La lampadina intelligente ma anche economica

Si controlla dallo smartphone ed è in vendita a un prezzo abbordabile.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 22-03-2015]

cree led

Le lampadine intelligenti hanno il pregio di essere molto versatili ma anche il grande difetto di essere molto costose.

Grazie a Cree, però, le cose ora cambiano. L'azienda americana ha infatti creato Connected LED Bulb, una lampadina smart che però è anche economica.

Come dice il nome, la lampadina di Cree funziona a LED; è l'equivalente di una lampadina tradizionale da 60 W, ma consuma soltanto 11,5 W. Inoltre ha una durata prevista di 25.000 ore.

Le sue caratteristiche, ovviamente, non si fermano qui: tramite l'app per Android o iOS si può regolarne l'intensità e anche stabilire l'orario di accensione.

Perché ciò sia possibile è necessario tuttavia possedere anche un hub di controllo: Connected LED Bulb è compatibile con quelli che seguono gli standard ZigBee e Wink.

Sondaggio
Qual è il momento tra questi in cui avverti il maggior bisogno di privacy?
Leggo gli annunci di lavoro in ufficio
Spio un/una mio/a ex sui social network
Utilizzo i social network in ufficio
Consulto l'online banking
Guardo foto o filmati a luci rosse
Invio o guardo foto private
Faccio shopping online

Mostra i risultati (1581 voti)
Leggi i commenti (4)

La lampadina intelligente di Cree si trova in vendita presso Home Depot a 15 dollari (circa 14 euro).

Al di là delle difficoltà di reperimento per gli utenti italiani, bisogna sottolineare che Connected LED Bulb utilizza un attacco E26, non adoperato da noi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Le lampadine intelligenti che escludono quelle della concorrenza
La smart lampadina... veramente intelligente
Vulnerabilità nelle lampadine intelligenti
Le lampadine smart che si controllano in remoto
La lampadina a LED di Philips perde il bulbo e diventa piatta
Da Philips la lampada LED più efficiente

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)

E che, ovviamente, i dati inviati non sono criptati ma che chiunque li può captare e leggere... :roll:
25-3-2015 19:04

Poi dopo un pò si scoprirà che invia a qualcuno i dati che registra (suoni o video) come fanno già adesso alcuni televisori. Pensate a quelle messe in bagno o in camera da letto cosa potrebbero divulgare. O in cucina per vedere cosa si cucina e si mangia.
25-3-2015 19:02

Esatto! Geniale vero? :wink: Leggi tutto
25-3-2015 18:39

{Devide}
Secondo me l'affare complementare per la Cree sta nel collettare i dati degli utenti, visto che l'app li chiede in quantità.
23-3-2015 22:11

Che consuma anche quando e' spenta, perché il wifi deve restare sempre acceso in attesa di comandi dallo smartphone. Leggi tutto
23-3-2015 18:18

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Questo sondaggio è stato visto sul sito di un ristorante a domicilio: Qual è il motivo principale per cui hai fatto un ordine nel nostro ristorante online?
Ho cliccato su un annuncio o un banner pubblicitario.
Avevo un coupon o un buono sconto.
Me l'ha raccomandato un amico o un parente.
Me l'ha suggerito un collega di lavoro.
Avevo già ordinato qui e mi ero trovato bene.
Dalle immagini i piatti proposti sembravano appetitosi.
Altro, specificare --> "AVEVO FAME"

Mostra i risultati (513 voti)
Febbraio 2020
Il primo smartphone con Windows 10
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Windows 10, la patch causa più problemi di quelli che risolve
Gennaio 2020
Mummia di 3.000 anni torna a parlare
Microsoft per pietà aggiorna Windows 7
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Tutti gli Arretrati


web metrics