Apple cancella gli iPod Nano e Shuffle

Resta solo l'iPod Touch.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-07-2017]

apple cancella ipod nano shuffle

Si sta rivelando un'estate di pensionamenti (o di annunci di pensionamenti), questa del 2017: dopo l'addio parziale a Paint e quello, definitivo ma più in là nel tempo, a Flash, ora tocca ad alcuni modelli di iPod.

Apple ha infatti reso nota, per bocca di un portavoce, l'intenzione di «semplificare» la linea di iPod: in altre parole, ciò significa che gli iPod Nano e gli iPod Shuffle sono stati eliminati.

L'offerta di iPod si riduce quindi ora al solo iPod Touch, che per l'occasione si presenta in due versioni rinnovate: una con 32 Gbyte di memoria interna, venduta a 199 dollari, e una con 128 Gbyte, venduta a 299 dollari.

La mossa, per quanto possa intristire i nostalgici, non è inaspettata: con l'avanzata degli smartphone, la vita dei riproduttori musicali si è fatta sempre più dura, dato che un telefono moderno offre tutto quanto essi possono fare, e molto di più.

Sondaggio
Di quale generazione fai parte?
Generazione silenziosa: i nati tra gli anni '20 e gli anni '40 del XX secolo
Baby boomers: i nati tra gli anni '40 e l'inizio degli anni '60 del XX secolo
Generazione X: i nati tra gli anni '60 e l'inizio degli anni '80 del XX secolo
Generazione Y (o Millennials): i nati tra gli anni '80 del XX secolo e il 2000
Generazione Z: i nati dal 2000
Generazione Alpha (o Screenagers): i nati dal 2010

Mostra i risultati (2479 voti)
Leggi i commenti (4)

D'altra parte, l'iPhone è nato proprio con la non troppo velata intenzione di sostituire gli iPod, sul lungo periodo: all'inizio, prima che fosse scelto il nome definitivo, presso Apple veniva non a caso chiamato iPod Phone.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Adobe annuncia la morte di Flash
Microsoft cancella Paint e Outlook Express da Windows
Dieci anni di iPhone
Rubare soldi al bancomat con l'iPod Nano
Un iPod Touch un po' più Nano
Apple svela le nuove generazioni di iPod Nano e Touch
iPod Classic e Shuffle, è l'ora dell'addio

Commenti all'articolo (2)

Si però non un iCoso... :wink: In ogni caso se uno vuole solo ascoltare musica il riproduttore dovrebbe ancora avere un'autonomia superiore a quella di uno smartphone.
10-8-2017 16:29

Ma chi compra un riproduttore musicale a quelle cifre? Con quei soldi si acquista uno smartphone e nemmeno dei più scarsi...
30-7-2017 09:43

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale di questi comportamenti ritieni che sia da evitare in assoluto?
Essere fuori sincrono: quando voce, tono, ritmo, posizione e movimenti non comunicano la stessa cosa si genera confusione e si viene ritenuti poco affidabili o sinceri.
Gesticolare eccessivamente: fare ampi gesti con le mani oppure giocare per esempio con i capelli o il telefono comunica insicurezza.
Tenere un'espressione neutra: la mancanza di un feedback dato dall'espressione facciale fa pensare all'interlocutore che l'argomento non interessi.
Evitare il contatto visivo: non guardare l'altro negli occhi comunica una sensazione di debolezza e lascia pensare che si stia nascondendo qualcosa.
Sbagliare la stretta di mano: non deve essere né troppo debole né troppo forte, o genererà in entrambi i casi un'impressione errata (servilismo o aggressività).
Inviare segnali verbali e non verbali opposti: se l'espressione facciale è opposta a ciò che le parole dicono, l'interlocutore non si fiderà.
Non sorridere: il sorriso comunica sicurezza, apertura, calore ed energia, e spinge a sorridere di rimando. Ugualmente errato sorridere sempre.
Roteare gli occhi: è un segno di frustrazione, esasperazione e fastidio; comunica aggressività.
Usare il cellulare durante una conversazione: lascia pensare che l'argomento non interessi e sia certamente meno importante dell'oggetto tra le mani.
Incrociare le braccia: l'interlocutore penserà che siamo sulla difensiva. Inoltre, se le mani non sono in vista crederà che abbiamo qualcosa da nascondere.

Mostra i risultati (1517 voti)
Giugno 2020
Altro che Immuni: il Bluetooth va tenuto spento!
Maggio 2020
Windows 10, rilasciato l'update di maggio. Microsoft: ''Non aggiornate''
Immuni, rilasciati i sorgenti
Da Samsung lo smartphone da usare in guerra
Microsoft confessa: ''Sull'open source abbiamo sbagliato tutto''
Da OnePlus lo smartphone che vede attraverso gli oggetti (e i vestiti)
Windows 10, inizia l'abbandono dei 32 bit
Facebook, arriva la nuova interfaccia. Senza possibilità di fuga
UE, giro di vite sui cookie
L'app che snellisce Windows 10
Windows 10, l'aggiornamento di maggio uscirà con un bug
WhatsApp, finalmente arriva il supporto a più dispositivi
Aprile 2020
Windows 10 diventa più scattante con il May 2020 Update
Rubare i dati da un Pc sfruttando le vibrazioni delle ventole
Il software per impersonare gli altri su Zoom e Skype
Tutti gli Arretrati


web metrics