Microsoft elimina l'app Ottieni Windows 10

L'ultimo aggiornamento di Windows fa finalmente sparire il fastidioso avviso.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 23-09-2016]

ottieni windows 10

Per mesi è stato una sorta di incubo che gli utenti di Windows 7, 8 e 8.1, soddisfatti dei loro sistemi, hanno dovuto sopportare: l'invito continuo a passare a Windows 10 ha tormentato e a volte ingannato molte persone.

Tale invito s'è guadagnato la sua pessima fama a causa dei metodi poco trasparenti che usava per spingere gli utenti ad avviare inavvertitamente l'aggiornamento, costringendoli a installare la nuova versione di Windows anche contro la loro volontà: una volta iniziato il processo, anche per errore, non era più possibile tornare indietro.

La finestra che si apriva nella zona inferiore destra dello schermo e annunciava giuliva «Ottieni Windows 10» era insomma diventata una fonte di fastidio quotidiano per molti, ma con la fine della possibilità di aggiornare gratuitamente il sistema pareva che la situazione potesse finalmente tornare a una più tranquilla normalità.

Tuttavia, anche dopo la fatidica data del 29 luglio l'applicazione è rimasta installata nei vari computer con Windows 10 e in qualche caso sporadico ha continuato a presentare la propria offerta, sebbene il periodo promozionale fosse già scaduto.

In effetti, a tutt'oggi è ancora possibile aggiornare il proprio PC con Windows 7, Windows 8 o Windows 8.1 a Windows 10 senza necessità di acquistare una nuova chiave: uno dei modi per farlo è per esempio usare la pagina dedicata a chi usa le tecnologie assistive.

Sondaggio
Ci sono degli aggiornamenti del sistema operativo da scaricare e installare. Cosa fai?
Non installo nulla perché incide sulla velocità di Internet e sulle prestazioni del computer
Accetto l'installazione. Possono essere aggiornamenti importanti
Forse installerò gli aggiornamenti più tardi
Non vedo notifiche provenienti dal sistema operativo

Mostra i risultati (2862 voti)
Leggi i commenti (6)

Adesso, però, sembra essere finita davvero. Microsoft ha rilasciato l'aggiornamento KB3184143 che elimina definitivamente il software responsabile dell'apparire dell'avviso.

Ciò potrebbe però anche significare che i sistemi per l'aggiornamento gratuito come quello indicato più sopra hanno i giorni contati e che presto chi vorrà utilizzare Windows 10 dovrà acquistare una nuova licenza.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Windows 10 non sarà più gratuito
Windows 10, gli aggiornamenti saranno più leggeri
Windows 10 perde utenti
Due nuovi aggiornamenti per Windows 10 dopo Anniversario
Aiuto, Windows 10 si installa a forza sul computer!
Sta per scadere il periodo di aggiornamento gratuito a Windows 10
Come aggiorno il Pc a Windows 10?
Windows 10, primo aggiornamento ufficiale: ecco cosa c'è
L'aggiornamento di oltre 500 Mbyte per Windows 10

Commenti all'articolo (4)

Quoto Cesco67 e willy soprattutto sul punto che adesso è assai probabile che M$ inizi a rilasciare aggiornamenti farlocchi per Seven e gli altri predecessori di W10...
6-10-2016 19:31

Condivido Cesco e personalmente fin che sarà possibile mi tengo il mio win 7 anche se con gli aggiornamenti cercheranno di farlo inceppare. Leggi tutto
29-9-2016 17:39

Penso che chi fin'ora non ha aggiornato non lo voglia fare proprio adesso... Leggi tutto
23-9-2016 18:16

Era ora!!! :D Ero stanca di leggere di utenti insoddisfatti a causa di aggiornamenti a sorpresa o processi indesiderati ...nonostante in rete ci fossero stati millemila modi per non far si che il proprio pc continuasse ad eseguire la fastidiosa app...
23-9-2016 10:51

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qui sotto trovi in ordine alfabetico i 20 marchi più pregiati nel 2014, secondo la celebre classifica compilata da Millward Brown. Secondo te qual è il più pregiato? Confronta poi il tuo voto con questo link.
Amazon
Apple
AT&T
China Mobile
Coca-Cola
GE
Google
IBM
Industrial and Commercial Bank of China
McDonald's
Marlboro
Mastercard
Microsoft
SAP
Tencent
UPS
Verizon
Visa
Vodafone
Wells Fargo

Mostra i risultati (2400 voti)
Aprile 2021
Aggiornamento Windows 10, problemi di tutti i tipi
Se l'FBI, zitta zitta, si mette a patchare i server altrui
Colpevoli di ransomware
Tutti gli home banking sono a rischio, se usi Facebook
Windows 10 rileverà la presenza dell'utente davanti al computer
Yahoo Answers chiude i battenti per sempre
Aggiornamento urgente per iPhone e iPad
Marzo 2021
La macchina di Anticitera
Hacker contro Richard Stallman, la macchina del fango
Robot assassini crescono
Tracker nelle app: cosa sta succedendo in Rete?
Recupero IVA: oltre il 50% non viene rivendicata
Quiz: sei in una zona senza copertura cellulare
Bitcoin, un dilemma etico
Hackerate 150mila videocamere di sorveglianza, tra cui quelle di Tesla
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 22 aprile


web metrics