La scarpa creata da un fungo, completamente biodegradabile

Alice è la ''scarpa sostenibile'' che unisce tecnologia moderna e materiali naturali.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 25-05-2016]

alice 01

A livello mondiale, i numeri dell'industria calzaturiera sono impressionanti: ogni anno si producono oltre 20 miliardi di paia di scarpe.

Più impressionante ancora è il destino del 95% di esse: circa 19 miliardi di paia finiscono infatti in discarica, senza essere riciclate.

La designer belga Kristel Peters ha visto l'insostenibilità di questo sistema e, unendo tecnologie moderne e materiali naturali, ha creato Alice, una scarpa a suo modo rivoluzionaria.

Alice è innanzitutto progettata per essere modulare: è nata per poter essere separata nei suoi componenti, cosicché ognuno di essi possa venir facilmente sostituito nel caso in cui si rompa.

Si compone di due parti. La base (completa di suola, tacco e via di seguito) è composta da parti prodotte con una stampante 3D: in questo modo non soltanto si elimina la necessità di usare materiali non riciclabili ma si azzera il bisogno di un magazzino, poiché la scarpa può essere stampata su richiesta.

Quando poi serve una riparazione, o la sostituzione di una porzione consumata, è sufficiente stampare sul momento il pezzo necessario. Il risultato è che si impiegano meno materiali e si producono meno rifiuti.

L'altra parte di Alice, la tomaia, non è prodotta, ma "cresciuta". L'intento di ridurre al minimo i rifiuti ha portato Kristel Peters a scartare cuoio, plastica, pelle e tessuti e a puntare sul micelio dei funghi.

«Il micelio è un materiale naturale, in grado di assemblarsi da solo, capace di trasformare i rifiuti in un polimero forte cui poi si può dare una forma con uno stampo» spiega la designer. «Mi ha sorpresa il modo in cui si può facilmente modellare questo materiale: è proprio come la pelle, anche se manca della resistenza di questa».

Sondaggio
Qual è il motivo che ti spinge maggiormente (oppure no) ad acquistare online?
La facilità di acquisto
La presenza di maggiori sconti e promozioni
La possibilità di evitare i centri commerciali
Una più ampia visibilità delle promozioni in corso
La possibilità di valutare tutte le opzioni
Poter acquistare anche all'ultimo momento

Mostra i risultati (2063 voti)
Leggi i commenti (12)

L'uso del micelio per realizzare oggetti non è una novità assoluta: in passato abbiamo visto una lampada realizzata in questo modo e addirittura una torre costruita con bio-mattoni derivati dai funghi.

La speranza di Kristel Peters è però che Alice non sia semplicemente un ulteriore oggetto di design che fa mostra di sé in qualche museo ma il primo esemplare di una nuova concezione della produzione e del rapporto con gli oggetti: «La scarpa deve essere vista come un servizio, non come un prodotto» sostiene.

«Come designer, abbiamo la responsabilità di mostrare al mondo l'esistenza di questi nuovi materiali affinché siano usati in modi attraenti per convicere tutti a cambiare direzione e procedere verso il consumo sostenibile» conclude la designer.

alice 02
alice 03
alice 04
alice 05

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
La scarpa che si allaccia da sola
Da Adidas la scarpa veramente su misura, stampata 3D
La scarpa che si avvolge al piede
A New York una torre di mattoni ricavati dai funghi
La lampada-fungo che viene coltivata, non costruita

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo una ricerca dell'Australian Relationship Queensland, tra tecnologia e solitudine esisterebbe un collegamento. Secondo te:
È la solitudine che spinge le persone a usare "più tecnologia".
È l'utilizzo massiccio di tecnologia che porta le persone a isolarsi e, conseguentemente, a provare solitudine.
Le due cose non sono affatto correlate.

Mostra i risultati (1319 voti)
Ottobre 2019
MacOS Catalina, controllate le applicazioni prima di migrare
Il Galaxy S10 si sblocca con qualsiasi impronta
Windows 7 a fine vita, Microsoft importuna coi pop-up
Linux, seria falla nel comando sudo
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Otto mesi di carcere per chi rivelò gli stipendi d'oro sindacali
Windows, l'aggiornamento impedisce di stampare
Antibufala: la Tesla della polizia rimasta a secco durante un inseguimento
Esplode lo smartphone in carica, muore ragazzina
Settembre 2019
Windows, l'aggiornamento di ottobre mette il turbo al Pc
Tutta la verità sul caso del dominio Italia Viva
Ecco perché gli aggiornamenti Windows hanno così tanti bug
A che età dare lo smartphone ai propri figli?
Tutti gli Arretrati


web metrics