web e comunicazioni criptate a rischio
Nuova falla mette a rischio le connessioni HTTPS
Milioni di Android ancora vulnerabili a Heartbleed
Chrome, opzioni avanzate
Firefox 23, più social e con JavaScript obbligatorio
Compromessi metà dei siti TOR
Un kit per difendere la propria privacy online

Commenti all'articolo (3)


Semmai questo un buco di IE (Internet Explorer). Infatti un Iframe (e simili) viene segnalato come "lucchetto rotto" da Firefox e compagni e "lucchetto aperto" quando esiste un link al di fuori HTTPS. :roll: Firefox inoltre appena si accorge di una "rottura del lucchetto" rinegozia una nuova codifica... Leggi tutto
13-8-2013 12:33

@Zievatron Dovrebbe essere la prima che hai detto...
10-8-2013 15:27

Non mi chiaro un punto. Queste ricerche le fanno per scoprire i punti deboli e porvi rimedio, oppure per sfruttarli. :?
10-8-2013 13:47

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Cosa fai se l'antivirus non ti permette di installare un programma?
Disattivo temporaneamente l'antivirus per installare il programma che considero affidabile
Non installo il programma. Forse ce n' un altro simile cercando su Internet
Creo regole di esclusione per le applicazioni di cui sono sicuro/a

Mostra i risultati (1418 voti)
Settembre 2019
Gli USA scaricano Huawei e sui portatili arriva Linux Deepin
Falla nelle SIM, vulnerabili 1 miliardo di telefoni
La Francia non vuole Libra in Europa
Il bug di Windows 10 che tinge di rosso gli screenshot
Antibufala: le foto di raggi spaziali che causano incendi nei boschi
Lo smartphone etico attento alle persone e al pianeta
Storie di hacker, campeggi e libertà
USB 4 è ufficiale e raggiunge i 40 Gbit/s
5 consigli (più uno) per non farsi lasciare a piedi dal PC
La lotta al ransomware procede silenziosa ma con successo
La maledizione dei connettori USB
Agosto 2019
GIMP è un insulto: sviluppatori ribelli fondano il fork Glimpse
Sextortion, il malware che registra davvero chi guarda video a luci rosse
Misteriosa malattia colpisce i fumatori di sigarette elettroniche
L'analisi del sangue che predice quando moriremo
Tutti gli Arretrati


web metrics