Dal MIT il tavolo che si assembla da solo

Basta estrarlo dalla scatola e il mobile si monta da sé.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 20-08-2015]

programmable table

Comprare dei mobili da montarsi poi da soli, una volta arrivati a casa, è un'abitudine che permette di risparmiare a patto di fare un po' di fatica.

Il MIT di Boston ha però un intero laboratorio dedicato a sollevarci da questa fatica: il Self Assembly Lab, dove si studia la creazione di oggetti in grado di montarsi da soli. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Quale tra le invenzioni presentate alla Electrolux Lab Competition 2013 ti piacerebbe avere?
3F, l'aspirapolvere mutaforma
Breathing Wall, il muro che respira
Nutrima, la bilancia che ti dice se il cibo è fresco
OZ-1, la collana che assorbe i cattivi odori
Kitchen Hub, la dispensa intelligente
Mab, gli insetti che puliscono la casa
Global Chef, cucinare in telepresenza
Atomium, la stampante 3D per i cibi

Mostra i risultati (1021 voti)
Leggi i commenti (15)
In collaborazione con Wood Skin i ricercatori del MIT hanno ideato un tavolo capace di auto-assemblarsi.

Si chiama Programmable Table, Tavolo Programmabile, e il nome definisce la caratteristica principale del materiale che lo compone; può infatti essere programmato con una forma specifica affinché, dopo essere stato estratto dalla scatola nella quale è appiattito, la assuma automaticamente, senza bisogno di interventi esterni tranne una piccola spinta.

In Programmable Table c'è anche un po' d'Italia: nonostante il nome, la Wood Skin è un'azienda del nostro Paese, fondata da quattro giovani, e ha sede a Milano.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
La sedia che si assembla da sola
Il tavolo che fa da climatizzatore
CityHome, la casa multifunzionale

Commenti all'articolo (5)

Se si smonta anche da solo? A occhio e croce direi che sedercisi sopra dovrebbe essere sufficiente alla bisogna.
1-9-2015 17:27

Beh, certo, come prototipo, può avere degli sviluppi interessanti. :wink:
21-8-2015 15:41

l'idea e' carina, ma mi pare poco pratica: il tavolino e' piccolo, non lo si puo' nemmeno chiamare veramente tavolino e poi mi chiedo quanto possa essere robusto... diciamo che puo' essere un prototipo su cui lavorare, piu' che altro :)
21-8-2015 11:27

Ma poi si smonta pure da solo? Mi pare un'idea molto simile a quella degli ombrelli xhe si aprono da soli toccando un pulsante... Alcuni si chiudono pure con un pulsante.
20-8-2015 23:24

Onestamente onestamente? Se qualcuno me lo regalasse gli direi «ma perché mi fai questo? Cosa ti ho fatto di male?»
20-8-2015 23:06

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale tra queste tecniche diffusamente utilizzate dagli hacker ti sembra la più pericolosa?
1. Violazione di password deboli: l'80% dei cyberattacchi si basa sulla scelta, da parte dei bersagli, di password deboli, non conformi alle indicazioni per scegliere una password robusta.
2. Attacchi di malware: un link accattivante, una chiave USB infetta, un'applicazione (anche per smartphone) che non è ciò che sembra: sono tutti sistemi che possono installare malware nei PC.
3. Email di phishing: sembrano messaggi provenienti da fonti ufficiali o personali ma i link contenuti portano a siti infetti.
4. Il social engineering è causa del 29% delle violazioni di sicurezza, con perdite per ogni attacco che vanno dai 25.000 ai 100.000 dollari e la sottrazione di dati.
5. Ransomware: quei programmi che "tengono in ostaggio" i dati dell'utente o un sito web finché questi non paga una somma per sbloccarli.

Mostra i risultati (2204 voti)
Agosto 2020
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Hai installato Immuni?
Tutti gli Arretrati


web metrics