Gli occhiali per gli ipovedenti

OrCam trasforma qualsiasi paio di occhiali in dispositivi a realtà aumentata per aiutare chi ha problemi di vista.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-09-2013]

orcam 1

I Google Glass - e tutti gli altri equivalenti - sono dei prodotti interessanti ma pensati per potenziare le informazioni di chi già possiede una vista perfetta, e non solo perché per essere indossati richiedono che non vi siano altri occhiali.

OrCam - sviluppato da un'azienda israeliana - affronta invece il tema della "realtà aumentata" da un diverso punto di vista: offre a quanti hanno problemi agli occhi una possibilità per tornare a interagire con il mondo nel modo più normale possibile. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Secondo te, in quale di questi campi la realtÓ aumentata potrebbe portare pi¨ innovazione?
Medicina
Beni culturali
Videogiochi
Entertainment
Architettura
Altro (specificare nei commenti)
RealtÓ de che?

Mostra i risultati (2960 voti)
Leggi i commenti (19)
OrCam è un piccolo sensore che si aggancia a qualsiasi tipo di occhiali e, grazie alla propria videocamera, "vede" quel che vede c'è nel campo visivo dell'utente.

Questi poi non dovrà fare altro che indicare gli oggetti, i luoghi o persino le persone che incontra perché OrCam fornisca un'accurata descrizione, che sarà trasmessa tramite un sistema di conduzione ossea. L'articolo continua dopo il video.

Allo stesso modo potrà farsi leggere dei testi (che si tratti di una scritta troppo piccola su una confezione o l'orario del bus) e istruire il dispositivo perché riconosca alcuni oggetti utilizzati con regolarità e persino le persone.

OrCam può essere preordinato per 2.500 dollari: l'azienda ha già venduto completamente la prima "ondata" di prodotti e consegnerà la prossima entro la fine dell'anno.

orcam 2
orcam 3
orcam 4

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)


@Zievatron Buona la seconda che hai scritto... :lol:
1-10-2013 21:00

Io, il solito estremista?! :shock: Ma che mi tocca leggere! :roll: Non so quanto ci metteranno a realizzare degli occhi bionici, oppure degli occhi biologici coltivati in vitro. La soluzione vera, per˛, Ŕ quella. Se, invece, questa civiltÓ si prende un x-factor prima .... Diciamo che i tempi si allungano di parecchio. :lol:
1-10-2013 19:55

@mda Credo di capire e concordo sul fatto che ci vorrebbe un fortissimo adattamento sulla tecnologia e anche, forse, una grossa evoluzione della tecnologia stessa che oggi sembra comunque sfruttare un grosso aiuto dell'utente per poi offrirgli il suo aiuto. @Zievatron Sei il solito estremista... :wink: Credo che la tecnologia per... Leggi tutto
1-10-2013 18:38

Per me dovrebbero dargli degli occhi nuovi e ben funzionanti.
30-9-2013 22:33

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Per quale servizio collegato a un prodotto per la smart home saresti pi¨ disposto a pagare fino a 15 euro al mese?
Lo scongiurare dei guasti dei prodotti smart, per esempio lavastoviglie, connettendoli ai fabbricanti, in modo da identificarli e anticiparne qualsiasi problema.
Collegamento alla compagnia assicuratrice che interviene in caso di allagamento, intrusione o allarme quando non sono in casa.
Assistenza nella vita di tutti i giorni per gli anziani.
Collegamento dei dati relativi alla salute al medico o al reparto ospedaliero per il monitoraggio dei parametri vitali chiave.
Collegamento alla societÓ di sicurezza che intervenga quando l'allarme si spegne.
Nessuno di questi

Mostra i risultati (1224 voti)
Gennaio 2023
Windows 11, tre metodi per aggirare l'account Microsoft
Libero e Virgilio Mail offline da giorni, verso la risoluzione
Pesci da compagnia fanno acquisti sulla Switch all'insaputa del padrone
Il ritorno del Walkman
Invecchiare al tempo della Rete
Apache contro Apache
Cessa il supporto a Windows 7. Microsoft: “Non passate a Windows 10”
Lo smartphone con schermo e-ink da 6,1 pollici
Dicembre 2022
WhatsApp dal nuovo anno non funzionerà più su 47 smartphone
LastPass, la violazione è molto più grave del previsto
Netflix, giro di vite sulla condivisione delle password
Digitale terrestre: si spegne la TV in definizione standard
Disorganizzazione informatica fa desistere i cybercriminali
Windows 7 e Windows 8: Microsoft annuncia la fine del supporto
Telefonia, inizia l'era degli aumenti infiniti
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 31 gennaio


web metrics