Decreto antiterrorismo, evitato il trojan di Stato (per ora)

Il testo in esame alla Camera prevedeva la possibilità di spiare le comunicazioni di tutti gli italiani.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 27-03-2015]

dl terrorismo renzi controllo remoto

Questo è un articolo su più pagine: ti invitiamo a leggere la pagina iniziale
Renzi stralcia i controlli informatici antiterrorismo dal decreto Alfano

È stato varato lo scorso 10 febbraio il "decreto anti-terrorismo", scritto in seguito agli attentati di Parigi con lo scopo di rafforzare le difese italiani contro eventi di quel tipo.

In questi giorni, il decreto è in discussione alla Camera dei Deputati per la sua conversione in legge, ma le polemiche scatenate da una sua parte hanno convinto il Governo a chiedere che il passaggio incriminato venga stralciato.

Nella stesura originale, il decreto inseriva una modifica all'articolo 266 bis del codice di procedura penale, quello relativo all'intercettazione di comunicazioni informatiche o telematiche.

In pratica, stando ai pareri di persone autorevoli come Stefano Quintarelli, dava il via libera al trojan di Stato, ossia alla possibilità di spiare tutti gli italiani.

«Dopo le parole "è consentita l'intercettazione del flusso di comunicazioni relativo a sistemi informatici o telematici ovvero intercorrente tra più sistemi"» - spiega Quintarelli - «sono aggiunte le seguenti: "anche attraverso l'impiego di strumenti o di programmi informatici per l'acquisizione da remoto delle comunicazioni e dei dati presenti in un sistema informatico"».

Tale variazione avrebbe permesso l'utilizzo di software per spiare le comunicazioni in maniera generalizzata, non soltanto verso i sospetti di terrorismo: in pratica, chiunque in base a una qualunque ipotesi di reato avrebbe potuto essere spiato.

L'uso di tali mezzi, continua Quintarelli, è «una delle operazioni più invasive che lo Stato possa fare nei confronti dei cittadini, poiché quella metodologia è contestualmente una ispezione, una perquisizione, una intercettazione di comunicazioni, una acquisizione occulta di documenti e dati anche personali; tutte attività compiute in un luogo, i sistemi informatici privati, che equivalgono al domicilio. E tutte quelle attività vengono fatte al di fuori delle regole e dei limiti dettate per ognuna di esse dal Codice di Procedura Penale».

Di parere analogo s'è detto anche il Garante della Privacy, Antonello Soro, il quale ha ribadito le proprie perplessità circa «l'emendamento che ammette le intercettazioni preventive (disposte dall'autorità di pubblica sicurezza nei confronti di meri sospettati), per i reati genericamente commessi online o comunque con strumenti informatici. Anche in tal caso l'equilibrio tra protezione dati ed esigenze investigative sembra sbilanciato verso queste ultime».

Tutto ciò ha spinto il governo a ritirare quella parte del decreto: pare che sia stato proprio il Presidente del Consiglio, Matteo Renzi, a richiederlo. Il viceministro Filippo Bubbico ha spiegato in Parlamento che il governo preferisce «approfondire il confronto e la riflessione sulla intercettazioni telematiche da remoto» prima di intervenire nuovamente in questo senso, cosa che avverrà «nell'ambito del provvedimento sulle intercettazioni telefoniche».

Sondaggio
Qual è il momento tra questi in cui avverti il maggior bisogno di privacy?
Leggo gli annunci di lavoro in ufficio
Spio un/una mio/a ex sui social network
Utilizzo i social network in ufficio
Consulto l'online banking
Guardo foto o filmati a luci rosse
Invio o guardo foto private
Faccio shopping online

Mostra i risultati (1628 voti)
Leggi i commenti (4)

Il ministro dell'Interno, Angelino Alfano, non pare soddisfatto di come sono andate le cose: in un'intervista televisiva ha affermato che «la norma proposta nell'emendamento prevedeva le intercettazioni sempre sotto l'autorizzazione della magistratura e per un determinato tipo di reati» e, quindi non in maniera indiscriminata.

