Sedicenne arrestato, gestiva sito di pirateria Tv

Il servizio gli faceva guadagnare 3.000 euro al mese, ora rischia tre anni di prigione.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 16-12-2017]

pirateria tv 16 anni

La polizia francese di Bordeaux, su segnalazione del gruppo antipirateria Alpa, ha arrestato il gestore di un sito (con annessa app per Android) che permetteva di accedere a oltre 176 canali televisivi, sia gratuiti che a pagamento.

Apparso lo scorso aprile, il sito - Artv - è immediatamente diventato molto popolare, radunando in questi mesi oltre 800.000 utenti registrati e 150.000 visitatori ogni mese.

Artv consentiva l'accesso a canali come quelli appartenenti a Disney, Fox, Paramount e France Télévision Group, e garantiva al proprio titolare un introito mensile di tutto rispetto: grazie alla pubblicità, pare che generasse circa 3.000 euro di incassi ogni 30 giorni.

Si capisce quindi come mai l'Alpa si sia tanto impegnata per vederlo chiudere, ma l'aspetto più sorprendente dell'intera vicenda è l'età del fondatore e unico gestore: appena 16 anni.

A causa della sua remunerativa ma illegale attività, il ragazzo è stato arrestato e ora rischia di dover scontare fino a 3 anni di prigione e di dover pagare una multa di 300.000 euro.

Sondaggio
Qual tra questi il motivo pi importante per connetterti e utilizzare una rete Wi-Fi pubblica?
Per poter usare Google Maps o altri servizi di Gps.
Nel caso in cui qualcuno debba mettersi in contatto urgentemente con me.
Per non consumare il mio piano dati.
Per poter utilizzare un social network come Facebook, Instagram, Snapchat o altri.
Per rimanere in contatto con i miei contatti di lavoro (il capo, i clienti, i colleghi ecc.).
Per utilizzare i servizi di streaming come Netflix, Google Music e simili.
Per consultare il mio conto corrente online / carte di credito / informazioni finanziarie.
Per rimanere in contatto con i miei figli / parenti.
Per usare o aggiornare le mie app di dating online.

Mostra i risultati (1273 voti)
Leggi i commenti (5)

Sebbene il sito ovviamente ora non sia più operativo, l'homepage è ancora raggiungibile: ospita infatti un messaggio da parte del fondatore.

«Avviso a tutti coloro che volessero realizzare un sito di questo tipo: vi sconsiglio caldamente di farlo» scrive il giovane, informando i visitatori di quanto si prepara ad affrontare come conseguenze della sua iniziativa.

C'è persino un video - che riportiamo qui sotto - in cui il ragazzo racconta brevemente la situazione difficile in cui s'è cacciato. Difficile dire se tutto ciò sia una sua iniziativa personale o se sia stato convinto a farlo da qualche pressione dell'Alpa (magari con la promessa di una pena più lieve se si fosse impegnato a fungere da testimonial antipirateria).

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Come si diventa pirati audiovisivi? Seguendo il calcio
Singapore, sedicenne fa un mese di carcere per un video su Youtube
Sedicenne scarica MP3, il padre (giudice) la prende a cinghiate
Il sedicenne che ha risolto il problema di Newton
La RIAA pretende multe milionarie dalla mamma-pirata
Gruppo di hacker si offre di rieducare i ragazzini dei DDoS
Mamma pirata multata per 1,5 milioni di dollari
Sedicenne querela la madre per un post su Facebook
Litiga col padre per Fifa 2009 e lo accoltella
Il professore rovinato dalla caccia ai pedofili

Commenti all'articolo (1)

Direi sia pi probabile la seconda ipotesi... :roll: Leggi tutto
16-12-2017 15:42

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Ad alta quota, secondo te, qual il comportamento pi fastidioso?
Il passeggero della fila avanti che reclina lo schienale, senza nemmeno girarsi e avvisarti gentilmente.
Il passeggero della fila dietro che punta le piante dei piedi (o le ginocchia) nella parte alta del sedile.
I bambini che urlano ripetutamente o infastidiscono gli altri passeggeri, senza che i genitori intervengano.
Il passeggero che puzza di sudore.
Il passeggero che ascolta la musica ad alto volume.
Il passeggero che si ubriaca in volo.
Il passeggero che cerca di psicanalizzarti... per tutto il viaggio.
Il passeggero che si allarga sui braccioli del vicino.
I passeggeri che amoreggiano durante il volo.
Il passeggero che cerca di rimorchiare.

Mostra i risultati (2461 voti)
Dicembre 2021
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Novembre 2021
L'app va in crash, e la Tesla non parte più
La Rete telefonica italiana agli americani di KKR
Se il furgone di Amazon ti tampona... la colpa è di Amazon!
Il Blue Screen of Death... ritorna blu
MediaWorld sotto attacco ransomware: hacker vogliono 200 milioni in bitcoin
SPID con le Poste, il riconoscimento adesso si paga
Facebook rinuncia ufficialmente al riconoscimento facciale
Ottobre 2021
Il Nobel ad Assange
Windows 11, finalmente si possono eseguire anche le app Android
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 3 dicembre


web metrics