Tim, vietato criticare i dirigenti su Facebook

Il regolamento interno chiede ai dipendenti di evitare critiche troppo pesanti al management sui social network.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 17-11-2016]

o FLAVIO CATTANEO facebook
Flavio Cattaneo

Le Felpe Rosse sono i lavoratori tecnici di Tim cosiddetti "on field", quelli che vanno a casa del cliente per le riparazioni e sulle cabine stradali. Da più di una settimana le Felpe Rosse stanno inscenando nelle principali città italiane manifestazioni di protesta contro la disdetta unilaterale del contratto nazionale delle Tlc che tocca numerosi diritti, dalle ferie alla trasferta al demansionamento obbligatorio. Sono manifestazioni fuori dall'orario di lavoro davanti alle sedi Tim di Torino, Bologna, Ferrara, Roma e Catania ma anche davanti alla Prefettura di Lecce e davanti alla sede dell'Agcom di Napoli.

Precedono e preparano gli scioperi regionali a scacchiera e lo sciopero nazionale di un'intera giornata, previsto il 13 dicembre. Oltre alla contestazione delle posizioni della Tim che vuole ottenere importanti risparmi sul costo del lavoro, c'è una forte preoccupazione per un'ulteriore liberalizzazione degli interventi tecnici sulla Rete che oggi i concorrenti della stessa Tim affidano a questi lavoratori e che potrebbero essere affidati ancora maggiormente alle imprese di appalto con il rischio di ulteriori esuberi occupazionali oltre a quelli già denunciati e compensati con l'applicazione da un anno dei contratti di solidarietà a carico dell'Inps e dei prepensionamenti a carico di Tim.

Sondaggio
Come vedi il futuro dell'umanità, in ambito scientifico?
Il futuro è nella condivisione delle conoscenze. L'arroganza delle multinazionali nei confronti della proprietà intellettuale è solo il canto del cigno: infatti grazie alle tecnologie il sapere non potrà più essere detenuto da pochi potenti.
Per tutelare ricerche che richiedono investimenti cospicui, la proprietà intellettuale è uno strumento equo e ragionevole. Lo strapotere attuale della grande industria va solo limitato nel tempo ed emendato dagli aspetti più truci.
Lo scenario più probabile è un doppio binario tra scienza proprietaria e open source. La prima coprirà i settori che richiedono investimenti a lungo termine, la seconda quelli in cui la cooperazione raggiunge i risultati migliori.
Il potere si concentra dove c'è il denaro. Volenti, o nolenti, i big dell'economia mondiale si accaparreranno tutte le fonti di conoscenza, e sapranno farle fruttare a dovere, per il bene dell'umanità.

Mostra i risultati (1141 voti)
Leggi i commenti (5)

È una ripresa delle manifestazioni tradizionali e "fisiche" di protesta sindacale in Tim, dopo il giro di vite di un nuovo regolamento aziendale sulla presenza dei lavoratori Tim sui principali social network (da Facebook a Twitter a Linkedin) che ricorda che le critiche su questi media non devono danneggiare l'immagine aziendale, uscito in questi giorni di forte tensione interna.

Anche iniziative come il gruppo chiuso dei dipendenti Tim su Facebook e l'iniziativa goliardica di un regalo all'amministratore delegato Flavio Cattaneo per Natale hanno avuto una forte battuta di arresto.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Tim punisce il dipendente ascoltato dalla Camera dei Deputati
TIM punisce i dipendenti che fanno commenti negativi
Tim disdetta il contratto integrativo e taglia i salari

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

Ma se utilizzasse i propri dipendenti per fare le cose invece di dare il lavoro a ditte esterne, sai quanto potrebbe risparmiare? Non servirebbe la solidarietà, i costi sarebbero sempre gli stessi perchè i dipendenti sono sempre lo stesso numero che paga oggi. Invece TIM, come altri operatori, dà ad altre aziende, la possibilità di... Leggi tutto
18-11-2016 14:48

{Luigi Proia}
I dirigenti anziché intimorire i dipendenti farebbero bene a far funzionare le loro società e a ridurre la pubblicità invadente che fanno tutti i giorni a tutte le ore per telefono televisione sui giornali ovunque. Così risparmierebbero tutto a beneficio della società che presiedono.
18-11-2016 12:28

{Carlo}
Condivido lo sfogo di chi mi precede. Effettivamente per trovare soluzioni così banali non è necessario spendere milioni di euro assumendo i servizi di tali manager: già risparmiandoli saremmo sulla buona strada. Prima di parlare di tagli di costi sul personale bisognerebbe parlare di un serio piano industriale che... Leggi tutto
18-11-2016 09:46

{alberto}
oramai siamo alla dittatura assoluta milioni di euro per i dirigente calci in faccia ai dipendenti una società sempre di + allo sbando senza programmazione e futuro,da ex società modello a barzelletta ...........complimenti agli autori di questa schifezza tipica italiana
17-11-2016 22:10

{Luigi}
Vergognoso , cercano di nascondere e azzittire anche i media , nessuna traccia di scioperi o meglio poco e nulla , tutto insabbiato .Ora vietano anche le critiche ad uno staff manageriale incompetente? Dimettetevi tutti , manovre di tagli così anche un bambino di 10 anni è capace farlo.
17-11-2016 20:21

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'uomo presto ritornerà sulla Luna, ci si prepara all'esplorazione umana di Marte, la stazione spaziale internazionale sta per essere completata. Cosa pensi degli elevati costi che tale tipo di ricerca comporta?
La natura umana ci spinge a conoscere ed esplorare. Non ci sono costi troppo alti quando questi sono gli obiettivi.
L'esplorazione spaziale (come ogni altra forma di ricerca scientifica) ha i suoi costi, ma le ricadute tecnologiche e quindi i benefici di tali investimenti possono essere enormi.
Può certamente essere interessante sapere se qualche millennio fa c'erano forme di vita unicellulare su Marte, ma la Terra e i suoi abitanti hanno problemi ben più seri che necessitano di tutta l'attenzione e i fondi possibili.
Secondo me non siamo neanche stati sulla Luna, quindi...

Mostra i risultati (3500 voti)
Ottobre 2017
Ceo di GitHub: i programmatori sono condannati all'estinzione
Il ransomware per Android che blocca lo smartphone due volte
Il falso Adblock che ha ingannato decine di migliaia di utenti
Windows Media Player sparisce da Windows 10
Disqus violato, rubati i dati di 17,5 milioni di utenti
Il caso dell'iPhone 8 che si gonfia mentre è in carica
Gli auricolari di Google che traducono le conversazioni in tempo reale
La falla in Windows Defender che a Microsoft non interessa
Con un salto quantico, Firefox diventa più veloce di Chrome
Settembre 2017
Internet Explorer spiffera quel che digitiamo nella barra
Windows, gli ultimi aggiornamenti bloccano gli account utente
Violazione di CCleaner, guai più gravi del previsto
Il primo smartphone con Linux davvero libero
Falla nel Bluetooth, vulnerabili 5 miliardi di dispositivi
Se il robot sessuale diventa un terminator
Tutti gli Arretrati


web metrics