Yahoo spiava le email degli utenti per ordine della NSA

Reuters rivela che l'azienda sorvegliava tutti i messaggi in arrivo di ogni account.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-10-2016]

yahoo spiava email nsa

Se pensavate che l'enorme furto di credenziali subito da Yahoo potesse essere la sorpresa peggiore che l'azienda di Sunnyvale potesse tenere in serbo, l'ultima rivelazione fatta da Reuters stabilisce un nuovo primato.

Secondo quanto riporta l'agenzia, che cita informatori interni ai servizi di intelligence USA, l'anno scorso Yahoo avrebbe scritto un software per spiare le email dei propri utenti, a tutto vantaggio della NSA e dell'FBI.

Il software sarebbe la risposta a una direttiva segreta emanata da governo americano, che avrebbe chiesto a Yahoo di vagliare ogni messaggio ricevuto dai suoi utenti alla ricerca di «informazioni».

Di quali informazioni si tratti non è dato sapere: potrebbe trattarsi di specifiche frasi nel testo dell'email o di determinati allegati.

Qualunque siano i dati di cui le autorità statunitensi sono in caccia, è la prima volta che un'azienda viene scoperta a controllare tutte le email in entrata: finora capitava di sentire la notizia di un provider sorpreso a vagliare alcuni dei messaggi conservati sui propri server. Qui invece la sorveglianza è stata portata al livello superiore.

Sondaggio
Cosa utilizzi per inviare messaggi privati?
Uso varie applicazioni su qualsiasi dispositivo disponibile
Uso varie applicazioni sui miei dispositivi
Uso solo applicazioni affidabili su dispositivi di fiducia
Non invio messaggi privati online

Mostra i risultati (856 voti)
Leggi i commenti (13)

La decisione di obbedire alla direttiva del governo sarebbe stata presa da Marissa Mayer in persona, CEO di Yahoo, e sarebbe anche la causa della partenza di alcuni dirigenti anziani, tra cui Alex Stamos.

Questi era a Chief Information Security Officer dell'azienda: in pratica, si occupava di garantire la sicurezza delle informazioni cui Yahoo aveva accesso. Nel giugno del 2015 se n'è andato, e ora ricopre lo stesso ruolo per Facebook.

Yahoo per ora non ha commentato in modo esteso la vicenda, limitandosi a dichiarare che «Yahoo è un'azienda ligia alle leggi e si conforma alle leggi degli Stati Uniti».

Più loquaci sono stati gli altri big del settore, a partire da Facebook, Google e Apple: tutti hanno dichiarato con decisione di non aver mai ricevuto dal governo americano richieste analoghe a quelle ricevute da Yahoo e che, se dovessero riceverle, immediatamente le contesterebbero in un tribunale.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Fbi, Cia e Nsa: Non usate gli smartphone di Huawei e Zte
Yahoo cambia nome e diventa Altaba
Facebook compra le password dagli hacker del deep web
Yahoo complica la vita a chi vuole abbandonare Yahoo Mail
Yahoo, gli account violati sono mezzo miliardo
Verizon ha comprato Yahoo
10 acquisizioni fallite che avrebbero cambiato la storia dell'informatica
Yahoo! rinuncia alle mappe e taglia altri servizi obsoleti
Violati i server di Yahoo e Winzip
Yahoo adesso traccia gli utenti
Hacker all'attacco di Yahoo Mail: rubate username e password

Commenti all'articolo (1)

Sarà vero??? :? :? :? Francamente mi sembra assai strano che la richiesta si stata mandato solo a Yahoo... :roll: Leggi tutto
16-10-2016 14:39

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
I bambini sempre più spesso entrano in contatto con la tecnologia a una tenera età (per giocare, comunicare e cercare informazioni), anche grazie alla diffusione di smartphone e tablet. Quale dovrebbe essere la maggiore preoccupazione dei genitori?
Potrebbero visionare materiale inappropriato o visitare siti inopportuni.
Potrebbero comunicare con sconosciuti o persone non ritenute affidabili.
Potrebbero essere vittime di cyberbullismo, sui social network o altrove.
Potrebbero spendere denaro online senza che i genitori lo sappiano, anche a causa delle app che richiedono acquisti online durante i giochi.
Potrebbero diffondere dati personali (compresi foto e filmati) senza essere coscienti dei rischi.
Potrebbero incorrere in difficoltà a relazionarsi con amici dal vivo, nascondendosi dietro relazioni disintermediate dal mezzo informatico.

Mostra i risultati (1305 voti)
Febbraio 2020
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Windows 10, la patch causa più problemi di quelli che risolve
Gennaio 2020
Mummia di 3.000 anni torna a parlare
Microsoft per pietà aggiorna Windows 7
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Apple al lavoro sull'iPhone satellitare
Tutti gli Arretrati


web metrics