Il cucchiaio smart di Google per i malati di Parkinson

Contrasta i tremori restituendo così una vita più normale.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 20-12-2014]

google liftware cucchiaio parkinson

Chi soffre del morbo di Parkinson è afflitto da tremori alle mani che spesso compromettono la possibilità di compiere le azioni più semplici.

Anche solo mangiare adoperando delle normali posate diventa una sfida, perché il tremore impedisce di avere il controllo necessario.

Liftware, un'azienda acquisita da Google lo scorso settembre, ha sviluppato un prodotto in grado di cambiare questa situazione: un cucchiaio che annulla gli effetti dei movimenti involontari.

Il segreto sta nel manico: lì vi sono nascosti diversi sensori e un piccolo computer che ha il compito di distinguere i tremori, da compensare, dai movimenti volontari, da agevolare.

Gli algoritmi sviluppati da Liftware svolgono proprio questo compito, e due motori si occupano di muovere il cucchiaio nel senso opposto ai tremori: il risultato è un'impressionante riduzione di questi ultimi, che calano in media del 70%.

Sondaggio
Qual è stata secondo te la scoperta tecnologica più imponente, tra queste?
La fotografia
La riproduzione dei suoni
Il laser
L'elettromagnetismo
Il motore diesel
I computer
I raggi X
I robot
Vorrei suggerirne un'altra, nei commenti qui sotto

Mostra i risultati (2160 voti)
Leggi i commenti (10)

In questo modo chi soffre di Parkinson può tornare a mangiare normalmente sena temere di rovesciare il contenuto della posata. La parte finale del dispositivo di Liftware, inoltre, è intercambiabile: può diventare un cucchiaio, una forchetta o un cucchiaio più ampio, per le zuppe.

L'efficacia della soluzione è stata testimoniata dai test clinici. La dottoressa Jill Ostrem, del San Franciso Medical Center dell'Università della California, racconta: «Ho dei pazienti che non potevano mangiare da soli, ma dovevano essere imboccati; ora possono farlo. Certo la malattia non viene curata - i tremori ci sono ancora - ma il cambiamento è molto positivo».

Qui sotto, un video che mostra l'invenzione di Liftware in azione.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Lo smartwatch per combattere il Parkinson
Bastano tre note per identificare un brano musicale
Parkinson, per individuarlo basta una telefonata
Un chip impiantato nel cervello per stimolare l'orgasmo

Commenti all'articolo (3)

Sicuramente la novità e la ricerca costano, c'è qualche speranza che visto potenziale successo del dispositivo i prezzi calino. Un ogni caso questa sembra veramente una bella innovazione.
21-12-2014 18:36

{Vitaliano}
E' un prodotto fantastico. Peccato costi 300 $. 300 $ per un cucchiao/forchetta per un anziano, forse sono un po' troppi. Basta andare al link: link
19-12-2014 15:29

E' un piacere leggere queste notizie. Quando la tecnologia risolve in qualche modo i problemi reali di gente in difficoltà e non solo le paturnie dei tecnoisterici.
19-12-2014 07:58

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Hai mai acceduto a una rete Wi-Fi di qualcuno senza il suo permesso?
No, mai.
No, ma lo farei se ne avessi la possibilità.
Sì, ma era una rete Wi-Fi pubblica approntata appositamente.
Sì, ma era una rete Wi-Fi lasciata aperta e quindi ci potevo entrare anche senza le credenziali necessarie.
Sì, una rete Wi-Fi privata di cui ho hackerato la password (o di cui ho conosciuto la password).

Mostra i risultati (1967 voti)
Aprile 2021
Windows 10 rileverà la presenza dell'utente davanti al computer
Yahoo Answers chiude i battenti per sempre
Aggiornamento urgente per iPhone e iPad
Marzo 2021
La macchina di Anticitera
Hacker contro Richard Stallman, la macchina del fango
Robot assassini crescono
Tracker nelle app: cosa sta succedendo in Rete?
Recupero IVA: oltre il 50% non viene rivendicata
Quiz: sei in una zona senza copertura cellulare
Bitcoin, un dilemma etico
Hackerate 150mila videocamere di sorveglianza, tra cui quelle di Tesla
Personal killer robot
La “truffa alla nigeriana” è un classico. Del sedicesimo secolo
Hard disk a confronto con SSD nei data center
Sciami di router nelle nostre case conoscono la nostra posizione
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 10 aprile


web metrics