La lingua artificiale che riconosce il buon whisky

Smaschera all'istante le contraffazioni scadenti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 19-06-2017]

lingua artificiale whisky ap

Arriva dalla Germania, e per la precisione dall'Università di Heidelberg, la prima lingua artificiale in grado di distinguere un buon whisky dalla brodaglia alcolica a basso prezzo.

L'ha inventata il ricercatore Uwe Bunz, il quale afferma che la sua lingua sintetica è in grado di riconoscere qualsiasi whisky "assaggi" confrontandolo con le informazioni contenute nel database di riferimento.

Non può far nulla con i blend sconosciuti, ma con quelli che ha già provato è imbattibile.

L'importanza di questa invenzione, che a prima vista può sembrare una semplice curiosità, sta proprio nell'inedita capacità di questo dispositivo: dal punto di vista molecolare, i whisky si somigliano un po' tutti.

Eppure un esperto è in grado di distinguere al primo colpo le varie qualità possedute da ciascuno, dall'età al Paese di origine.

La cosiddetta lingua artificiale non assomiglia per niente a una lingua: è in realtà una serie di soluzioni fluorescenti da mescolare con il campione di whisky da sottoporre a test; una griglia di sensori rileva le reazioni di ogni soluzione.

Sondaggio
Quanto spesso utilizzi un Pc o un dispositivo mobile mentre guardi la Tv?
Sempre
Spesso
A volte
Raramente
Mai
Non guardo la Tv.

Mostra i risultati (3079 voti)
Leggi i commenti (3)

In fondo - spiega Bunz - la nostra lingua funziona allo stesso modo: «La lingua umana consta di 6 o 7 recettori diversi - dolce, salato, amaro, aspro, umami e caldo - ed è in grado di identificare il cibo in base alle diverse reazioni di questi elementi. La combinazione dei diversi recettori dà l'impressione complessiva del gusto di ciò che si mangia».

L'uso principale ipotizzato per quest'invenzione è - va da sé - l'identificazione di whisky contraffatti. Si sottopone alla "lingua" un campione sicuramente autentico, ed essa è in grado di capire se quello da esaminare è anch'esso buon whisky o una scadente contraffazione.

Bunz ha ora intenzione di applicare lo stesso principio alla rilevazione di altre sostanza: il vino rosso, per esempio, ma anche i farmaci e i profumi.

lingua artificiale whisky

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Aggiungere un po' d'acqua al whisky ne migliora il sapore? Ecco perché
L'hamburger vegano che sa di carne e si può cuocere al sangue
La macchina per spillare la birra in bottiglia o in lattina
La frutta con malformazioni conquista i social network
La caraffa che ti avverte se il latte è andato a male

Commenti all'articolo (1)

Se impiegato per difendere i consumatori e gli onesti produttori dalle contraffazioni ben venga...
9-7-2017 16:50

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Hai mai inviato Sms o messaggi o email a un tuo familiare mentre entrambi eravate a casa?
No, mai.
E' successo una o due volte.
Ogni tanto capita ma non Ŕ mia abitudine.
Lo faccio regolarmente.

Mostra i risultati (1445 voti)
Febbraio 2019
WinRAR, falla vecchia di 14 anni minaccia 500 milioni di utenti
Blu-ray in declino, Samsung cessa la produzione di lettori
Chiavette USB per rilevare eventuali cyberattacchi
Microsoft chiede agli utenti di non usare Internet Explorer
Cassandra Crossing/ Colore viola addio
Microsoft: Non comprate Office 2019
Storia di un attacco informatico a una banca
Lasciate Facebook per un mese: vi farà bene
Windows Update irraggiungibile, ma torna a funzionare cambiando i DNS
Prosecco italiano sotto accusa: distrugge le colline da cui nasce
Gennaio 2019
Cassandra Crossing/ Truffati o indotti in errore?
La lavastoviglie compatta che lava i piatti in 10 minuti
Microsoft azzoppa Windows Media Player in Windows 7
Facebook vuole unificare Instagram, Messenger e WhatsApp
Windows Lite farà piazza pulita delle ''piastrelle'' nel menu Start
Tutti gli Arretrati


web metrics