Il display coi pixel di grafene

Usando ''pixel meccanici'' fatti di grafene avremo schermi più flessibili, efficienti e duraturi.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 27-11-2016]

pixel grafene

La scoperta, come a volte accade, è stata fatta per caso.

Alcuni ricercatori dell'Università di Delft, nei Paesi Bassi, hanno scoperto le basi di quella che un giorno potrebbe essere una nuova tecnologia per la realizzazione dei display.

Gli scienziati stavano lavorando con dei pannelli di ossido di silicio ricoperti da un doppio strato di grafene. Nel pannello erano stati praticati dei fori (il cui diametro misurava un decimo dello spessore di un capello umano) e lo strato di grafene risultava dunque "teso" sopra le cavità in corrispondenza dei fori.

Questa particolare conformazione ha permesso ai ricercatori di accorgersi di un dettaglio curioso: il grafene cambiava colore in base al variare della pressione all'interno delle cavità.

Ogni volta che cambiava la pressione, infatti, il grafene diventava concavo o convesso, e ciò cambiava il modo in cui la luce veniva riflessa, dando vita di conseguenza a differenti colori.

Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (400 voti)
Leggi i commenti (6)

«In linea di principio» - ha spiegato Santiago Cartamil-Bueno, uno dei ricercatori - «il grafene è trasparente; è così sottile che praticamente non riflette la luce. Ma noi stavamo usando un doppio strato di grafene, capace di riflettere più luce».

Grazie a questa scoperta, in teoria è possibile creare un display che usi dei pixel «meccanici», costituiti ciascuno da una cavità ricavata in un pannello sopra al quale sia steso uno strato di grafene: cambiando la pressione nella cavità il pixel assume un determinato colore, e l'insieme dei pixel dà vita all'immagine.

Come molti schermi e-ink, questa soluzione è piuttosto efficiente dal punto di vista energetico: una volta che l'immagine è stata creata, non serve energia per mantenerla.

Tuttavia, prima che tutto ciò diventi realtà bisognerà affrontare alcuni problemi.

Per esempio, il sistema è ottimo se si vogliono realizzare schermi che siano illuminati da una sorgente di luce esterna, ma non può essere adoperato per costruire schermi retroilluminati: è lo stesso problema degli schermi e-ink.

Inoltre, per ora il cambiamento di colore è risultato visibile soltanto al microscopio, poiché costruire un dispositivo di dimensioni tali che l'effetto sia visibile all'occhio umano è molto costoso.

In aggiunta a tutto ciò, bisogna tenere presente che i ricercatori ancora non sanno se sia possibile ottenere dei colori puri: «Io ho visto l'intero arcobaleno di colori» - racconta Cartamil-Bueno - «ma non siamo riusciti a ottenere un colore pure come il rosso o il blu».

schermo grafene

Per il momento, gli scienziati di Delft stanno lavorando sul modo per controllare con precisione i cambiamenti di pressione nelle cavità: l'ipotesi è che lo si possa fare elettrostaticamente, come nei display Mirasol di Qualcomm.

Cartamil-Bueno ritiene che, se si riuscirà a sviluppare come si deve questa tecnologia, grazie al grafene avremo un giorno schermi molto più leggeri e flessibili - e anche più duraturi - rispetto a quelli attuali.

La speranza, ora, è di riuscire a produrre un prototipo in tempo per il Mobile World Congress di Barcellona del 2017.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
La superbatteria al grafene che si ricarica in pochi secondi
La batteria al grafene che estrae l'idrogeno dall'aria
La cannabis meglio del grafene
Il vetro più sottile del mondo è spesso solo due atomi
Graphene Aerogel, il materiale più leggero del mondo
Mirasol, l'e-reader delle meraviglie
Goldrake e Jeeg Robot oggi sarebbero di grafene, non di acciaio
Mirasol, l'e-ink a colori di Qualcomm

Commenti all'articolo (3)

{aldolo}
sembra che non sappiano che farci con questi fogli di grafene. "prova a gratugiarne un po' sugli spaghetti che vediamo"
4-12-2016 00:03

"Ask Google, first" disse il saggio... "Ask Amazon too" disse il suo vice... https://www.amazon.it/s/ref=nb_sb_noss_1?__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&url=search-alias%3Daps&field-keywords=grafene&rh=i%3Aaps%2Ck%3Agrafene :old: :old: :old: Leggi tutto
27-11-2016 23:00

{utente anonimo}
Grafene, grafene, grafene... se ne parla da 20 anni... E intanto una cosa, UNA, che usi questa tecnologia devo ancora vederla in commercio!
27-11-2016 11:12

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Immaginiamo un mondo popolato dalle auto di Google: senza pilota, senza sterzo e senza pedali. Qual è il maggior svantaggio? (vedi anche i vantaggi)
L'auto di Google è veramente brutta! Più che un auto è un'ovovia.
Ci toglierà il piacere di guidare e la nostra vita sarà un po' più triste.
Avrà un costo non sostenibile per la maggior parte degli utenti.
Ci sarà maggior traffico: con un'auto senza pilota il trasporto privato verrebbe incentivato rispetto al trasporto pubblico.
Il Gps incorporato potrebbe non essere efficiente, costringendoci a fare percorsi più lunghi o più lenti o addirittura non portandoci mai a destinazione.
Ho timori soprattutto per la privacy: le auto di Google potranno collezionare dati su come mi sposto e quando.
In caso di incidente con nessuno al volante, non è chiaro di chi sarà la responsabilità civile. E a chi tocca pagare l'assicurazione? All'utente o a Google? O allo Stato?
Sarà esposta ad attacchi hacker o terroristici: di fatto avremo minore sicurezza sulle strade.
Se il sistema prevede un urto inevitabile, potrebbe trovarsi di fronte a scelte etiche insormontabili. Uccidere un anziano o un bambino? Due uomini o un bambino? Un uomo o una donna? Uscire di strada o urtare altri veicoli o pedoni? Andare addosso a un SUV o a un'utilitaria?
Rispetto alle auto tradizionali impiegheranno troppo tempo ad arrivare a destinazione, non potendo superare i limiti di velocità o fare manovre azzardate.
I tassisti non esisteranno più: già immagino le loro legittime proteste.

Mostra i risultati (1933 voti)
Febbraio 2021
Nuovi Mac, gli SSD durano pochissimo
Elettrodomestici, A+++ può diventare B o C
Se non accetti le nuove condizioni, WhatsApp ti cancella l'account
Come perdere mezzo miliardo: non serve smarrire la password del wallet Bitcoin
Sms svuota conto corrente: occhio alla truffa
Vendere o comprare una casa online all'asta (senza Tribunale)
Hacking e caffeina: 167.772 euro da spendere in caffè
Arriva LibreOffice 7.1 Community ma è importante non usarlo in azienda
Didattica a distanza, genio su Zoom
La Stampa, L’Espresso, il Corriere e il metodo redazionale: nessuno rilegge
Sgominato Emotet, la madre di tutti i malware
Gennaio 2021
iPhone 12 e pacemaker, meglio che stiano lontani
Minori su Tik Tok, accesso con Spid?
Il disastro tragicomico di Parler
Fregare Big Pharma con il vaccino
Tutti gli Arretrati


web metrics