Le batterie zuccherine che si ricaricano come le cartucce

Economiche, ecologiche e ricaricabili come le cartucce delle stampanti, offrono un'autonomia maggiore rispetto alle batterie tradizionali.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 18-03-2014]

Virgina Tech batteria zucchero

Entro tre anni diremo addio alle batterie come le conosciamo: avremo a disposizione delle nuove batterie, ricaricabili, ecologiche, economiche, biodegradabili e a base di zucchero.

A curare il loro sviluppo è il professor Y.H. Percival Zhang, del College of Agriculture and Life Science del Virginia Tech.

«Lo zucchero» - spiega il professore - «è un composto perfetto per la conservazione dell'energia ed esistente in natura. È quindi soltanto logico che cerchiamo di sfruttare questa energia naturale per produrre una batteria».

A dire la verità non è la prima volta che qualcuno cerca di creare una batteria basata sullo zucchero, ma il prototipo realizzato in questo caso ha una densità energetica di un ordine di grandezza maggiore rispetto agli altri tentativi: si può, insomma, adoperare per tempi più lunghi prima che sia necessario ricaricarla.

Per funzionare, la batteria combina il "combustibile" - la maltodestrina - con l'aria per generare elettricità, rilasciando acqua come sottoprodotto principale.

Sondaggio
Secondo te quale tra queste donne andrebbe ricordata maggiormente per le sue scoperte?
Elizabeth Blackwell (fu pioniera nella medicina)
Rachel Carson (lanciò il movimento ambientalista contro i fitofarmaci)
Marie Curie (studiò le radiazioni)
Rosalind Franklin (contribuì alla scoperta del DNA)
Jane Goodall (studiò la vita sociale degli scimpanzé)
Ipazia (astronoma e matematica della Grecia antica)
Ada Lovelace (fu la prima programmatrice di computer)
Barbara McClintock (scoprì l'esistenza dei trasposoni)
Maria Mitchell (scoprì la cometa di Mitchell)
Lise Meitner (elaborò la teoria della fissione nucleare)

Mostra i risultati (1738 voti)
Leggi i commenti (10)

«Stiamo rilasciando lentamente tutte le cariche elementari conservate nella soluzione zuccherina, un passo alla volta, utilizzando una cascata enzimatica» racconta ancora il professor Zhang.

Oltre a essere ricaricabile (non collegandola alla presa elettrica, ma rimpiazzando il combustibile, un po' come si fa con le cartucce delle stampanti), la batteria a base di zucchero non può esplodere, non è infiammabile e ha un'elevata densità di carica, offrendo così una maggiore autonomia rispetto alle batterie tradizionali.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
La lampada-fungo che viene coltivata, non costruita
La batteria al melograno per il cellulare
La batteria fatta col nero di seppia si può anche mangiare
Il primo altoparlante wireless alimentato da supercondensatori
Disney, energia dalla carta
La batteria ricaricabile low cost del MIT
E le batterie diventeranno obsolete!
La batteria del cellulare che dura settimane

Commenti all'articolo (3)

Fantastico! Propongo di costruire l'arca di Noè a batterie zuccherine. :D
22-3-2014 00:01

In caso di naufragio le useremo come cibo d'emergenza. :D :D :D Mauro Leggi tutto
19-3-2014 08:27

Dai telefoni. palmari e pc alla Vettura Elettrica il passo e decisamente Breve! Che sia la volta buona che possiamo mettere in soffitta "il vecchio puzzolente motore tradizionale"?
18-3-2014 20:43

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Hanno suscitato polemiche in Abruzzo alcuni manifesti pubblicitari con una ragazza in bikini e la scritta: "La diamo a tutti... l'Adsl dove non c'è". Alcuni hanno proposto di farli rimuovere perché lesivi della dignità della donna. Cosa ne pensi?
Sono contrario al ritiro dei manifesti perché sono incisivi e divertenti.
Li trovo volgari ma non credo che si possano proibire.
Bisogna farli rimuovere perché sono vergognosi.
Non penso che aumenteranno gli abbonamenti Adsl, anzi...
Altri gestori hanno fatto di peggio.

Mostra i risultati (4077 voti)
Marzo 2021
Hard disk a confronto con SSD nei data center
Sciami di router nelle nostre case conoscono la nostra posizione
Febbraio 2021
Nuovi Mac, gli SSD durano pochissimo
Elettrodomestici, A+++ può diventare B o C
Se non accetti le nuove condizioni, WhatsApp ti cancella l'account
Come perdere mezzo miliardo: non serve smarrire la password del wallet Bitcoin
Sms svuota conto corrente: occhio alla truffa
Vendere o comprare una casa online all'asta (senza Tribunale)
Hacking e caffeina: 167.772 euro da spendere in caffè
Arriva LibreOffice 7.1 Community ma è importante non usarlo in azienda
Didattica a distanza, genio su Zoom
La Stampa, L’Espresso, il Corriere e il metodo redazionale: nessuno rilegge
Sgominato Emotet, la madre di tutti i malware
Gennaio 2021
iPhone 12 e pacemaker, meglio che stiano lontani
Minori su Tik Tok, accesso con Spid?
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 5 marzo


web metrics