L'antimateria del CERN svelerà i segreti dell'Universo

Prodotto un fascio di antidrogeno che aiuterà a risolvere uno dei misteri più grandi della fisica moderna.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 22-01-2014]

Antimatter

Perché viviamo in un universo fatto di materia e non in uno fatto di antimateria? Dove è finita l'antimateria che esisteva subito dopo il Big Bang?

I ricercatori del CERN sono da anni impegnati nel tentare di rispondere a queste domande e, perciò, cercano modi sempre più efficienti non solo di produrre antimateria ma anche di conservarla per più tempo possibile tramite mezzi che non interferiscano troppo con il suo studio.

Dal 2002 al 2011 la capacità di produrre antimateria è costantemente migliorata: se nel 2002 gli atomi di antidrogeno prodotti erano riusciti a esistere soltanto per pochi microsecondi, nel 2010 avevano avuto la possibilità di durare per 172 millesimi di secondo e nel 2011 gli scienziati sono riusciti a tenerli bloccati in una "trappola magnetica" per ben 16 minuti.

Ora, grazie all'esperimento ASACUSA (cui partecipano anche scienziati italiani), i ricercatori hanno prodotto un fascio di 80 atomi di antidrogeno (costituiti da un antiprotone e un positrone), ossia il corrispettivo dell'idrogeno (un protone e un elettrone).

Sondaggio
Sei mai stato escluso da una bacheca Facebook di un amico?
No, mai.
Sì, da un mio ex partner.
Sì, da una donna o da un uomo che ho corteggiato insistentemente.
Sì, per le mie idee in politica.
Sì, per un commento relativo al calcio.
Sì, per una critica.
Sì, senza un motivo apparente.
Non uso Facebook.

Mostra i risultati (1784 voti)
Leggi i commenti (28)

Il dato più interessante però non è quello relativo alla produzione di antimateria quanto al fatto che grazie alle tecniche adoperate è stato possibile intrappolare gli antiatomi a 2,7 metri dalla sorgente e studiarne le proprietà spettroscopiche.

antimatter

Per isolare gli antiatomi dalla materia circostante (operazione indispensabile, pena l'annichilazione) è infatti stata usata una tecnica diversa dalla "trappola magnetica" usata in precedenza, che si è mostrata efficace per permettere studi più approfonditi finora resi difficoltosi proprio dal sistema adoperato per l'intrappolamento; la distanza dalla sorgente consente di concentrare le indagini in una zona dove i campi magnetici residui in grado di disturbare le ricerche sono piccoli.

«Il risultato appena pubblicato» - ha spiegato Luca Venturelli dell'INFN di Brescia facendo riferimento alla pubblicazione dei risultati su Nature Communications - «rende molto più concreta e vicina la possibilità di realizzare misure di precisione con gli atomi di antidrogeno».

«Sondare le caratteristiche dell'antimateria può aiutare a risolvere uno dei grandi misteri della fisica moderna: la prevalenza di materia rispetto all'antimateria nell'universo visibile» conclude Venturelli.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Papa Francesco e il Big Bang
Il CERN misura l'ombra dell'antimateria
MIT, la storia dell'Universo diventa un video
L'Endeavour ci riprova
Il cacciatore di antimateria è pronto al lancio
Il CERN intrappola l'antimateria
Il cacciatore di antimateria parte per lo spazio

Commenti all'articolo (3)

Concordo pienamente. Neanche io verserò qualche lacrima, se non per il pianeta. :cry: Leggi tutto
24-1-2014 17:40

{SilverHawk}
@Alex Conoscendo la specie umana, e visto la rapida regressione evolutiva (che sta lentamente consumando e distruggendo il pianeta a cui accennavi), forse forse non credo che altre forme di vita verseranno qualche lacrima a riguardo (magari per il pianeta).
23-1-2014 11:45

{Alex}
Non si potrebbe aspettare almeno di aver trovato la vita in altri parti dell'universo prima di rischiare di far scomparire l'unica conosciuta assieme all'intero pianeta?
22-1-2014 23:50

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Hai inserito username e password della tua webmail. Il browser ti chiede se desideri salvare le credenziali di accesso per il futuro. Cosa fai?
Uso questa opzione perché è comoda, così non devo inserire ogni volta username e password
Clicco su No e disattivo l'opzione “Resta collegato”
Non accedo alla mail attraverso siti di webmail ma solo attraverso applicazioni installate sul dispositivo

Mostra i risultati (1731 voti)
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Tutti gli Arretrati


web metrics