Non togliete lo smartphone ai bambini

Il tempo passato davanti allo schermo non inciderebbe sul benessere dei più piccoli.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 20-12-2017]

bambini smartphone

Quantificare esattamente il tempo che è lecito concedere ai bambini di passare davanti allo schermo dello smartphone, del tablet o del Pc è una pratica che, agli occhi di molti, più che avere il sapore della scienza ha quello dell'alchimia.

Posto che c'è un generale consenso circa la generica affermazione in base alla quale è sconsigliabile lasciare gli apparecchi elettronici in mano ai bambini «per troppo tempo», il problema resta l'accordo su quel «troppo».

Negli Usa l'American Academy of Paediatrics ha stilato nel 2010 e rivisto nel 2016 alcune linee guida, in base alle quali il limite giornaliero per l'uso di smartphone e soci da parte dei bambini, al fine di mantenere il loro benessere psicologico, sta tra l'una e le due ore.

Ora però una ricerca condotta presso l'Università di Oxford, nel Regno Unito, contesta quelle conclusioni, ritenendo che siano troppo restrittive.

I ricercatori hanno intervistato circa 20.000 genitori di bambini tra i due e i cinque anni, informandosi sulla relazione tra l'uso della tecnologia da parte dei figli e il loro benessere, conducendo osservazioni per un mese.

Durante il periodo della ricerca sono stati considerati vari fattori come l'attaccamento dei bambini alle persone che si prendevano cura di loro, l'impatto dell'uso della tecnologia sulla resilienza emotiva, sulla curiosità e sull'affettività positiva.

I risultati dimostrano che «non ci sono correlazioni concrete tra l'adozione dei limiti indicati nelle linee guida del 2010 o nella revisione del 2016 e il benessere dei bambini».

Sondaggio
I bambini sempre più spesso entrano in contatto con la tecnologia a una tenera età (per giocare, comunicare e cercare informazioni), anche grazie alla diffusione di smartphone e tablet. Quale dovrebbe essere la maggiore preoccupazione dei genitori?
Potrebbero visionare materiale inappropriato o visitare siti inopportuni.
Potrebbero comunicare con sconosciuti o persone non ritenute affidabili.
Potrebbero essere vittime di cyberbullismo, sui social network o altrove.
Potrebbero spendere denaro online senza che i genitori lo sappiano, anche a causa delle app che richiedono acquisti online durante i giochi.
Potrebbero diffondere dati personali (compresi foto e filmati) senza essere coscienti dei rischi.
Potrebbero incorrere in difficoltà a relazionarsi con amici dal vivo, nascondendosi dietro relazioni disintermediate dal mezzo informatico.

Mostra i risultati (1232 voti)
Leggi i commenti (13)

I bambini tra i due e i cinque anni che seguono quelle indicazioni mostrano - spiegano gli autori dello studio - «livelli leggermente più alti di resilienza», che sono tuttavia compensati «da livelli inferiori di affettività positiva».

Il dottor Andrew Pryzbylski dell'Oxford Internet Institute, pricipale autore dello studio, riassume così le conclusioni: «Tutto considerato, i dati suggeriscono che la teoria secondo la quale l'utilizzo degli schermi digitali sia di per sé deleteria per il benessere psicologico dei bambini abbia scarse basi, o addirittura nessuna».

Che cosa conta davvero, quindi? «Il contesto familiare più ampio» - spiega il dottor Pryzbylski - «insieme al modo in cui i genitori stabiliscono le regole relative al tempo da dedicare degli schermi digitali e alla possibilità di impegnarsi a esplorare insieme il mondo digitale è più importante del dato grezzo circa il tempo passato davanti allo schermo».

Stabilito quindi che non è il caso di demonizzare il mezzo in sé, da un lato l'importante è concentrarsi sul farne un uso buono; dall'altro - come suggerisce la co-autrice dottoressa Netta Weinstein - «è indispensabile che gli studiosi conducano ricerche rigorose e aggiornate per identificare i meccanismi in base ai quali l'esposizione agli schermi per un dato periodo di tempo possa avere effetto sui bambini, e scoprire quanto profondi siano tali effetti».

Poiché da altre ricerche è noto che l'uso degli smartphone e dei tablet da parte degli adolescenti non ha effetti immediatamente negativi sul loro benessere, e che tuttavia la dipendenza da smartphone è una realtà con conseguenza misurabili, trovare il punto di equilibrio è una compito urgente.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Adolescenti, passare troppo tempo con lo smartphone danneggia l'attenzione
Facebook lancia la chat per bambini
La dipendenza da smartphone altera il cervello
Smartphone come cocaina per i bambini, il sexting è normale per le ragazzine
Bambini online: crescono ricerche su droghe, alcol e tabacco
L'iPad? Per i bambini è come un sedativo
Kano, il computer in kit di montaggio adatto ai bambini [VIDEO]
Filtrare le navigazioni dei bambini
Le reazioni dei bambini di fronte ai vecchi computer
Niente tablet ai bambini: rallentano l'apprendimento

Commenti all'articolo (1)

Uno studio rigoroso su questo tema penso si debba basare su osservazioni ben più lunghe di un mese. Leggi tutto
26-12-2017 11:44

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Stai per entrare in un sito di home banking (ad esempio, Money Bank). Quale tra questi indirizzi Internet ti sembra sicuro?
http://MoneyBank.com
https://MoneyBank.com
https://MoneyBamk.com
https://MoneyBank.xyz.com
Non uso siti di home banking

Mostra i risultati (3008 voti)
Luglio 2019
WhatsApp, la truffa passa attraverso i file multimediali
Galileo fuori uso da quattro giorni, forse è colpa di un guasto in Italia
Lo pneumatico senz'aria di Michelin e GM
Track This inganna gli algoritmi pubblicitari (aprendo 100 schede!)
L'app che spoglia nude le donne in pochi secondi
Giugno 2019
Quattordicenne crea malware che rende inutilizzabili i dispositivi IoT
Fusione TIM e Open Fiber, un'operazione senza alternative
Apple richiama i MacBook Pro: rischiano di prendere fuoco
Falla zero-day in Firefox, gli hacker la stanno già sfruttando
Libra, la criptovaluta di Facebook, ufficialmente al via con il wallet Calibra
Se anche Sky usa i sottotitoli pirata
Il CERN lascia Microsoft e passa all'open source
VLC, corrette 33 falle grazie alle ricompense UE
EmuParadise violato, rubati i dati di 1,1 milioni di utenti
Google cambia la ricerca: i siti non appariranno più di due volte
Tutti gli Arretrati


web metrics