Il robot-origami è il primo vero transformer

Creato al MIT, sembra un semplice foglio di carta finché non prende a camminare.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-08-2014]

Self Folding Robots 004

È già stato definito «il primo transformer» il robot progettato dal MIT e in grado di assemblarsi da solo.

Certamente non assomiglia ai colossi meccanici di Cybertron, ma vanta delle peculiarità che lo rendono unico rispetto ai robot che conosciamo.

In cerca di un'ispirazione per realizzare un robot che potesse autoassemblarsi, i ricercatori del MIT si sono rivolti all'origami, l'arte orientale di piegare la carta.

Hanno così realizzato un foglio di carta coperto da uno strato di un polimero a memoria di forma, cui hanno impresso le pieghe necessarie: in questo modo, applicando il calore nei punti giusti tramite dei componenti elettrici (il microcontroller, i circuiti, le batterie) direttamente montati sul foglio, il robot può iniziare a "piegarsi" e assumere la sua forma funzionale e iniziare a operare.

È la prima volta che si riesce a realizzare un robot in grado di passare da una forma "in due dimensioni" a una forma tridimensionale, e questa sua particolare caratteristica gli fornisce alcune proprietà interessanti.

Sondaggio
Qual Ŕ l'invenzione che aspetti di pi¨?
L'auto che si guida da sola, senza conducente
Un chip per migliorare la memoria e incrementare le capacitÓ cognitive dell'uomo
La carne fabbricata in laboratorio
L'auto (o la bicicletta) volante
Un robot personale per i lavori pesanti o noiosi
La macchina per viaggiare nel tempo
La pillola per aumentare la longevitÓ
Nessuna di queste
Non lo so

Mostra i risultati (2212 voti)
Leggi i commenti (12)

Innanzitutto, l'intero processo è estremamente economico. Poi, cambiano e si semplificano i sistemi per trasportare e attivare un robot: «Immaginate una 'risma' costituita da decine di fogli-robot impilati uno sull'altro come un sandwich così da poter essere lanciati nello spazio dove poi possono assemblarsi autonomamente e operare come normali satelliti» ha spiegato Sam Felton, del MIT.

Qui sotto, il video che mostra come il robot-origami passi dalla forma "piatta" a quella tridimensionale, e riesca persino a muoversi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il drone sottomarino che si mimetizza tra i pesci
Cani e gatti robot tutti da accarezzare
Gli spermatozoi robot per la fecondazione in vitro
Il ristorante dove tutto il cibo è cucinato e servito da robot
Se il badante è un robot

Commenti all'articolo (3)

:lol: :lol: :lol:
18-8-2014 18:56

Molto interessante. :shock: Scusate un momento, vado solo a piantare un paletto di frassino nel centro di quella risma da 500 fogli che mi hanno appena consegnato. :twisted: Mauro Leggi tutto
9-8-2014 17:11

{Giona}
Hanno rotto i cosiddetti!!!!
8-8-2014 22:49

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilitÓ di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttivitÓ e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1300 voti)
Gennaio 2022
Iliad e Vodafone, fusione in vista
Video porno interrompe convegno online del Senato
Amazon introduce la consegna con la password
Parchimetri e pagamenti via codice QR, la truffa è servita
Norton e Avira generano criptovalute coi PC degli utenti
Chiude per sempre Popcorn Time, il netflix dei pirati
Digitale terrestre, riparte il balletto delle frequenze
BlackBerry addio, stavolta per davvero
Dicembre 2021
Windows 11 sbaglia a mostrare i colori
L'app che “sgonfia” Windows 10 e 11
Il CEO di Vivaldi: “Microsoft è disperata”
Gli AirTag? Ottimi per rubare le auto
Microsoft ammette: SSD più lenti con Windows 11
Smart working: dall'emergenza alla normalità
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 27 gennaio


web metrics