Rischia la prigione per un Like su Facebook

Per aver messo ''Mi Piace'' a un commento un uomo rischia una condanna fino a 3 anni.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 30-01-2014]

facebook like prigione diffamazione

Si può essere querelati per un Mi piace? Stando alla storia raccontata dalla Gazzetta di Parma, certamente.

Una querela è infatti proprio quello che è capitato a un uomo che, inserendosi in un litigio via Facebook tra due donne (tutte e tre le persone coinvolte si conoscevano e avevano partecipato a un progetto comune, causa apparente del litigio), avrebbe espresso il proprio apprezzamento mettendo Mi piace al commento - non esattamente pacifico, anzi considerato ingiurioso - di una delle due. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Sei mai stato escluso da una bacheca Facebook di un amico?
No, mai.
Sì, da un mio ex partner.
Sì, da una donna o da un uomo che ho corteggiato insistentemente.
Sì, per le mie idee in politica.
Sì, per un commento relativo al calcio.
Sì, per una critica.
Sì, senza un motivo apparente.
Non uso Facebook.

Mostra i risultati (1784 voti)
Leggi i commenti (28)
L'altra ha così deciso che, se approvava il commento, l'uomo sicuramente condivideva le offese che vi erano contenute e le appoggiava: di qui, il ricorso alle autorità.

La questione pare coinvolgere persone attive in politica locale e regionale e, se non fosse stato per questo motivo, forse non si sarebbe arrivati a tanto.

In ogni caso, a causa di quel Like per l'uomo si configura il reato di concorso in diffamazione, per il quale la Procura di Parma ha già chiesto il rinvio a giudizio: il rischio è una condanna da 6 mesi a 3 anni o una multa non inferiore a 516 euro.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Facebook, offendere è diffamazione, anche senza fare nomi
Utente multato di 652.000 dollari per aver condiviso un film
Il distributore che regala lattine in cambio di un Like
Un milione di Like su Facebook per far l'amore con lei
Dichiarazione d'amore gay via SMS, tre anni di galera
Sesso virtuale? Sei anni di galera
Facebook e il Like privato

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 16)


{W3C_PDB}
Se vi meraviglia questa notizia, allora questa non è da meno link
5-2-2014 15:15

Concordo pienamente. Viviamo in una società impazzita. :( Leggi tutto
1-2-2014 21:23

Per un "clik" rischio di tre anni di carcere, come rubare un kg. di pasta in un supermercato perchè non si hanno i soldi per sopravvivere. Se invece si rubano centinaia di milioni, ripeto, centinaia di milioni di euri da parte di un politicante o alto funzionario di stato, tutto va bene. (Si può scrivere "Mastrapasqua?)... Leggi tutto
31-1-2014 18:39

amldc hai ragione però potrebbero esserci numerose affermazioni sul like di fb uno poteva intendere che li piaceva il litigio in generale e non le offese singole oppure come dicevo che gli è partito un like per sbaglio e voleva metterlo su un altra cosa... la difesa può sbizzarrirsi.. rischia chi scrive e non sempre per un like penso... Leggi tutto
31-1-2014 15:27

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Utilizzi le licenze Creative Commons per i tuoi lavori?
Sì: le Creative Commons mi aiutano a diffondere il mio lavoro gratuitamente e ottenendone il credito.
No: non ho motivo di utilizzarle perché esiste già una legge sul copyright.
Sì: le Creative Commons mi consentono di diffondere il mio lavoro e di ottenere dei guadagni.
No: necessito di ricavare dei soldi dal mio lavoro, e le Creative Commons non mi aiutano in tal senso.

Mostra i risultati (364 voti)
Ottobre 2020
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Windows 10 avvisa l'utente se un SSD sta per morire
Tutti gli Arretrati


web metrics