BitTorrent vuole la certificazione RIAA

Diventerà un servizio di distribuzione della musica online a tutti gli effetti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-10-2014]

riaa certificazione bittorrent

L'esperimento di Thom Yorke, che ha distribuito il suo nuovo album in collaborazione con BitTorrent, sta risultando un gran successo.

In poco più di 10 giorni ha superato il milione di download (contando sia le vendite dell'album che le singole tracce offerte gratuitamente) e aperto la strada a BitTorrent per diventare un nome importante nella distribuzione legale di musica a pagamento.

I prezzi sono molto contenuti - l'intero album di Yorke costa 6 dollari - e il sistema taglia fuori tutti gli anelli della catena di distribuzione classica, facendo sì che la maggior parte del denaro ricavato finisca poi all'artista.

Quale può essere quindi il passo successivo per BitTorrent? Ottenere l'approvazione della RIAA, la potente associazione americana delle case discografiche.

In effetti - stando a quanto il portavoce di BitTorrent Christian Averill ha dichiarato a TorrentFreak - ora l'azienda punta davvero a ottenere la certificazione RIAA.

Sondaggio
L'amazonite Ŕ...
Una pietra (semi)preziosa.
La spasmodica ammirazione per un popolo di donne guerriere.
Lo shopping compulsivo e la dipendenza patologica da un noto negozio online.
Nessuna di queste. In italiano si scrive amazzonite ;)

Mostra i risultati (1433 voti)
Leggi i commenti

«La nostra visione prevede che i Bundle diventino parte del tradizionale sistema di riconoscimenti e classifiche dell'industria musicale» spiega Averill: così un'opera distribuita in tal modo potrebbe puntare a vincere il disco d'oro o di platino.

Dal canto proprio, la RIAA non è affatto contraria: preferisce certamente incentivare un sistema di distribuzione legale piuttosto che la pirateria.

Nonostante il via libera informale, per ottenere la certificazione occorrerà un po' di tempo: BitTorrent dovrà prima adempiere tutti i passi burocratici richiesti affinché ciò avvenga.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Sony voleva comprare BitTorrent
BitTorrent licenzia 45 impiegati
L'album musicale che si acquista tramite torrent
BitTorrent e il dilemma del pirata

Commenti all'articolo (1)

AUGURIIII!!! :D
9-10-2014 00:23

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Immaginiamo un mondo popolato dalle auto di Google: senza pilota, senza sterzo e senza pedali. Qual Ŕ il maggior svantaggio? (vedi anche i vantaggi)
L'auto di Google Ŕ veramente brutta! Pi¨ che un auto Ŕ un'ovovia.
Ci toglierÓ il piacere di guidare e la nostra vita sarÓ un po' pi¨ triste.
AvrÓ un costo non sostenibile per la maggior parte degli utenti.
Ci sarÓ maggior traffico: con un'auto senza pilota il trasporto privato verrebbe incentivato rispetto al trasporto pubblico.
Il Gps incorporato potrebbe non essere efficiente, costringendoci a fare percorsi pi¨ lunghi o pi¨ lenti o addirittura non portandoci mai a destinazione.
Ho timori soprattutto per la privacy: le auto di Google potranno collezionare dati su come mi sposto e quando.
In caso di incidente con nessuno al volante, non Ŕ chiaro di chi sarÓ la responsabilitÓ civile. E a chi tocca pagare l'assicurazione? All'utente o a Google? O allo Stato?
SarÓ esposta ad attacchi hacker o terroristici: di fatto avremo minore sicurezza sulle strade.
Se il sistema prevede un urto inevitabile, potrebbe trovarsi di fronte a scelte etiche insormontabili. Uccidere un anziano o un bambino? Due uomini o un bambino? Un uomo o una donna? Uscire di strada o urtare altri veicoli o pedoni? Andare addosso a un SUV o a un'utilitaria?
Rispetto alle auto tradizionali impiegheranno troppo tempo ad arrivare a destinazione, non potendo superare i limiti di velocitÓ o fare manovre azzardate.
I tassisti non esisteranno pi¨: giÓ immagino le loro legittime proteste.

Mostra i risultati (2019 voti)
Settembre 2021
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Windows 11, svelata la data di lancio
Agosto 2021
La barra di Windows 11 è di proposito peggiore di quella di Windows 10
Violati i server TIM, password degli utenti a rischio
Windows 11, disponibile la prima ISO ufficiale
Microsoft: disabilitate il sistema di stampa di Windows (di nuovo)
Google taglia gli stipendi a chi sceglie il telelavoro
Gli iPhone scansioneranno tutte le foto alla ricerca di pedopornografia
Due parole sull’attacco informatico “terroristico” alla Regione Lazio
Windows 365 è già disponibile e costa meno di 30 euro al mese
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 18 settembre


web metrics