Impressioni d'uso

In prova: Homido Virtual Reality Headset.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 20-08-2015]

Questo è un articolo su più pagine: ti invitiamo a leggere la pagina iniziale
In prova: Homido Virtual Reality Headset

Il principio su cui si basa Homido è la presenza di due lenti di ingrandimento (una per occhio) che ingrandiscono le immagini, visualizzate sdoppiate sullo schermo del dispositivo; in questo modo si dà la sensazione di immersione nel contenuto e si crea un effetto di tridimensionalità.

Come accennato prima, la risoluzione minima per avere un risultato ottimale è di 1.080x1.920 pixel; al di sotto di questa si cominciano a notare gli stessi pixel che compongono i colori dello schermo.

Abbiamo inoltre provato Homido con dispositivi di dimensioni differenti ai limiti della compatibilità: un vecchio iPhone 5, il cui schermo di 4 pollici è al limite delle dimensioni minime consigliate; un Samsung Galaxy Note 3, dotato di schermo da 5,7 pollici, ovvero il limite superiore; e un LG G3 S con display da 5 pollici, ovvero la dimensione ottimale.

Con un display di dimensioni inferiori al minimo consigliato (per esempio un iPhone 4 da 3,5 pollici) si riesce ancora a utilizzare il dispositivo, incappando qualche volta nella possibilità che lo smartphone esca dall'alloggiamento e finisca contro le lenti; ma se la risoluzione è sufficiente si ha comunque un buon risultato.

homido

Con display molto grandi al contrario non c'è rischio che il telefono si sposti ma le dimensioni non permettono di posizionare correttamente il telefono e una piccola parte dello schermo resta tagliata fuori: già col Galaxy Note 3 da 5,7 pollici l'effetto si nota leggermente.

Esistono moltissime applicazioni per la realtà virtuale e moltissimi giochi; lo svantaggio è che possono causare qualche mal di testa, dato che si continua a muovere la testa.

Sicuramente l'utilizzo più interessante è la visualizzazione di foto e video a 360 gradi, che rendono l'esperienza della realtà virtuale molto coinvolgente.

Inoltre per come è fatto il prodotto non è possibile toccare lo schermo dopo aver inserito il telefono nel visore: questo pregiudica tutti gli utilizzi che prevedono un frequente tocco dello schermo, se non si dispone di un telecomando o controller esterno. Invece una semplice immagine o un video non necessitano ulteriore interazione con lo schermo, una volta aperti. Soltanto tramite Android è anche possibile lo streaming di giochi dal PC.

Sicuramente un'esperienza divertente è fare da spettatori e osservare "da fuori" un utente del visore muovere la testa per guardarsi intorno e ascoltarne i divertiti commenti.

L'articolo prosegue dopo il filmato con la tabella delle specifiche tecniche e il giudizio della redazione.

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
Specifiche tecniche e giudizio della redazione

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Edoardo Prandin

Approfondimenti
Drumpants 2.0 per tamburellare sui pantaloni
Hololens, la realtà virtuale secondo Microsoft
In vendita gli occhiali a realtà aumentata di Castar
Da Archos un visore per la realtà virtuale supereconomico
Controllare i droni con Oculus Rift
Da Sony un casco per la realtà virtuale per PS4

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Una ricerca dell'UniversitÓ di Lund (Svezia) mostra che avere un bambino costa al Pianeta l'emissione di 58,6 tonnellate di CO2 l'anno. In proporzione, si tenga conto che non avere l'auto fa risparmiare 2,4 tonnellate di CO2, l'essere vegani 0,8 tonnellate ed evitare un viaggio aereo 1,6 tonnellate. Lo studio conclude che una famiglia che sceglie di avere un bambino in meno contribuisce alla riduzione di emissioni di CO2 quanto 684 teenager che decidono di adottare un comportamento ecologista per il resto della vita. Cosa ne pensi?
╚ corretto. Far˛ meno figli.
Sono pazzi questi svedesi.

Mostra i risultati (1356 voti)
Settembre 2021
Windows 10, l'update di settembre impedisce di stampare
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Windows 11, svelata la data di lancio
Agosto 2021
La barra di Windows 11 è di proposito peggiore di quella di Windows 10
Violati i server TIM, password degli utenti a rischio
Windows 11, disponibile la prima ISO ufficiale
Microsoft: disabilitate il sistema di stampa di Windows (di nuovo)
Google taglia gli stipendi a chi sceglie il telelavoro
Gli iPhone scansioneranno tutte le foto alla ricerca di pedopornografia
Due parole sull’attacco informatico “terroristico” alla Regione Lazio
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 23 settembre


web metrics