In tribunale per un cheat a un videogioco

Activision Blizzard ha fatto causa a chi ha scoperto dei metodi per barare a Starcraft II.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 23-05-2014]

starcraft ii denuncia hack cheat

I cheater, coloro che barano, esistono sin da quando esistono i videogiochi, o giù di lì.

Ogni gioco ha i suoi appassionati esperti di programmazione che realizzano software in grado di fornire vantaggi a chi li utilizza, rendendo più facile proseguire nel videogame.

Con la moda dei videogame online, la "piaga" degli imbroglioni ha raggiunto nuovi livelli: barare significa non solo battere un gioco con mezzi illeciti, ma umiliare chi invece gioca lealmente.

Questo è esattamente lo scenario che si può vivere giocando online a StarCraft II, popolare videogame rilasciato da Activision Blizzard nel 2010.

L'azienda ha deciso di non lasciar correre e ha denunciato i programmatori che hanno creato il ValiantChaos MapHack, scaricabile dopo una "donazione" di 62,50 dollari per accedere alla sezione VIP del forum, accusandoli di violazione del copyright.

Non è tuttavia la pirateria il problema principale, per quanto sia quello più citato nella denuncia. In realtà, Blizzard è preoccupata perché il cheat «modifica l'esperienza online di StarCraft II, danneggiando gli utenti legittimi di StarCraft II e, di conseguenza, Blizzard stessa».

Sondaggio
L'Italia e gli italiani sono pronti per il (video)gioco online?
I giocatori sarebbero anche pronti, ma il problema è il digital divide. Senza una connessione broadband il gioco online è una chimera.
In Italia più che in altri paesi ha ampia diffusione la pirateria. Il fatto che buona parte dei giocatori utilizzi prodotti contraffatti limiterà la crescita dell'online gaming.
Barriere linguistiche e ritardi nella diffusione di giochi e tecnologie online ci hanno penalizzato nel passato, ma oggi le possibilità di sviluppo sono rosee.
Non ci sono barriere tecniche, ma solo culturali. Il videogioco è tradizionalmente visto come un prodotto da fruire individualmente o in compagnia di amici.
La comunità di giocatori online italiana non ha nulla da invidiare per qualità e quantità a quelle degli altri paesi.

Mostra i risultati (698 voti)
Leggi i commenti (5)

«Gli accusati» - prosegue l'azienda - «creano e vendono i loro prodotti software illegali sapendo che stanno aiutando e invitando gli utenti a violare i copyright di Blizzard, a rompere i contratti con Blizzard e a violare in altri modi i diritti di Blizzard».

L'azienda sostiene che l'uso di questo sistema rovina il divertimento di quanti giocano lealmente; ciò porta i giocatori a sentirsi insoddisfatti, a perdere interesse nel gioco e a dichiarare apertamente il proprio malessere.

«Tutto ciò porta a una diminuzione delle vendite e/o degli add-on e delle espansioni, oltre che a danneggiare la reputazione di Blizzard» spiega ancora l'azienda.

Per tutti questi motivi Blizzard chiede che i creatori dell'hack cessino la distribuzione del loro programma e paghino i danni - quantificati in milioni di dollari - per le violazioni al diritto d'autore.

Di queste violazioni sono peraltro colpevoli anche tutti coloro che adoperano il cheat, ma l'azienda non pare interessata a perseguire i singoli utenti: l'obiettivo pare essere proprio l'eliminazione del software incriminato.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Blizzard, causa milionaria contro i cheat
L'ex dittatore Noriega fa causa all'Activision
L'accademia tutta italiana che insegna a creare videogiochi
Craccata la PS Vita
Il videogioco che fa male davvero
Un multiplayer soltanto per chi bara

Commenti all'articolo (4)

Io non provo nessuna simpatia per questi, o per altri simili. Anzi, simpatizzo di più per i citer "puri". Non certo per chi i trucchi li vende, come in questo caso. A questi ben gli sta se li puniscono. Leggi tutto
25-5-2014 23:50

Per me il problema non è che qualcuno abbia scovato un modo per barare ma che, a quanto risulta dall'articolo, venda il programma, la mappa insomma la modifica. Quanti hanno scoperto modi per barare, per sfruttare bachi, anche per saltare i livelli a SC2? Ne ho visti alcuni eppure non mi risultano indagati.
25-5-2014 10:25

{umby}
Non ho mai fatto giochi simili (e non me ne puó fregar di meno di quei giochi), ma se mi pare di aver capito qualcosa, i programmi "cheat" per fornire un "vantaggio" debbono modificare alcune regole del gioco, che aumentano i poteri di un giocatore o similia. Ora mi chiedo, ma le regole non devono essere fisse da chi... Leggi tutto
23-5-2014 21:59

Massima stima per la blizzard
23-5-2014 17:43

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilità di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttività e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1221 voti)
Ottobre 2019
Linux, seria falla nel comando sudo
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Otto mesi di carcere per chi rivelò gli stipendi d'oro sindacali
Windows, l'aggiornamento impedisce di stampare
Antibufala: la Tesla della polizia rimasta a secco durante un inseguimento
Esplode lo smartphone in carica, muore ragazzina
Settembre 2019
Windows, l'aggiornamento di ottobre mette il turbo al Pc
Tutta la verità sul caso del dominio Italia Viva
Ecco perché gli aggiornamenti Windows hanno così tanti bug
A che età dare lo smartphone ai propri figli?
Usa NULL come targa pensando di beffare il sistema informatico delle multe
Gli USA scaricano Huawei e sui portatili arriva Linux Deepin
Falla nelle SIM, vulnerabili 1 miliardo di telefoni
Tutti gli Arretrati


web metrics