Hard disk da 8 Tbyte tra affidabilità e vasche da bagno

I drive più capienti stanno dimostrando di essere molto attendibili.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 09-08-2016]

Seagate 8TB

Gli hard disk da 8 Tbyte sono ancora, specialmente in ambito domestico, tutto sommato poco diffusi, e poco si sa circa la loro affidabilità.

Qualche informazione utile viene dalle statistiche di Blackblaze, fornitore di servizi di storage e backup che non adopera unità di classe enterprise.

I dati relativi al secondo trimestre del 2016 mostrano per la prima volta un utilizzo importante dei dischi da 8 Tbyte: per la precisione, Blackblaze ha in uso 45 unità prodotte da HGST e 2720 prodotte da Seagate.

I tassi di guasto sono molto simili: 3,2% per HGST e 3,3% per Seagate. Quest'ultima pare avere insomma recuperato il divario che ancora sei mesi fa la separava dalla prima, e ciò giustifica la scelta di Blackblaze che preferisce le unità di Seagate in quanto sono caratterizzate da prezzi inferiori e maggiore disponibilità.

Sondaggio
Qual è il componente del PC che aggiornerai per primo?
Scheda Wi-Fi
Mouse
Tastiera
Scheda audio
Hard disk
RAM
Schermo
Scheda video
Processore
Tutto il PC

Mostra i risultati (2880 voti)
Leggi i commenti (10)

Negli hard disk di dimensioni inferiori è invece ancora HSGT a mostrare la migliore affidabilità, con tassi di guasto inferiori all'1% sui modelli da 3 TByte.

Siamo comunque ancora nelle prime fasi dell'utilizzo intenso degli hard disk da 8 Tbyte: indicazioni più precise sulla loro affidabilità arriveranno nei prossimi mesi, ma già adesso si possono fare delle previsioni grazie alla teoria della vasca da bagno.

backblaze 2016 2q

Generalmente infatti si ritiene che l'affidabilità dei dischi rigidi mostri un andamento a "curva a vasca da bagno": alti tassi di guasto quando gli hard disk sono nuovi a causa di una sorta di mortalità infantile (drive che contengono difetti di produzione), poi un lungo periodo in cui il tasso di guasto è basso, quindi un nuovo aumento del tasso di guasto a causa dell'usura che i dischi accumulano dopo anni di servizio.

Il risultato è per l'appunto un grafico che somiglia a una vasca da bagno. Per quanto riguarda i disk da 8 Tbyte, la fase in cui il tasso di guasto si stabilizza deve ancora verificarsi, ma in ogni caso stando ai dati attuali si parte già da percentuali davvero buone, persino migliori di quanto si potesse prevedere.

vasca da bagno

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Hard disk da 18 TB a registrazione magnetica assistita da energia
Hard disk HGST sempre superaffidabili, ma Seagate recupera il gap
Le calamite che cancellano il disco rigido: bufala
Il primo SSD da 2,5 pollici da 6 Tbyte

Commenti all'articolo (1)

{junicisco}
Se si fa un discorso di percentuali numeriche scritte su qualche foglio elettronico, va tutto bene e andrà sempre meglio nel futuro. Se invece ci si riferisce al presente, alle unità fisiche e alla resilienza dei datacenter, ridondanza e sistemi di backup, tassi di guasto dell'1 percento sono enormemente diversi nelle... Leggi tutto
14-8-2016 23:53

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è il motivo principale che ti può far desistere (oppure no) dal compiere un acquisto online?
La scarsa accessibilità del sito di ecommerce.
I tempi di consegna non certi.
La scomodità di dover rimanere a casa o di dover concordare la consegna con il corriere.
La possibilità che il pacco vada perso, se la spedizione non è tracciata.
La poca fiducia riposta nel negozio online.
Il prezzo maggiore del prodotto.
Le spese di spedizione elevate.
Il sovrapprezzo applicato per la spedizione contrassegno.
La scomodità di dover rispedire il pacco qualora la merce ricevuta sia danneggiata o difettosa.
La maggior difficoltà a far valere le condizioni di garanzia.
L'impossibilità di trattare sul prezzo o di chiedere uno sconto.
La poca fiducia riposta nei sistemi di pagamento online disponibili.

Mostra i risultati (2325 voti)
Settembre 2021
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Windows 11, svelata la data di lancio
Agosto 2021
La barra di Windows 11 è di proposito peggiore di quella di Windows 10
Violati i server TIM, password degli utenti a rischio
Windows 11, disponibile la prima ISO ufficiale
Microsoft: disabilitate il sistema di stampa di Windows (di nuovo)
Google taglia gli stipendi a chi sceglie il telelavoro
Gli iPhone scansioneranno tutte le foto alla ricerca di pedopornografia
Due parole sull’attacco informatico “terroristico” alla Regione Lazio
Windows 365 è già disponibile e costa meno di 30 euro al mese
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 21 settembre


web metrics