Licenziato per aver chiamato MILF le colleghe

L'insulto su Facebook costa a un uomo il posto di lavoro.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 19-02-2015]

milf collega facebook licenziato

La vicenda ha inizio nel 2012. Un uomo, legato a un'azienda da contratti a termine, allo scadere degli stessi viene lasciato a casa. Dopo essere ricorso al tribunale, a maggio 2014 viene reintegrato nel posto di lavoro.

Poteva finire tutto lì ma l'uomo, il giorno stesso in cui torna al lavoro, pubblica sul proprio profilo Facebook un post in cui si vanta del reintegro insultando i datori di lavoro (condannati a riassumerlo in azienda e a pagare gli arretrati) ma si lamenta dell'accoglienza da parte delle colleghe.

L'uomo le definisce MILF, un acronimo inglese che chi frequenta Internet ha probabilmente incontrato: non è certo un complimento dato che, come spiega Wikipedia, significa «Madre che mi vorrei scopare».

Il post continua con poco delicate allusioni sulla scarsa attività sessuale delle colleghe, ree di averlo accolto a suon di «bacetti», e l'invito a rivolgersi a un gigolò per soddisfare le proprie voglie.

Non ci vuole molto perché l'azienda venga a conoscenza di quanto l'uomo ha scritto su Facebook e perché scatti un nuovo licenziamento, causato proprio da quelle parole.

L'uomo si rivolge al tribunale di Ivrea ammettendo di aver scritto le frasi offensive ma asserendo che il licenziamento sarebbe stato una punizione sproporzionata; stavolta però perde: il giudice ritiene infatti che la condotta del dipendente licenziato giustifichi pienamente il provvedimento preso dall'azienda.

I motivi sono diversi. Intanto, il fatto che il post incriminato non era visibile esclusivamente agli amici ma era pubblico, e pertanto accessibile quantomeno a tutti gli utenti di Facebook.

Sondaggio
Ad alta quota, secondo te, qual è il comportamento più fastidioso?
Il passeggero della fila avanti che reclina lo schienale, senza nemmeno girarsi e avvisarti gentilmente.
Il passeggero della fila dietro che punta le piante dei piedi (o le ginocchia) nella parte alta del sedile.
I bambini che urlano ripetutamente o infastidiscono gli altri passeggeri, senza che i genitori intervengano.
Il passeggero che puzza di sudore.
Il passeggero che ascolta la musica ad alto volume.
Il passeggero che si ubriaca in volo.
Il passeggero che cerca di psicanalizzarti... per tutto il viaggio.
Il passeggero che si allarga sui braccioli del vicino.
I passeggeri che amoreggiano durante il volo.
Il passeggero che cerca di rimorchiare.

Mostra i risultati (2446 voti)
Leggi i commenti (17)

Inoltre - come scrive il giudice nella sentenza, «I reiterati insulti gratuiti profferiti non solo nei confronti dei propri superiori [...] ma soprattutto di colleghe del tutto estranee alle controversie che hanno contrapposto il sig. X al proprio ex datore di lavoro risultano assolutamente gravi, in quanto denotano la volontà del ricorrente di diffamare sia la società, sia parte dei dipendenti con le modalità potenzialmente più offensive dell’altrui reputazione».

Il particolare, l'uso dell'acronimo MILF viene ritenuto grave, in quanto parola «ormai divenuta sinonimo di pornostar al termine della carriera, con evidente caratterizzazione negativa, sia in relazione all’attività del soggetto, sia all’età avanzata in relazione alla professione medesima».

«Insomma» - conclude il giudice - «davvero è difficile comprendere come la convenuta potrebbe pensare di mantenere in vita un rapporto di lavoro con un soggetto che, a mente fredda e senza alcun tipo di provocazione da parte di colleghe, ma solo in ragione di una accoglienza troppo amicale, le abbia sostanzialmente definite, coram populo, vecchie prostitute senza clienti».

L'uomo, oltre ad aver perso il lavoro, dovrà anche pagare le spese processuali.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Approfondimenti
Licenziato per aver detto la verità
Licenziata per un post su Facebook sul cibo della mensa scolastica
Espulso dal sindacato per un'email critica sugli stipendi d'oro

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 14)

Quoto entrambi e preciso che più che il bar credono sia il WC del bar. Leggi tutto
11-3-2015 23:25

Ora possono licenziare senza giusta causa, i nuovi assunti, il reintegro mi sembra sia possibile solo se si riesce a provare che ci sia stata nei confronti del lavoratore qualche forma di discriminazione. Ora cè la "buonauscita". Se invece c'è gente che crede sia un male che ci siano i sindacati e le cause del lavoro gli... Leggi tutto
20-2-2015 17:12

Non ho capito. Una società non può licenziare senza una giusta causa. Se questo succede ci si può rivolgere ad un giudice per valutare se le motivazioni del licenziamento sono corrette o meno. Se il giudice ritiene che non lo siano può decidere per il reintegro. Sarebbe allucinante se non ci fosse questa opportunità, a tutela di chi... Leggi tutto
20-2-2015 13:18

{whies}
Deve aver letto il manuale del perfetto frustrato aggressivo. Purtroppo in giro ce ne sono parecchi così, frustrati e con una visione per così dire "ristretta" della propria parte femminile, e quindi delle donne in generale. E infine, perdonate la generalizzazione, non mi posso stupire che in italia nessuno... Leggi tutto
20-2-2015 12:54

No, sarebbe stato uguale, il dipendente, appena reintegrato, aveva tanto astio nei confronti dei suoi superiori che se la è presa con chi non centrava niente, e non aveva astio nei suoi confronti. E' chiaro che essere chiamate MILF non è un complimento. Provate a scrivere milf sul campo cerca...il terzo risultato è un sito porno!!... Leggi tutto
20-2-2015 11:08

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Negli ultimi 12 mesi hai danneggiato accidentalmente un oggetto tecnologico portatile? (per esempio smartphone, fotocamera, notebook, tablet, ebook reader)
Sì, mi è caduto a terra.
Sì, mi è caduto in acqua (o ci ho versato dei liquidi).
Sì, ci ho lasciato giocare un bambino.
Sì, mi ci sono seduto sopra.
Sì, mentre lo lanciavo a un amico (o sulla scrivania).
No.

Mostra i risultati (2321 voti)
Settembre 2021
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Windows 11, svelata la data di lancio
Agosto 2021
La barra di Windows 11 è di proposito peggiore di quella di Windows 10
Violati i server TIM, password degli utenti a rischio
Windows 11, disponibile la prima ISO ufficiale
Microsoft: disabilitate il sistema di stampa di Windows (di nuovo)
Google taglia gli stipendi a chi sceglie il telelavoro
Gli iPhone scansioneranno tutte le foto alla ricerca di pedopornografia
Due parole sull’attacco informatico “terroristico” alla Regione Lazio
Windows 365 è già disponibile e costa meno di 30 euro al mese
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 19 settembre


web metrics