Blizzard, causa milionaria contro i cheat

Il produttore di bot e trucchi per videogiochi Bossland dovrà pagare un risarcimento molto salato.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 17-03-2017]

blizzard cheat causa

Imbrogliare nei videogiochi è una questione di onestà ma per la Blizzard, autrice di successi come World of Warcraft e Overwatch, è anche una questione economica.

Chi imbroglia nei MMORPG crea scontento tra i giocatori onesti, che nei casi estremi potrebbero essere tentati di abbandonare il gioco, privando l'azienda degli incassi.

Così, Blizzard ha deciso di agire direttamente contro uno dei maggiori produttori di cheat: la tedesca Bossland, specializzata nella creazione di bot per i giochi online più popolari.

L'accusa di Blizzard è molto ampia: comprende la violazione del copyright dell'azienda, concorrenza sleale e la violazione del DMCA, in particolar modo la sezione che vieta di violare le protezioni. Inoltre, i cheat e i bot di Bossland avrebbero causato perdite per milioni di dollari a causa delle mancate vendite.

Blizzard ha anche fatto i conti: basandosi sulle dichiarazioni stesse di Bossland, che afferma di aver venduto 118.939 prodotti negli USA a partire da luglio 2013, e calcolando che almeno il 36% di questi sono cheat, è arrivata alla conclusione che i prodotti venduti in violazione delle leggi sono 42.828.

Pertanto ha chiesto l'«indennizzo minimo» per ciascuno di essi: dato che tale indennizzo ammonta a 200 dollari, ecco che la richiesta complessiva è di ben 8.563.600 dollari.

«Blizzard richiede soltanto il risarcimento minimo. Pur avendo diritto a richiedere una somma superiore, intende pretendere soltanto il minimo risarcimento previsto per i danni» hanno spiegato i portavoce dell'azienda.

Sondaggio
Quando fai la spesa, qual è tra questi il profilo in cui ti ritrovi maggiormente?
Vado dritto verso quello che devo comprare e non perdo tempo: guardo solo le caratteristiche del prodotto e quanto costa.
Leggo sempre attentamente le etichette dei prodotti.
Per me gli acquisti sono necessari per una vita piena e appagante.
Per me il prezzo è più importante della marca.
Preferisco essere servito piuttosto che servirmi da solo.

Mostra i risultati (842 voti)
Leggi i commenti (4)

Anche perché - aggiunge sempre Blizzard - «200 dollari sono all'incirca il costo di una licenza per un anno di Bossland Hacks. È dunque molto probabile che Bossland abbia ricavato molto più di 8 milioni di dollari dalle vendite di Bossland Hacks».

Dal canto proprio, Bossland ha inizialmente cercato di far cadere le accuse appellandosi a un difetto di giurisdizione, ma la tesi non è stata accolta.

A quel punto ha smesso di rispondere a ogni ingiunzione, e ora sarà probabilmente condannata.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
World of Warcraft perde tre milioni di utenti in tre mesi
In tribunale per un cheat a un videogioco
Un multiplayer soltanto per chi bara
Rovinato da World of Warcraft, fa causa a Blizzard

Commenti all'articolo (2)

Eh ma gli americani si ritengono ancora i padroni del mondo... :wink: In ogni caso sono d'accordo con te ma forse ci vorrà solo più tempo per chiudere la vertenza.
19-3-2017 16:47

{Paolo Del Bene}
La Germania non è un paese negli USA, dunque la vedo difficile come richiesta.
17-3-2017 15:44

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Hai dei rimpianti per la tua vita finora?
Avrei voluto vivere la vita secondo le mie inclinazioni e non secondo le aspettative degli altri.
Ho fatto l'amore meno di quanto mi sarebbe piaciuto.
Non avrei voluto lavorare così duramente.
Ho viaggiato meno di quello che avrei voluto.
Avrei voluto avere il coraggio di esprimere di più alcuni miei sentimenti.
Avrei voluto restare di più in contatto con i miei amici e di chi mi ha voluto bene.
Ho guadagnato meno soldi di quanto avrei desiderato.
Avrei voluto consentirmi di essere più felice.

Mostra i risultati (2318 voti)
Ottobre 2017
Il ransomware per Android che blocca lo smartphone due volte
Il falso Adblock che ha ingannato decine di migliaia di utenti
Windows Media Player sparisce da Windows 10
Disqus violato, rubati i dati di 17,5 milioni di utenti
Il caso dell'iPhone 8 che si gonfia mentre è in carica
Gli auricolari di Google che traducono le conversazioni in tempo reale
La falla in Windows Defender che a Microsoft non interessa
Con un salto quantico, Firefox diventa più veloce di Chrome
Settembre 2017
Internet Explorer spiffera quel che digitiamo nella barra
Windows, gli ultimi aggiornamenti bloccano gli account utente
Violazione di CCleaner, guai più gravi del previsto
Il primo smartphone con Linux davvero libero
Falla nel Bluetooth, vulnerabili 5 miliardi di dispositivi
Se il robot sessuale diventa un terminator
I consigli di Linus Torvalds per gli hacker
Tutti gli Arretrati


web metrics