L'app pornografica che sequestra lo smartphone

Si spaccia per un player per adulti ma in realtà è un ransomware che ricatta l'utente.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 09-09-2015]

adult player ransomware

All'apparenza Adult Player è una normale app per Android che consente di accedere a contenuti pornografici.

In realtà, è l'ultimo rappresentante di una specie di malware particolarmente odiosa: il ransomware, che ricatta l'utente cercando di estorcere una somma di denaro.

Adult Player - che non è presente in Google Play - richiede alcuni permessi particolari durante l'installazione, tra cui i diritti amministrativi e quello che le consente di bloccare il telefono. A quel punto, una volta avviata l'app si finisce nelle mani dei suoi creatori: il software infatti scatta una foto con la fotocamera frontale e blocca lo smartphone o il tablet, chiedendo 500 dollari per restituirlo.

La somma viene spacciata per una multa e il blocco viene giustificato con generici «motivi di sicurezza»: per cercare di dare una parvenza di credibilità al tutto, la schermata di blocco simula la provenienza da una fonte ufficiale, come l'americano FBI.

Sondaggio
Che rapporto hai con il backup? Con che frequenza lo fai?
Ogni giorno
Ogni settimana
Solo una volta al mese
Quando mi ricordo
Praticamente mai

Mostra i risultati (1698 voti)
Leggi i commenti (22)

Le foto servono per rendere più "reale" il ricatto, minacciando di rendere pubblica la frequentazione delle app pornografiche da parte dell'utente, che nelle intenzioni dei creatori di Adult Player per proteggere la propria reputazione dovrebbe sentirsi più invogliato a pagare.

La schermata di blocco viene caricata ogni volta che il dispositivo viene avviato: anche spegnere e riaccendere il telefono è dunque inutile, poiché l'utente si troverà sempre davanti alla schermata ricattatoria e non potrà fare nulla.

adultplayer A01

L'esistenza di questo nuovo ransomware è stata segnalata inizialmente da Zscaler, azienda che si occupa di sicurezza.

adultplayer A02

Per rimuovere Adult Player senza pagare, Zscaler consiglia di riavviare lo smartphone o il tablet in modalità provvisoria (il sistema per farlo varia da dispositivo a dispositivo), cosicché le app di terze parti non vengano avviate; a quel punto si potranno rimuovere i permessi amministrativi concessi ad Adult Player, raggiungendo il menu Impostazioni -> Sicurezza -> Gestione del dispositivo.

Alla fine sarà possibile disinstallare l'app e riottenere il controllo sul proprio smartphone.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il malware Android virtualmente impossibile da rimuovere
Facebook, ricatto a luci rosse dopo la chat con una bella donna

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)

@Danielix e fuocogreco Sono d'accordo anch'io con voi ed anche molto meno costoso che comprare riviste porno come toccava fare una volta... :wink:
17-9-2015 19:01

:wtg: :wtg:
13-9-2015 00:18

[OT] Ok, eccola: link (l'apk preso dal mio cell, ed caricato su un mio sito, tutto ok) [/OT]
12-9-2015 22:28

Io sono totalmente d'accordo con te. Chi dice che non vede materiale pornografico in internet lo considero un'ipocrita. Danielix, se vuoi condividerla questa app mi farebbe piacere ( se vuoi mi puoi scrivere anche in privato :wink: ) Leggi tutto
11-9-2015 21:43

Dan condividi allora, o volevi essere supplicato? :wink: Magari qualcuno legge qui invece che in giro a casaccio per la rete, e non installa il ransom. Certo che comunque ha del ridicolo la cosa... :shock: Chi pagherebbe 500 dollari per questo o altri virus simili, che infettano i pc da tempo poi...anche perch probabilmente non si... Leggi tutto
10-9-2015 01:16

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Ha ragione Stallman quando dice che Android non libero?
S
No
Non lo so

Mostra i risultati (2817 voti)
Settembre 2019
Gli utenti hanno il diritto di rivendere i giochi comprati su Steam?
Gli USA scaricano Huawei e sui portatili arriva Linux Deepin
Falla nelle SIM, vulnerabili 1 miliardo di telefoni
La Francia non vuole Libra in Europa
Il bug di Windows 10 che tinge di rosso gli screenshot
Antibufala: le foto di raggi spaziali che causano incendi nei boschi
Lo smartphone etico attento alle persone e al pianeta
Storie di hacker, campeggi e libertà
USB 4 è ufficiale e raggiunge i 40 Gbit/s
5 consigli (più uno) per non farsi lasciare a piedi dal PC
La lotta al ransomware procede silenziosa ma con successo
La maledizione dei connettori USB
Agosto 2019
GIMP è un insulto: sviluppatori ribelli fondano il fork Glimpse
Sextortion, il malware che registra davvero chi guarda video a luci rosse
Misteriosa malattia colpisce i fumatori di sigarette elettroniche
Tutti gli Arretrati


web metrics