Attacco ad Adobe, sono 38 milioni gli utenti coinvolti

Gli account colpiti sono molti di più di quanto le stime iniziali indicassero.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 31-10-2013]

Adobe 38 milioni account rubati

All'inizio di questo mese, Adobe aveva reso pubblica una violazione dei suoi server verificatasi durante il mese di agosto e che aveva portato al furto dei dati di ben 3 milioni di utenti.

Parevano tanti. Ora, però, Adobe stessa - che nel frattempo ha continuato le indagini - ha aggiornato le stime: gli account compromessi sono 38 milioni.

Gli autori dell'attacco sono riusciti a entrare in possesso di nomi, Adobe ID, numeri di carte di credito (cifrati) con relative date di scadenza e altre informazioni relative agli utenti.

La gravità di quanto accaduto è quindi ben peggiore rispetto a quanto apparisse in un primo momento, ma potrebbe non essere finita qui.

Brian Krebs, di Krebs On Security, in un recente post afferma che il numero di account compromessi è di 150 milioni. Come fa a saperlo? Ha visto la lista.

Nello scorso fine settimana su AnonNews è apparso un file da 3,8 Gbyte, chiamato users.tar.gz, contenente proprio i dati - nomi e password - di 150 milioni di utenti e che pareva proprio essere il materiale trafugato da Adobe.

Come si spiega quindi la differenza tra quanto dichiarato dall'azienda e quanto scoperto da Krebs? In due modi: da un lato, è ancora possibile che Adobe aggiorni ulteriormente le stime, facendole crescere; dall'altro, Adobe si riferisce esplicitamente agli account attivi, mentre il file indicato da Krebs riguarda tutti gli account: nel conto delle vittime fatto dall'azienda che ha creato Photoshop gli account non attivi non sono stati conteggiati.

Ciò è confermato dalle dichiarazioni di Heather Edell, portavoce di Adobe, la quale ha dichiarato: «Finora le nostre indagini hanno confermato che chi ha portato l'attacco ha ottenuto l'accesso agli Adobe ID e alle password crittografate (che erano valide all'epoca) di circa 38 milioni di utenti attivi. Stiamo ancora indagando il numero di account inattivi, invalidi e di prova coinvolti nell'incidente».

Sondaggio
Ogni quanto tempo il tuo Pc affetto da malware?
Una o due volte l'anno.
Tre o pi volte l'anno.
E' successo una volta e mai pi.
Mai.

Mostra i risultati (2640 voti)
Leggi i commenti (38)

A proposito di Photoshop, poi, c'è da riportare un'ulteriore cattiva notizia: sempre su AnonNews è apparso un file, stavolta grande 2,56 Gbyte, che sembra proprio contenere il codice sorgente del famoso programma.

Oltre al codice di Photoshop pare sia stato rubato anche quello di Adobe Acrobat, Reader e ColdFusion; parte di questi dati sono comunque protetti da password e non immediatamente accessibili.

Per quanto riguarda gli utenti, Adobe un anno di monitoraggio gratuito (da parte di Experian) degli account a tutti quegli utenti danneggiati dall'attacco.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Adobe, rubati i dati di 3 milioni di utenti
I trojan responsabili di 8 attacchi su 10
Un italiano su tre spia le mail del partner
Scopre un bug in Facebook e viola l'account di Zuckerberg
Facebook, un bug diffonde i dati di sei milioni di utenti

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual la pi grande inquietudine che hai a casa e che la domotica potrebbe risolvere?
Sentirsi insicuri in casa quando si l da soli.
Che le persone lascino le luci accese quando non serve.
Dimenticarsi se le porte sono state chiuse a chiave o se le finestre sono state chiuse a dovere.
Familiari anziani non autosufficienti quando in casa sono soli.
Preoccuparsi della sicurezza quando siamo lontani.
Perdere tempo a girare per casa ad accendere o spegnere le luci.
Preoccuparsi che le attrezzature della cucina (per esempio il forno) siano state lasciate accese accidentalmente.
Preoccuparsi che la casa sembri vuota quando siamo lontani.
Possibili incidenti nelle zone della casa che non sono adeguatamente illuminate durante la notte.
La casa troppo calda o troppo fredda per il dovuto comfort.

Mostra i risultati (1027 voti)
Ottobre 2021
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Pesa di più una chiavetta USB piena di dati o una vuota?
Settembre 2021
iPhone 14: un progetto completamente nuovo
Microsoft cede: Windows 11 si installa anche su hardware incompatibile
Windows 10, l'update di settembre impedisce di stampare
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Windows 11, svelata la data di lancio
Agosto 2021
La barra di Windows 11 è di proposito peggiore di quella di Windows 10
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 19 ottobre


web metrics