Il minireattore a fusione del MIT

Il reattore ARC fornirà energia nucleare pulita e a costi bassi.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 03-09-2015]

MIT reattore arc fusione 01

L'hanno battezzato Reattore ARC, come quallo che alimenta l'armatura di Iron Man, ed è il sogno che gli scienziati inseguono da decenni: un reattore a fusione nucleare di dimensioni ridotte e perfettamente funzionante.

ARC sta per Conveniente, Robust and Compact, ossia Economico, Robusto e Compatto: le caratteristiche ideali che il reattore deve avere perché la fusione possa iniziare a essere utilizzata; oltre a ciò, ovviamente, deve anche essere in grado di produrre più energia di quella che serve a tenerlo acceso, cosa che i suoi predecessori finora non sono riusciti a fare.

A progettarlo sono stati alcuni ricercatori del MIT, che l'hanno descritto con una pubblicazione su ScienceDirect.

A rendere possibile l'ideazione del reattore ARC è una recente novità nella tecnologia dei magneti, ossia la disponibilità di nuovi superconduttori, in particolare i superconduttori REBCO (REBCO sta per Rare-Earth Barium-Copper-Oxide, ossia Ossido di Ittrio-Bario-Rame), che permettono di generare potenti campi magnetici adatti al contenimento del plasma ad altissima temperatura; allo stesso tempo, grazie a questa soluzione non è più necessario che il reattore sia di proporzioni enormi.

Sondaggio
La tecnologia attuale rende già possibile avere dei ''superpoteri'' che un tempo sembravano appannaggio solo dei personaggi di fantasia. Quale non vedi l'ora di avere?
La capacità di respingere i proiettili, come Superman.
La resistenza alla fatica e alle ferite, come Batman.
Il "senso di ragno" di Spider-Man.
L'armatura di Iron Man.
L'invisibilità, come la Donna Invisibile.
Il "senso radar" di Daredevil.
La telecinesi, come Jean Grey degli X-Men.
Il governo dell'elettricità, come Fulmine Nero.
La vista di Robocop.

Mostra i risultati (1973 voti)
Leggi i commenti (2)

Un reattore più piccolo è anche meno costoso e più rapido da costruire. In breve, per citare il professore Dennis Whyte, primo autore dello studio che descrive il reattore ARC, la possibilità di utilizzare questi superconduttori «cambia tutto».

Inoltre, «il campo magnetico molto più intenso permette di raggiungere prestazioni molto maggiori» come racconta Brandon Sorborn, coautore dello studio. «Ogni aumento del campo magnetico è un'enorme vittoria»: per esempio - spiega ancora Sorborn - raddoppiarne l'intensità significa ottenere prestazioni sedici volte superiori.

Grazie ai nuovi superconduttori non si riesce a produrre un raddoppio nell'intensità del campo magnetico, ma ciò che si ottiene è comunque sufficiente per aumentare di 10 volte le prestazioni rispetto all'utilizzo dei superconduttori tradizionali.

Al momento, il reattore a fusione più potente del mondo è (o dovrebbe essere) il gigantesco ITER, che è in costruzione in Francia: la spesa per realizzarlo è di 40 miliardi di dollari. Il reattore ARC sarebbe in grado di eguagliarne la produzione ma con un costo di molto inferiore e con dimensioni dimezzate.

MIT reattore arc fusione

I ricercatori non si sono sbilanciati sui costi, ma hanno invece calcolato che il reattore ARC così com'è stato progettato sarebbe in grado di produrre tre volte l'elettricità necessaria per tenerlo in funzione, e c'è ancora spazio per miglioramenti; il dottor Sorborn ritiene che si possa arrivare a trasformare quel tre in un sei.

Quanto ai tempi di realizzazione, secondo Whyte e Sorborn non dovrebbero essere biblici: il primo prototipo funzionante potrebbe essere pronto tra dieci anni.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Stellarator, il reattore a fusione tedesco
Fusione nucleare, Lockheed annuncia nuovi reattori senza scorie
Tredicenne costruisce reattore nucleare nel garage di casa
USA, la fusione nucleare è realtà
Fusione nucleare in laboratorio, primo successo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 18)

{dario}
e cosi che invetarono l'EnterPrise XD
8-9-2015 16:17

Direi di no. Non ne capisco molto ma supponiamo che servano 100MW per tenerlo acceso (sto sparando a caso) allora l'articolo dice che il reattore sarebbe in grado di produrre 300MW ovvero 200MW utilizzabili a costo zero, non sarebbe male... sempreché produrre tre volte l'elettricità voglia dire produrre tre volte la potenza elettrica.... Leggi tutto
8-9-2015 12:08

Cerco di spiegarlo semplicemente: Le bombe H sono innescate da una bomba atomica fissione, questo perchè la Fusione per funzionare deve raggiungere enormi pressioni/calore per trasformare la materia nello stato plasmatico che è uno STATO della materia. Gli "stato" fa parte anche gas, liquido, solido ed il plasma è che gli... Leggi tutto
8-9-2015 11:32

@mda: credo che vac volesse dire che nelle bombe all'idrogeno il processo di fusione è innescato da una bomba atomica classica, non che all'interno di ITER siano utilizzate bombe atomiche
7-9-2015 15:01

I costi e tempi non sono "passati", qui si tratta di un altro progetto nuovo anche se origina dal vecchio ovvero si è deciso di velocizzare e migliorare il progetto e questo raddoppia i costi. Un progetto più definito è logico che slitti in più tempo dato che è più completo! La prima accensione è 400secondi esattamente come... Leggi tutto
7-9-2015 14:17

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
In Parlamento una proposta di legge vorrebbe obbligare i nuovi esercizi pubblici (ristoranti, negozi e via dicendo) a mettere a disposizione gratis degli utenti la possibilità di navigare col Wi-Fi in Internet. Secondo te...
È una novità giusta e moderna.
È un obbligo (costoso) in più, da evitare.
Ottimo, ma si dovrebbero prevedere degli sconti fiscali per l'esercente.
La connessione sarà lenta, e poi con gli smartphone il Wi-Fi chi lo usa oggi?
Non mi interessa.
Non saprei.

Mostra i risultati (2431 voti)
Febbraio 2020
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Windows 10, la patch causa più problemi di quelli che risolve
Gennaio 2020
Mummia di 3.000 anni torna a parlare
Microsoft per pietà aggiorna Windows 7
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Apple al lavoro sull'iPhone satellitare
Il water inclinato che impedisce ai dipendenti di stare troppo in bagno
Tutti gli Arretrati


web metrics