Sedicenne arrestato, gestiva sito di pirateria Tv

Il servizio gli faceva guadagnare 3.000 euro al mese, ora rischia tre anni di prigione.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 16-12-2017]

pirateria tv 16 anni

La polizia francese di Bordeaux, su segnalazione del gruppo antipirateria Alpa, ha arrestato il gestore di un sito (con annessa app per Android) che permetteva di accedere a oltre 176 canali televisivi, sia gratuiti che a pagamento.

Apparso lo scorso aprile, il sito - Artv - è immediatamente diventato molto popolare, radunando in questi mesi oltre 800.000 utenti registrati e 150.000 visitatori ogni mese.

Artv consentiva l'accesso a canali come quelli appartenenti a Disney, Fox, Paramount e France Télévision Group, e garantiva al proprio titolare un introito mensile di tutto rispetto: grazie alla pubblicità, pare che generasse circa 3.000 euro di incassi ogni 30 giorni.

Si capisce quindi come mai l'Alpa si sia tanto impegnata per vederlo chiudere, ma l'aspetto più sorprendente dell'intera vicenda è l'età del fondatore e unico gestore: appena 16 anni.

A causa della sua remunerativa ma illegale attività, il ragazzo è stato arrestato e ora rischia di dover scontare fino a 3 anni di prigione e di dover pagare una multa di 300.000 euro.

Sondaggio
Qual è tra questi il motivo più importante per connetterti e utilizzare una rete Wi-Fi pubblica?
Per poter usare Google Maps o altri servizi di Gps.
Nel caso in cui qualcuno debba mettersi in contatto urgentemente con me.
Per non consumare il mio piano dati.
Per poter utilizzare un social network come Facebook, Instagram, Snapchat o altri.
Per rimanere in contatto con i miei contatti di lavoro (il capo, i clienti, i colleghi ecc.).
Per utilizzare i servizi di streaming come Netflix, Google Music e simili.
Per consultare il mio conto corrente online / carte di credito / informazioni finanziarie.
Per rimanere in contatto con i miei figli / parenti.
Per usare o aggiornare le mie app di dating online.

Mostra i risultati (1297 voti)
Leggi i commenti (5)

Sebbene il sito ovviamente ora non sia più operativo, l'homepage è ancora raggiungibile: ospita infatti un messaggio da parte del fondatore.

«Avviso a tutti coloro che volessero realizzare un sito di questo tipo: vi sconsiglio caldamente di farlo» scrive il giovane, informando i visitatori di quanto si prepara ad affrontare come conseguenze della sua iniziativa.

C'è persino un video - che riportiamo qui sotto - in cui il ragazzo racconta brevemente la situazione difficile in cui s'è cacciato. Difficile dire se tutto ciò sia una sua iniziativa personale o se sia stato convinto a farlo da qualche pressione dell'Alpa (magari con la promessa di una pena più lieve se si fosse impegnato a fungere da testimonial antipirateria).

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

Direi sia più probabile la seconda ipotesi... :roll: Leggi tutto
16-12-2017 15:42

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Stai installando un'applicazione. Cosa fai quanto compare il contratto di licenza?
Lo leggo attentamente e poi faccio click su “Accetto”
Do un sguardo al testo e poi accetto
Dipende dall'applicazione. A volte leggo il contratto di licenza
Non leggo mai il contratto di licenza. È davvero indispensabile?
Leggo il contratto di licenza dopo aver installato l'applicazione

Mostra i risultati (1389 voti)
Luglio 2022
Alexa fa parlare i morti
Giugno 2022
Tesla e la batteria che dura 100 anni
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Grave falla in Windows, occhio ai documenti di Word
Toyota: cartucce di idrogeno per alimentare auto, case, droni
Maggio 2022
La Rete esce da TIM: nasce la Open Access italiana
DuckDuckGo consente a Microsoft di tracciare gli utenti
Russi saccheggiano trattori ucraini, che vengono brickati da remoto
Necrofinanza e criptovalute: lo scoppio di Terra/Luna
Pwn2Own 2022, Windows 11 e Ubuntu cadono il primo giorno
Migliaia di siti sono keylogger nascosti
Radio a onde corte: davvero?
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 2 luglio


web metrics