Tim Berners-Lee: ''Web minacciato da digital divide e strapotere dei social''

Il messaggio padre del web per il ventinovesimo compleanno della sua creatura.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-03-2018]

tim berners lee web minacciato

Com'è tradizione anche quest'anno, in occasione del compleanno del World Wide Web sir Tim Berners-Lee, che del web è l'inventore, ha scritto un messaggio.

Il testo completo della lettera per il ventinovesimo anniversario del web si trova sul sito della WWW Foundation, e il suo contenuto è tutt'altro che allegro sin dal titolo: «Il web è minacciato».

Tra i problemi che secondo Berners-Lee affliggono il web ci sono il digital divide, le violazioni della privacy, la diffusione delle fake news e l'eccessiva influenza dei social media.

Ciò che preoccupa il padre del web è che «un manipolo di piattaforme controlla quali idee e quali opinioni possano essere viste e condivise», con il rischio di «trasformare il web in un'arma su vasta scala».

Sondaggio
La rete ha reso famosi due personaggi per certi versi simili anche se molto diversi: secondo te chi Ŕ il pi¨ grande?
Julian Assange. Prende informazioni dalle grandi aziende e dai governi e le rende pubbliche gratuitamente. ╚ stato accusato - tra le altre cose - di terrorismo.
Mark Zuckerberg. Prende informazioni e dati personali e li vende alle grandi aziende e ai governi. ╚ diventato l'uomo dell'anno.

Mostra i risultati (1670 voti)
Leggi i commenti (36)

Le conseguenze di questa situazione andrebbero dalla diffusione di notizie fasule alle violazioni alla riservatezza fino alle interferenze nelle elezioni, tutti fenomeni per fermare i quali i vari fornitori di servizi - quali Facebook e Twitter - dovrebbero mettere in campo azioni molto più decise.

Questa necessità si traduce, per Tim Berners-Lee, nell'introduzione di nuove norme pensate appositamente per affrontare questi specifici problemi: «Un quadro giuridico o normativo che tenga conto degli obiettivi sociali potrebbe contribuire a ridurre queste tensioni».

Un altro punto che preoccupa il creatore del web è il digital divide. Sebbene oggi se ne parli meno che in passato, non si può semplicemente pensare che tutto il mondo sia connesso: oltre metà del globo può accedere a Internet - spiega Berners-Lee - ed è tempo di chiedersi come fare a collegare l'altra metà.

«Nel 2016» - si legge nella lettera - «le Nazioni Unite hanno dichiarato l'accesso a Internet un diritto umano, al pari dell'acqua pulita, dell'elettricità, della casa e del cibo. Ma fino a che non rendiamo l'accesso a Internet abbordabile per tutti, milioni di persone continueranno a vedersi negato questo diritto basilare»

Per continuare lo sviluppo del web a quasi trent'anni dalla sua ideazione, per sir Tim bisogna agire su più fronti: le infrastrutture devono portare l'accesso a ognuno, le leggi devono impedire gli abusi, e gli attori dello scenario digitale devono mostrare maggiore creatività nell'uso della Rete.

«Oggi» - conclude Berners-Lee - «voglio sfidarci tutti a nutrire ambizioni grandiose per il web. Voglio che il web rifletta le nostre speranze e realizzi i nostri sogni anziché accrescere le nostre paure e approfondire le divisioni tra noi».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Facebook: ''La crescita è tutto, anche a costo di uccidere''
Il DRM entra ufficialmente in HTML 5
Una visita al primo server Web
Tim Berners-Lee vince il Premio Turing
L'inventore dei pop-up chiede scusa
25 anni di World Wide Web, serve una ''carta dei diritti''
Tim Berners-Lee: privacy necessaria per democrazia digitale
Tim Berners-Lee: l'Italia colmi il digital divide
Tim Berners-Lee: Facebook minaccia il futuro del web
Tim Berners-Lee chiede scusa per il doppio slash
Al Cern si festeggia, il World Wide Web compie vent'anni
Tim Berners-Lee promuove il web libero e aperto
Le 10 persone più importanti nella storia del computer

Commenti all'articolo (5)

Tutte considerazioni ampiamente sottoscrivibili ma, come scritto anche da chi mi ha preceduto nei commenti, anche piuttosto tardivi e, con ogni probabilitÓ, fuori tempo massimo. Non Ŕ che voleva semplicemente rifarsi una verginitÓ? :roll:
17-3-2018 19:10

{Not a robot}
"Voglio che il web rifletta le nostre speranze e realizzi i nostri sogni anziché" riflettere le speranze e realizzare i sogni dei pochi psicopatici a capo delle aziende che lo dominano.
15-3-2018 15:46

Finalmente! E' un piacere leggere di qualcuno dell'ambiente che ha aperto gli occhi. C'Ŕ da chiedersi per˛ se non arrivi troppo tardi: i "divenuti grandi" operatori avranno giÓ fatto il loro gioco lobbystico, la politica (sempre ultima a svegliarsi per l'interesse comune) avrÓ ormai individuato le proprie convenienze ed i... Leggi tutto
15-3-2018 13:31

{Paolo Del Bene}
After my thread on zeusnews, I published the thread on twitter and I sent the message to Tim Berners Lee via twitter. Paolo Del Bene 06:06:00 a.m. 15-03-2018
15-3-2018 06:06

{Paolo Del Bene}
Tim Berners Lee the co-founder of INTERNET should stay with closed mouth. In 2013 I wrote to him link and I never seen a reply! To the contrary in that period he approved the large use of social networks. Now he changed idea. Awaiting an immediately reply, paolo del bene 15-03-2018 at 05:51:00 a.m.
15-3-2018 05:51

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Preferisci utilizzare Facebook, Twitter o Google+?
Prevalentemente Facebook
Prevalentemente Twitter
Prevalentemente Google+
Facebook e Twitter
Twitter e Google+
Google+ e Facebook
Tutti e tre
Nessuno dei tre

Mostra i risultati (2252 voti)
Giugno 2018
Il malware che infetta Windows 10 e scatta foto del desktop
Huawei brevetta lo smartphone ''tutto schermo''
Lucchetto ''smart'' annuncia a tutti la propria password
Lo smartphone pieghevole di Samsung con doppio display
Pseudoscienza al potere oggi: Sud Africa, Spagna, Stati Uniti
Windows 10, il 50% degli utenti ha dovuto pagare un tecnico per i problemi dell'aggiornamento
Ubisoft: ''Le console sono destinate a sparire: ancora una generazione e poi basta''
Bug in Facebook rende pubblici i post privati di 14 milioni di utenti
Microsoft affonda i datacenter per tenerli freschi
L'auto volante di Larry Page: si impara a guidare in meno di un'ora
Microsoft compra GitHub e i programmatori scappano
Il primo attacco informatico della storia... nel 1834?
Medico fa causa a paziente per una recensione negativa online
L'attacco sonico che manda in crash il sistema e rovina gli hard disk
Maggio 2018
Semplicità
Tutti gli Arretrati


web metrics