AirPod, rimpiazzare le cuffie costa come uno smartphone

Sostituire un auricolare sparito è possibile, ma costoso.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 26-12-2016]

apple airpod Perso

Gli AirPods, gli auricolari senza fili di Apple finalmente arrivati sul mercato, sono l'oggetto del desiderio di molti fedeli utenti della Mela Morsicata, ma sono anche fonte di dubbio per quanti vorrebbero acquistarli.

Al di là del prezzo, che è di 179 euro nel nostro Paese, l'aspetto stesso degli AirPods dà vita a una comprensibile domanda: «e se ne perdo uno?».

Sebbene Tim Cook in persona affermi che è pressoché impossibile che un auricolare si sfili per errore dall'orecchio, la preoccupazione ha una sua concretezza.

Si può venir spintonati tra la folla, si può far cadere un AirPod in qualche luogo irraggiungibile, può accadere l'imponderabile: insomma, è pur sempre possibile che un AirPod svanisca nel nulla.

Apple ci ha pensato fin dall'inizio: infatti, se un AirPod esce dall'orecchio mentre si sta ascoltando della musica, il lettore multimediale entra immediatamente in pausa.

Sondaggio
Se Internet potesse migliorare la tua vita, che cosa vorresti?
Conoscere amici e comunicare
Risparmiare sugli acquisti
Innamorarti
Guadagnare tanti soldi
Imparare (lingue, culture, cucinare, suonare, ecc.)
Lavorare di meno
Altro

Mostra i risultati (3359 voti)
Leggi i commenti (9)

Si tratta di una comodità certamente inserita per facilitare le conversazioni estemporanee - chi non s'è mai sfilato un auricolare per rispondere alle domande di un passante? - ma anche per fornire un chiaro avvertimento: la cessazione improvvisa della musica indica che un auricolare è sfuggito.

Se il piccolo AirPod perduto non viene ritrovato, Apple è disposta a sostituirlo ma, dato che non si tratta di un ente di beneficenza, si fa pagare: servono 69 dollari per averne uno nuovo, praticamente il prezzo di uno smartphone economico.

La stessa cifra viene chiesta se a esser perso non è un AirPod ma la custodia di ricarica, accessori assolutamente indispensabile per degli auricolari che funzionano a batteria.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
AirPods in vendita, giusto in tempo per Natale
AirPods, debutto rimandato
Ecco l'iPhone 7, impermeabile e senza jack per le cuffie

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

Solo 69€!!! :shock: Io se fossi Apple lo farei pagare almeno il doppio - tanto conviene sempre rispetto a prenderne una coppia nuova - e certamente i fanboy di Apple sono pronti e con la vaselina in mano pur di far contenta mamma Apple... :umpf:
28-12-2016 11:57

Snobismo, assoluta ignoranza riguardo alla tecnica, orgoglio di sentirsi "VIP" perchè si è acquistato il telefono più caro sul mercato, senso di appartenere ad un "gregge" di persone che fanno le stesse scelte (acritiche), illusione di avere il "massimo" e sentirsi potente attraverso il possesso... Leggi tutto
27-12-2016 12:59

{cintolo}
Se uno ha bisogno della pausa nella musica per capire che non ha più un auricolare, forse è meglio che vada a farsi visitare le orecchie e il sistema nervoso.... Sono strategie di marketing; ogni tentativo di dare un'altra spiegazione (per quanto possa essere logica), allontana da questo fatto nudo e crudo. Due... Leggi tutto
26-12-2016 12:39

cos'è, Apple tra prodotto e logistica spende 69€ ?
26-12-2016 09:27

{quarry}
Eh, se li sanno lavorare bene i loro polli. Dalla fedeltà e dalla resistenza alle notevoli tensioni economiche a cui sono sottoposti i suddetti, il silos sembra quasi diventato una religione: l'Appleismo. Con i fedeli che adorano il dio Spennacchiotto.
25-12-2016 18:29

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (399 voti)
Gennaio 2021
Fregare Big Pharma con il vaccino
Alternative a WhatsApp
Un'opera da fantascienza costruita a tempo di record per scopi militari
Ho-mobile ammette la violazione dei dati dei clienti
Dicembre 2020
Il sito che svela quali tracce lasci quando navighi nel web
Zoom, arrivano l'email e il calendario
Spid creepshow, la sospensione
Windows 10, Cpu al 100% e molti problemi dopo l'ultimo update
Pirati che usano satelliti militari per comunicare e come ascoltarli
Google, i disservizi mostrano tutta la fragilità della tecnologia
CentOS, c'è un successore
La gabbia per il router che elimina le radiazioni elettromagnetiche
Falla spettacolare negli iPhone
La storia segreta di un gioiello scientifico
Microsoft brevetta la tecnologia per eliminare le riunioni inutili
Tutti gli Arretrati


web metrics