Gli unici che possono scendere in piazza

Salvini e lo sciopero generale: provocazione o possibilità concreta?



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-10-2015]

sciopero generale

Questo è un articolo su più pagine: ti invitiamo a leggere la pagina iniziale
Salvini e lo sciopero generale: provocazione o possibilità concreta?

I lavoratori privati che non svolgono servizi pubblici possono invece fare sciopero ad oltranza: nessuna legge lo vieta. Però la decurtazione dello stipendio di un giorno di lavoro è già pesante, e ancora di più lo sarà quella di tre giorni.

In genere, poi, in Italia anche in caso di gravi ristrutturazioni non si va oltre i due giorni al mese di sciopero che oltretutto, essendo ovviamente libero, difficilmente ottiene un'adesione superiore al 60% dei lavoratori; inoltre spesso lo sciopero viene diluito in diverse ore spalmate su molte giornate, così da far durare di più la mobilitazione e la tensione.

Ormai da molto tempo gli scioperi generali di una sola giornata - proclamati soltanto dalla Cgil perché Cisl e Uil non aderiscono - portano centinaia di migliaia di persone in piazza e causano qualche disagio ma l'Italia va avanti lo stesso anche perché sono molti i lavoratori precari, assunti a tempo determinato o in prova all'interno di aziende piccole (che sono la stragrande maggioranza delle imprese italiane) o con partita Iva, o che non hanno mai fatto sciopero e mai lo faranno perché rischiano rappresaglie e punizioni da parte del datore di lavoro, magari fino al punto di perdere il posto di lavoro stesso.

L'alternativa sarebbe che gli stessi imprenditori privati, molti dei quali non più italiani, chiudessero per tre giorni le loro fabbriche, i loro negozi, i loro ipermercati, i loro centri commerciali, le loro fattorie, i loro allevamenti.

È possibile che accada? Se un imprenditore vuole chiudere temporaneamente la sua attività, sperando che lo facciano anche tutti i suoi concorrenti, deve comunque corrispondere ai suoi dipendenti, per legge, i giorni di stipendio previsti oppure metterli in ferie forzate ma pur sempre retribuite. Finora l'unico caso di serrata generale è costituito dagli scioperi generali dei commercianti avvenuti all'inizio degli anni '80 (ma allora i supermercati erano in numero assai minore e i piccoli negozi molti di più) quando furono introdotti il registratore di cassa e gli scontrini fiscali; anche questi durarono però solo un giorno e molti clienti rinviarono semplicemente le spese.

Sondaggio
Quasi la metà delle famiglie italiane (nel 2012 erano il 45,5% secondo Confindustria Digitale) non possiede ancora un collegamento a Internet. Qual è secondo te il principale motivo?
La connessione a banda larga non è disponibile.
Motivi di privacy e sicurezza.
Mancanza di skill e capacità d'uso.
Alto costo del collegamento.
Alto costo degli strumenti.
Internet non è utile.
Accedono a Internet da altro luogo.

Mostra i risultati (3526 voti)
Leggi i commenti (19)

Allora non c'erano lo shopping on line, i bancomat, l'home banking e tutte le forme attuali di commercio ed intermediazione finanziaria su Internet, compreso l'acquisto di biglietti per viaggi: tutte possibilità che oggi ci sono, sono molto molto diffuse e non si fermano mai, nemmeno durante gli scioperi, così come i benzinai self service e il Telepass sulle autostrade.

Alla fine gli unici che possono scendere in piazza,senza problemi, magari anche per tre giorni consecutivi sono i disoccupati, i pensionati e gli studenti, categorie che non fermano il lavoro anche se possono dare vita ad imponenti manifestazioni di massa.

L'idea dunque di uno sciopero generale che blocchi l'Italia intera è un'idea proposta, un colpo ad effetto, una mossa propagandistica magari efficace per far parlare di sé, eppure nello stesso tempo antica e molto superata: non ha nessuna o quasi nessuna possibilità di essere realizzata con successo. Le rivoluzioni ci sono state, e potrebbero ancora esserci in determinate condizioni, ma non si annunciano con largo anticipo in un talk show trasmesso da una o due reti TV, e nemmeno su Twitter.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 11)

{Aren}
Italiani (italioti) campioni di vita sulle glorie del passato (in esaurimento) e campioni di lamento inconcludente e di ogni cosa sia negativa. Le poche cose positive sono così rare che se ne parla per giorni, settimane, mesi... Gli scioperi sono un altro record negativo di questo popolo di bambocci sconfitti, bisognosi del... Leggi tutto
12-10-2015 22:44

Sciopero? E per che cosa? Ma se in Italia c'è la ripresa economica, il pil è è in crescita, il prezzo del petrolio si e' abbassato e Draghi ha allentato i cordoni della borsa! MA COSA VOGLIAMO DI PIU' :yuppidu: :yuppidu:
12-10-2015 22:31

{Chuipacabra}
Eppure.... basterebbe indire lo sciopero che faccia ponte, e sciopererebbero persino i più arrabbiati cigiellini... :-P
10-10-2015 21:02

Con buona pace di chi continua dire che l'Italia è un paese nel quale gli investitori stranieri non vogliono entrare a causa della libertà di scioperare, si vive ancora di luoghi comuni di venti o trent'anni fa. In quanto a Salvini è un annuncista come e forse peggiore di Renzi, non sopporto nessuno dei due e non darò mai credito a... Leggi tutto
10-9-2015 19:11

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quanto dura in media la batteria del tuo smartphone?
Mezza giornata, talvolta meno
Da mattina a sera
24 ore
Un giorno e mezzo
Un paio di giorni
Tre giorni
Quattro o cinque giorni
Una settimana
Di più

Mostra i risultati (3805 voti)
Agosto 2020
Falla nei chip Qualcomm, a rischio centinaia di milioni di smartphone
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Tutti gli Arretrati


web metrics