Yotaphone, lo smartphone russo con due display

Un secondo schermo e-ink permette di avere sempre sott'occhio le informazioni più utili senza scaricare la batteria.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-12-2013]

yotaphone

La russa Yota Devices ha lanciato sul mercato un proprio smartphone Android: lo YotaPhone.

Cuore dello YotaPhone è un processore dual core Snapdragon S4 a 1,7 GHz, accompagnato da 2 Gbyte di RAM e 32 Gbyte di memoria interna; non mancano una fotocamera posteriore da 13 megapixel, una anteriore da 1 megapixel e il supporto alle reti mobili LTE. Il sistema operativo è Android 4.2 Jelly Bean.

Non è però per queste caratteristiche che lo smartphone russo sta attirando l'attenzione, ma per la sua particolare dotazione in fatto di schermi: infatti ne ha ben due.

Il primo, quello principale, è un LCD frontale con diagonale lunga 4,3 pollici e che offre una risoluzione di 1280x720 pixel. L'altro, posteriore, è uno schermo e-ink con risoluzione di 360x640 pixel.

Lo scopo di questo display è la visualizzazione di informazioni notizie, notifiche e previsioni del tempo, con un consumo di corrente quasi nullo grazie alla tecnologia con cui è realizzato, la medesima adoperata da molti lettori di e-book.

Sondaggio
Secondo te qual è tra questi il miglior smartphone del momento? Confronta i risultati con quelli del sondaggio successivo primavera/estate 2014)
Apple iPhone 5C - 3.3%
Apple iPhone 5S - 17.8%
BlackBerry Q10 - 1.0%
BlackBerry Z10 - 1.1%
HTC One - 9.6%
LG Optimus G Pro - 1.3%
LG G2 - 6.6%
Motorola Moto X - 1.9%
Nokia Lumia 925 - 3.1%
Nokia Lumia 1020 - 7.2%
Samsung Galaxy Note 3 - 16.1%
Samsung Galaxy S4 - 31.2%
  Voti totali: 2513
 
Leggi i commenti (4)

L'idea di aggiungere un secondo schermo per visualizzare le informazioni più utili è dell'inventore Vladislav Martynov, il quale ha individuato nell'eccessivo consumo della batteria da parte dello schermo il punto debole di tutti smartphone Android attualmente sul mercato.

Molti utilizzano i telefoni al posto dell'orologio, dunque consultandoli varie volte al giorno, e la ricezione di notifiche relative a messaggi o email è spesso praticamente continua: ciò significa che lo schermo viene acceso di frequente, e l'autonomia ne fa le spese.

yotaphone2

È partendo da queste considerazioni che si è fatta strada l'idea di aggiungere uno schermo e-ink, che inoltre trasforma lo smartphone in un pratico e-reader.

Lo YotaPhone è già disponibile in Russia, Austra, Francia, Germania e Spagna: chi risiede in questi Stati lo può acquistare dal sito ufficiale (in Russia è in vendita anche nei negozi).

Per quanto riguarda il debutto in Italia occorrerà aspettare ancora un po': il lancio è previsto all'inizio del prossimo anno.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Approfondimenti
Yotaphone 2 raddoppia nella nuova edizione
YotaPhone 2 con doppio display: da una parte smartphone, dall'altra e-reader
Disney, energia dalla carta
Il display e-ink per l'iPhone
E-ink a colori per il nuovo Kindle
La e-paper flessibile di LG
La pellicola per leggere gli e-book al buio
Mirasol, l'e-reader delle meraviglie

Commenti all'articolo (2)

Non si capisce molto bene come le informazioni vengano spedite ai due differenti display, e in che modo questo sistema sia controllabile, però l'idea sembra tutt'altro che strampalata. Avere accesso alla rete con un apparecchio mobile con una logica da ebook reader è veramente un'idea interessante (poi è chiaro che non si può fare per... Leggi tutto
8-12-2013 09:00

{SilverHawk}
Moooolto interessante. Soprattutto per chi desidera avere un cellulare che non metta lo zucchero nel caffè ma semplicemente faccia telefonare e che rimanga acceso per settimane a ogni ricarica.
6-12-2013 13:26

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Dal 2013 è obbligatoria l'iscrizione online per le prime classi di tutte le scuole. Secondo te...
E' giusto e da Paese civile.
Molte famiglie saranno in difficoltà perché non hanno la connessione o non navigano in Internet.
Va bene ma ci vuole un supporto per le famiglie che ancora non navigano in Rete.

Mostra i risultati (1470 voti)
Agosto 2020
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Tutti gli Arretrati


web metrics