Cortana e Alexa lavoreranno insieme

Microsoft e Amazon stringono l'accordo: i loro assistenti intelligenti presto inizieranno a collaborare.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 01-09-2017]

alexa cortana

Uno degli aspetti più seccanti delle innovazioni tecnologiche, almeno dal punto di vista degli utenti, è la frammentazione.

Il prodotto di una data azienda non "parla" con quello dell'azienda concorrente, e così chi volesse avere accesso a tutte le funzioni esistenti dovrebbe dotarsi di due, tre, quattro apparecchi diversi.

Amazon e Microsoft si sono resi conto di quanto faccia male - soprattutto a loro - questa situazione e hanno deciso di stringere un accordo per permettere ai loro assistenti personali di parlarsi tra loro.

Entro la fine dell'anno Cortana sarà in grado di comunicare con Alexa e chiederle di compiere quei servizi che da sola non è in grado di svolgere, e viceversa.

Chi possiede un Amazon Echo non dovrà più dotarsi di dispositivi Microsoft per accedere a Cortana: gli basterà dire «Alexa, open Cortana» per accedere a tutte le opzioni di quest'ultima. Naturalmente funziona anche l'opzione inversa.

Sondaggio
Quali vantaggi ti motivano a investire in prodotti per la smart home?
Prepararsi per quando si arriva a casa dal lavoro
Sicurezza per la casa
Essere pronto ad andare a letto (temperatura, illuminazione, chiusura delle tapparelle)
Intrattenimento accessibile
Cura dei miei parenti anziani

Mostra i risultati (453 voti)
Leggi i commenti (3)

Per Microsoft, tutto ciò significa avere accesso all'ampia base di utenti degli assistenti domestici di Amazon: li si potrà convincere a usare «la conoscenza di Cortana, l'integrazione con Office 365, e i promemoria», come spiega Satya Nadella, Ceo del gigante di Redmond.

Per Jeff Bezos, amministratore delegato di Amazon, presto ci saranno molti e diversi assistenti intelligenti, « e ciascuno disporrà dell'accesso a diversi insiemi di dati e avrà competenze in diverse aree specializzate. Insieme, i loro punti di forza si completeranno a vicenda».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
L'assistente vocale di Amazon arriva sui notebook e sui Pc con Windows 10
Il riconoscimento vocale completamente open source
Amazon: la smart home è protetta dalla libertà di parola
Amazon Echo accetta ordini di acquisto da chiunque. Anche da una voce alla TV
Se il testimone cruciale di un omicidio è la casa ''smart''
Aiuto, la mia casa smart è stata posseduta via radio

Commenti all'articolo (5)

:lol:
6-9-2017 18:58

E' piu' o meno come mettere a dialogare la tua portinaia e la parrucchiera di tua moglie. Insieme, la loro capacita' di farsi i cazzi tuoi e' immensa.
5-9-2017 22:54

Lo penso anch'io e continuerò ad evitare come la peste questi aggeggi la cui utilità nei confronti della loro invasività perniciosa è tuttora assai scarsa.
3-9-2017 17:57

Mah, io non sapevo che fosse Alexa... seppur cliente Amazon. :shock: Sì, credo anch'io che l'obbiettivo n.1 sia una maggior profilazione dell'utente/consumatore. :roll:
3-9-2017 11:15

{talbot}
Collaborano adesso, per movimentare il mercato e dargli quella spinta che ancora manca, ma niente mi toglie dalla testa che TUTTE le grandissime aziende IT formino cartello, facendosi ovviamente concorrenza a basso livello, ma senza mai intaccare reciprocamente i vari "domini". Lo penso perché negli anni ho visto piccole... Leggi tutto
2-9-2017 13:38

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Immaginiamo un mondo popolato dalle auto di Google: senza pilota, senza sterzo e senza pedali. Qual è il maggior svantaggio? (vedi anche i vantaggi)
L'auto di Google è veramente brutta! Più che un auto è un'ovovia.
Ci toglierà il piacere di guidare e la nostra vita sarà un po' più triste.
Avrà un costo non sostenibile per la maggior parte degli utenti.
Ci sarà maggior traffico: con un'auto senza pilota il trasporto privato verrebbe incentivato rispetto al trasporto pubblico.
Il Gps incorporato potrebbe non essere efficiente, costringendoci a fare percorsi più lunghi o più lenti o addirittura non portandoci mai a destinazione.
Ho timori soprattutto per la privacy: le auto di Google potranno collezionare dati su come mi sposto e quando.
In caso di incidente con nessuno al volante, non è chiaro di chi sarà la responsabilità civile. E a chi tocca pagare l'assicurazione? All'utente o a Google? O allo Stato?
Sarà esposta ad attacchi hacker o terroristici: di fatto avremo minore sicurezza sulle strade.
Se il sistema prevede un urto inevitabile, potrebbe trovarsi di fronte a scelte etiche insormontabili. Uccidere un anziano o un bambino? Due uomini o un bambino? Un uomo o una donna? Uscire di strada o urtare altri veicoli o pedoni? Andare addosso a un SUV o a un'utilitaria?
Rispetto alle auto tradizionali impiegheranno troppo tempo ad arrivare a destinazione, non potendo superare i limiti di velocità o fare manovre azzardate.
I tassisti non esisteranno più: già immagino le loro legittime proteste.

Mostra i risultati (1881 voti)
Luglio 2020
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Hai installato Immuni?
Windows 10 rinnova il menu Start
Arriva Edge, e i computer rallentano
Giugno 2020
Favicon sfruttate per rubare i dati delle carte di credito
Windows 10, dov'è finita l'opzione per rimandare gli aggiornamenti?
Windows 10, l'ultimo aggiornamento riavvia i Pc a forza
La Casa Bianca e il video delle cataste di mattoni
Pornografia, il Parlamento prepara un filtro al web
La foto che paralizza alcuni smartphone Android
Il trucco che elimina la pubblicità da YouTube
L'Italia censura il progetto Gutenberg
Immuni, chiedete e vi sarà dato
Altro che Immuni: il Bluetooth va tenuto spento!
Tutti gli Arretrati


web metrics