Hacker sequestrano i server di un ospedale. Vogliono un riscatto in Bitcoin

L'attacco ha paralizzato l'intera rete informatica.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 15-01-2018]

hacker attacco ospedale

Le informazioni sanitarie conservate nei sistemi informatici degli ospedali non sono preziose soltanto per il personale medico: la loro natura di "dati sensibili" fa sì che siano anche ghiotte prede per gli hacker. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Una ricerca dell'Università di Lund (Svezia) mostra che avere un bambino costa al Pianeta l'emissione di 58,6 tonnellate di CO2 l'anno. In proporzione, si tenga conto che non avere l'auto fa risparmiare 2,4 tonnellate di CO2, l'essere vegani 0,8 tonnellate ed evitare un viaggio aereo 1,6 tonnellate. Lo studio conclude che una famiglia che sceglie di avere un bambino in meno contribuisce alla riduzione di emissioni di CO2 quanto 684 teenager che decidono di adottare un comportamento ecologista per il resto della vita. Cosa ne pensi?
È corretto. Farò meno figli.
Sono pazzi questi svedesi.

Mostra i risultati (994 voti)
Leggi i commenti (14)
Lo scorso 11 gennaio si è avuta la dimostrazione di tutto ciò: in quel giorno l'Hancock Regional Hospital di Greenfield, Indiana (Usa) è rimasto vittima di un cyberattacco che ha compromesso l'intera rete informatica ospedaliera.

I computer si sono bloccati e hanno preso a mostrare soltanto una schermata che chiedeva il pagamento di un riscatto in Bitcoin: soltanto cedendo al ricatto - spiegavano gli autori dell'attacco - il personale dell'ospedale avrebbe potuto avere nuovamente accesso ai dati.

L'amministrazione ospedaliera non s'è però lasciata intimorire e ha deciso di spegnere ogni Pc, al fine di evitare il diffondersi di di qualsiasi malware avesse colpito i computer, per poi contattare l'Fbi.

Le informazioni divulgate dagli investigatori sono a questo punto molto scarse, ma pare che l'attacco non sia stato facilitato da qualche tipo di errore umano, come un dipendente che abbocca a una email di phishing.

Attualmente la rete informatica dell'ospedale americano è tornata alla pieno operatività, ma l'Fbi non ha spiegato se il ritorno alla normalità sia stato ottenuto cedendo al ricatto oppure liberando il sistema dall'infezione. In ogni caso, l'amministratore della struttura ritiene che non ci sia stato alcun furto di dati.

Ciò di cui gli agenti federali statunitensi sono sicuri è che, a giudicare da quanto era sofisticato l'attacco, l'autore non era «un ragazzino quindicenne che vive nel seminterrato dei suoi».

In altre parole, non si è trattato soltanto di una ragazzata, ma dell'atto di un criminale con un obiettivo preciso.

ospedale hacker messaggio
Il messaggio con cui l'amministrazione dell'ospedale ha informato il personale dell'avvenuto attacco.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Ospedale USA paga 17.000 dollari di riscatto
Ransomware in ospedale, degenti smistati in altre strutture
Gioca a Frogger dal vivo, finisce in ospedale
L'ospedale del futuro è senza carta e penna
Virus blocca per due giorni gli ospedali di Londra
Ospedale, mettono online le foto dei pazienti. Licenziati in tronco
Impronte digitali in ospedale? No problem

Commenti all'articolo (2)

Forse i sistemi di sicurezza implementati dall'ospedale non erano particolarmente sicuri se vi è stata individuata, dai criminali, una falla senza nemmeno ricorrere al cavallo di troia che, generalmente, è rappresentato dal fattore umano.
21-1-2018 18:27

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Annunci come quello di NVIDIA sull'appliance GRID per il Cloud gaming suggeriscono che il fenomeno stia acquisendo rilevanza, ma storie di insuccesso come OnLive sembrano indicare mancanza di trazione tra gli utenti. Hai qualche esperienza in merito?
Sì, e sono stato soddisfatto
Sì, ma sono rimasto deluso
No, ma penso che possa avere successo
No, e fallirà perché ci sono alternative più interessanti per videogiocare

Mostra i risultati (135 voti)
Dicembre 2018
L'open Internet rischia di chiudersi
Robot di Amazon manda all'ospedale oltre 20 dipendenti
Le aziende si preparano a sostituire il Wi-Fi con reti 5G private
Lo smartphone con Linux e KDE che non è un telefono cellulare
Hacker viola 50.000 stampanti per invitare tutti su un canale Youtube
Novembre 2018
Facebook e il caso dei messaggi zombie
Malware nei portatili Lenovo, utenti risarciti con 7,3 milioni di dollari
Gioca dal vivo a PUBG e uccide l'amico
Amazon, nomi e indirizzi email degli utenti rivelati per errore
Bethesda e la patch da quasi 50 gigabyte per Fallout 76
Sai che cos'è il phishing? Allora hai più probabilità di cascarci
Il Garante privacy boccia la fattura elettronica
Windows 10, ritorna l'October Update
Tim in piena tempesta: sfiduciato l'amministratore delegato Genish
Windows 10, aggiornamento problematico: non ricorda le associazioni dei file
Tutti gli Arretrati


web metrics