Dove prende i soldi Kim Dotcom?

La corte suprema lo vuole sapere.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 03-09-2014]

kim dotcom

La storia di Megaupload e della sua chiusura all'alba del 2012 non è soltanto una storia di diritti d'autore violati e sequestri dalle dubbie basi legali.

È anche la storia di un considerevole patrimonio, quello di Kim Dotcom, che è stato congelato proprio nei giorni precedenti il raid condotto a casa del fondatore di Megaupload.

Da quel momento, per Dotcom il problema è stato non solo combattere in tribunale per evitare le condanne per pirateria, ma anche riuscire a recuperare il proprio patrimonio.

Non che da allora egli abbia vissuto in povertà: il suo stile di vita, compreso l'utilizzo di una delle case più costose della Nuova Zelanda, non è cambiato; ciò significa che ha comunque trovato il modo per assicurarsi degli introiti non indifferenti.

Proprio su questo punto si stanno concentrando al momento le attenzioni delle major che a suo tempo hanno dichiarato guerra a Megaupload: vogliono sapere da dove arrivi tutto il denaro di Kim Dotcom, e non per mera curiosità. L'idea è che, quando (per le major non c'è dubbio in proposito) sarà condannato, potranno mettere le mani su quel patrimonio come risarcimento per i danni.

Per accertarsi che le cose vadano in questo modo, 20th Century Fox, Disney, Paramount, Universal, Columbia Pictures e Warner Bros hanno richiesto ufficialmente tramite i loro avvocati di conoscere l'entità esatta delle risorse di Kim Dotcom, e hanno trovato l'appoggio della Corte Suprema neozelandese: questa ha ordinato a Dotcom di rivelare tutto ciò che compone il suo patrimonio entro il 5 settembre.

Sondaggio
Qui sotto trovi in ordine alfabetico i 20 marchi più pregiati nel 2014, secondo la celebre classifica compilata da Millward Brown. Secondo te qual è il più pregiato? Confronta poi il tuo voto con questo link.
Amazon
Apple
AT&T
China Mobile
Coca-Cola
GE
Google
IBM
Industrial and Commercial Bank of China
McDonald's
Marlboro
Mastercard
Microsoft
SAP
Tencent
UPS
Verizon
Visa
Vodafone
Wells Fargo

Mostra i risultati (2461 voti)
Leggi i commenti (5)

Ovviamente Dotcom ha fatto ricorso, ma l'udienza d'appello è stata fissata in ottobre, ben oltre la scadenza fissata dalla Corte Suprema. Per questo motivo ha presentato la richiesta che la scadenza del 5 settembre venisse spostata.

Tale richiesta, tuttavia, è stata respinta: il tribunale non ha accolto il punto di vista degli avvocati, secondo i quali costringere Kim Dotcom a rivelare il proprio patrimonio sarebbe una violazione della privacy e costituirebbe una perquisizione senza motivo.

Il fatto è che, secondo il tribunale, esiste la possibilità che i danni richiesti dagli studios - fino a 100 milioni di dollari - eccedano la disponibilità economica di Kim Dotcom, e una valutazione precisa sembra d'obbligo.

Di quanti soldi dispone quindi Kim Dotcom? La risposta è nel prossimo articolo.

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
Ancora sotto sequestro i milioni di Kim Dotcom

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Mega fallisce l'ingresso in Borsa
Autovelox, Kim Dotcom rischia espulsione da Nuova Zelanda
Sequestro Megaupload illegale, FBI deve restituire tutto
FBI chiude MegaUpload, Anonymous contrattacca

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Durante un lungo viaggio in treno o in aereo, che cosa preferisci fare?
Ascoltare la musica
Chiacchierare coi vicini
Dormire
Giocare (con il notebook, il tablet, lo smartphone ecc.)
Guardare un film o una serie Tv
Guardare il panorama... o le hostess
Lavorare al computer
Leggere un libro, o un ebook
Navigare su Internet (vale solo in treno)
Telefonare (vale solo in treno)

Mostra i risultati (2630 voti)
Gennaio 2022
Nvidia e Arm, l'accordo è vicino a saltare
Iliad e Vodafone, fusione in vista
Video porno interrompe convegno online del Senato
Amazon introduce la consegna con la password
Parchimetri e pagamenti via codice QR, la truffa è servita
Norton e Avira generano criptovalute coi PC degli utenti
Chiude per sempre Popcorn Time, il netflix dei pirati
Digitale terrestre, riparte il balletto delle frequenze
BlackBerry addio, stavolta per davvero
Dicembre 2021
Windows 11 sbaglia a mostrare i colori
L'app che “sgonfia” Windows 10 e 11
Il CEO di Vivaldi: “Microsoft è disperata”
Gli AirTag? Ottimi per rubare le auto
Microsoft ammette: SSD più lenti con Windows 11
Smart working: dall'emergenza alla normalità
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 28 gennaio


web metrics