Inoltre - ha aggiunto il ministro - «siamo disponibili a restringere il campo solo alle fattispecie terroristiche. La sfida contro il terrorismo non ammette vantaggi per i terroristi».

Per il ministro dell'interno la riforma delle intercettazioni dovrebbe passare attraverso un giro di vite che ponga fine a quelle condotte per contrastare reati secondari rispetto al terrorismo: «Occorre intercettare per scoprire il reato, non il peccato. La nostra idea è di sanzionare molto severamente chi pubblica intercettazioni irrilevanti per l'inchiesta, con multe che disincentivino questo costume».

Per ora l'emendamento che introduceva il trojan di Stato è stato sospeso, ma non è detto che non possa ripresentarsi: quando si metterà mano alla legge sulle intercettazioni (intervento che, come l'intervista al ministro Alfano ricorda, è atteso a breve), potrebbe sempre rispuntare.

L'intervento del governo nello stralciare l'emendamento, come spiega Stefano Rodotà, « resta sempre un semplice passo indietro e per di più provvisorio, perché questa minaccia alla privacy verrà riproposta in sede di disciplina delle intercettazioni. La disinvoltura legislativa dell'uso di un decreto legge per intervenire sui diritti fondamentali è veramente preoccupante. Già era improvvido affrontare così l'argomento, ma adesso complicherà ancora di più l'iter della legge sulle intercettazioni».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 24)

{giordano bruno}
già dai tempi del ventennio avevamo TUTTI i telefoni controllati e registrati. Ora sappiamo bene che questo è un dato di fatto anche nel presente. Non solo viene permesso anche ai privati di fare commercio di dati personali tramite il web, basta essere registrati in un qualunque account di un qualunque portale che i tuoi... Leggi tutto
4-4-2015 16:31

{Schnee}
Un forum dove c'è gente che pensa con la propria testa e non ricade nei soliti predigeriti e "suggeriti" schemi "destra, sinistra, centro". Senz'altro qualche grande fratello starà interessandosi di gente così "sovversiva".
30-3-2015 18:49

Non serve inventare parole bizzarre. Esiste già un adeguato termine tecnico: Post-Democrazia Che significa esattamente la forma, il guscio vuoto della democrazia senza più alcuna sostanza di democrazia. Una mascherata per gli ingenui e per chi non tollera la verità ed ha bisogno di mascherarsi anche ai propri occhi. La cosa peggiore è... Leggi tutto
30-3-2015 13:29

Avete già scritto tutto. Vorrei aggiungere che: * Decreti come questi non hanno assolutamente senso e non possono essere senza sospetti, finché la legislazione continuerà a considerare la pirateria generica (infrazione di copyright o roba simile, concernente PRIVATE multinazionali) alla stregua di terrorismo informatico (cracker di... Leggi tutto
30-3-2015 13:00

{Geppo}
@budspanzer Complimenti per la sintetica carrellata con cui sono assolutamente d'accordo. Ma se ci confermiamo a vicenda queste cose, mentre la larghissima maggioranza della popolazione non le capisce, oppure vede solo quelle che rientrano nell'interesse personale, credo che niente si muoverà. Dividi e impera e renzi, il... Leggi tutto
29-3-2015 10:35

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Gli smartphone integrano fotocamere sempre più potenti e tecnologicamente avanzate. Pensi che le fotocamere compatte diverranno un prodotto di nicchia?
Sì, perché è più comodo avere un unico dispositivo che faccia tutto quanto e che porto sempre con me
No, perché le fotocamere compatte saranno sempre un passo avanti con l'ottica, lo zoom, il flash e via dicendo
Non voglio azzardare una previsione.

Mostra i risultati (1799 voti)
Agosto 2020
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Tutti gli Arretrati


web metrics