Cortana e Alexa lavoreranno insieme

Microsoft e Amazon stringono l'accordo: i loro assistenti intelligenti presto inizieranno a collaborare.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 01-09-2017]

alexa cortana

Uno degli aspetti più seccanti delle innovazioni tecnologiche, almeno dal punto di vista degli utenti, è la frammentazione.

Il prodotto di una data azienda non "parla" con quello dell'azienda concorrente, e così chi volesse avere accesso a tutte le funzioni esistenti dovrebbe dotarsi di due, tre, quattro apparecchi diversi.

Amazon e Microsoft si sono resi conto di quanto faccia male - soprattutto a loro - questa situazione e hanno deciso di stringere un accordo per permettere ai loro assistenti personali di parlarsi tra loro.

Entro la fine dell'anno Cortana sarà in grado di comunicare con Alexa e chiederle di compiere quei servizi che da sola non è in grado di svolgere, e viceversa.

Chi possiede un Amazon Echo non dovrà più dotarsi di dispositivi Microsoft per accedere a Cortana: gli basterà dire «Alexa, open Cortana» per accedere a tutte le opzioni di quest'ultima. Naturalmente funziona anche l'opzione inversa.

Sondaggio
Quali vantaggi ti motivano a investire in prodotti per la smart home?
Prepararsi per quando si arriva a casa dal lavoro
Sicurezza per la casa
Essere pronto ad andare a letto (temperatura, illuminazione, chiusura delle tapparelle)
Intrattenimento accessibile
Cura dei miei parenti anziani

Mostra i risultati (371 voti)
Leggi i commenti (3)

Per Microsoft, tutto ciò significa avere accesso all'ampia base di utenti degli assistenti domestici di Amazon: li si potrà convincere a usare «la conoscenza di Cortana, l'integrazione con Office 365, e i promemoria», come spiega Satya Nadella, Ceo del gigante di Redmond.

Per Jeff Bezos, amministratore delegato di Amazon, presto ci saranno molti e diversi assistenti intelligenti, « e ciascuno disporrà dell'accesso a diversi insiemi di dati e avrà competenze in diverse aree specializzate. Insieme, i loro punti di forza si completeranno a vicenda».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il riconoscimento vocale completamente open source
Amazon: la smart home è protetta dalla libertà di parola
Amazon Echo accetta ordini di acquisto da chiunque. Anche da una voce alla TV
Se il testimone cruciale di un omicidio è la casa ''smart''
Aiuto, la mia casa smart è stata posseduta via radio

Commenti all'articolo (5)

:lol:
6-9-2017 18:58

E' piu' o meno come mettere a dialogare la tua portinaia e la parrucchiera di tua moglie. Insieme, la loro capacita' di farsi i cazzi tuoi e' immensa.
5-9-2017 22:54

Lo penso anch'io e continuerò ad evitare come la peste questi aggeggi la cui utilità nei confronti della loro invasività perniciosa è tuttora assai scarsa.
3-9-2017 17:57

Mah, io non sapevo che fosse Alexa... seppur cliente Amazon. :shock: Sì, credo anch'io che l'obbiettivo n.1 sia una maggior profilazione dell'utente/consumatore. :roll:
3-9-2017 11:15

{talbot}
Collaborano adesso, per movimentare il mercato e dargli quella spinta che ancora manca, ma niente mi toglie dalla testa che TUTTE le grandissime aziende IT formino cartello, facendosi ovviamente concorrenza a basso livello, ma senza mai intaccare reciprocamente i vari "domini". Lo penso perché negli anni ho visto piccole... Leggi tutto
2-9-2017 13:38

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo una ricerca dell'Australian Relationship Queensland, tra tecnologia e solitudine esisterebbe un collegamento. Secondo te:
È la solitudine che spinge le persone a usare "più tecnologia".
È l'utilizzo massiccio di tecnologia che porta le persone a isolarsi e, conseguentemente, a provare solitudine.
Le due cose non sono affatto correlate.

Mostra i risultati (1010 voti)
Novembre 2017
Attenzione: il set-top box con Kodi può ucciderti
Monaco abbandona Linux e LibreOffice e torna a Windows
iPhone X paralizzato dal freddo: lo schermo smette di funzionare
In prova: Amazon Fire Tv Stick - Basic Edition
iPhone X, campione di fragilità
Licenziato per aver detto la verità
Arriva il DVB-T2, dovremo cambiare il televisore: come scegliere quello giusto
Windows 10 non sarà più gratuito
Ottobre 2017
Youtuber svela l'iPhone X in anteprima e fa licenziare il padre da Apple
Amazon Key dà al corriere le chiavi di casa
Come far risorgere le app cancellate dal Fall Creators Update
Malware per violare i bancomat in vendita nel dark web
Ceo di GitHub: i programmatori sono condannati all'estinzione
Il ransomware per Android che blocca lo smartphone due volte
Il falso Adblock che ha ingannato decine di migliaia di utenti
Tutti gli Arretrati


web metrics