Zuckerberg al Congresso: sì, raccogliamo dati anche su chi non è iscritto a Facebook



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-04-2018]

zuckerberg congresso profilo ombra

Al secondo giorno dell'audizione di Mark Zuckerberg davanti al Congresso americano, i politici USA continuano a dare l'impressione di voler approfittare dell'occasione più che altro per arrostire a fuoco il fondatore di Facebook.

Al di là di ciò, tuttavia, alcune interessanti informazioni vanno emergendo. Per esempio, a quanto pare Facebook non si limita a spiare i propri utenti ma anche quanti non vi sono iscritti, o per lo meno vi va molto vicino.

Già qualche mese fa un tribunale belga aveva messo sotto accusa il social network in blu, affermando che il tracciamento di quanti non sono iscritti a esso, tramite i plugin social usati dai siti e tramite i cookie, viola le leggi sulla privacy.

Ora, davanti alla precisa domanda del rappresentante del Nuovo Messico Ben Ray Lujan - «Facebook mantiene un profilo dettagliato di persone che non si sono mai iscritte a esso?» - Zuckerberg non ha risposto chiaramente di sì, ma nemmeno ha potuto negarlo. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
E' corretto utilizzare i social network in ufficio?
Sì, perché offrono numerose occasioni per migliorare la propria produttività.
Sì, perché sono strumenti validi per condividere opinioni lavorative con amici e colleghi.
Sì ma con moderazione: una pausa di cinque minuti ogni tanto allenta la tensione e migliora la produttività.
No, perché la commistione tra aspetti privati e professionali generata dall'utilizzo di questi strumenti potrebbe causare problemi sul posto di lavoro.
No, perché non è corretto scambiare opinioni relative a questioni lavorative attraverso i social media.
No, perché hanno un impatto negativo sulla produttività.
Non saprei.

Mostra i risultati (1771 voti)
Leggi i commenti (15)
La verità è che Facebook raccoglie alcuni dati relativi a quanti non hanno un account presso il social network «per motivi di sicurezza», ma anche per proteggere i dati degli iscritti.

Sembra quasi un controsenso, eppure il ragionamento di Mark Zuckerberg è questo: per evitare che qualcuno non iscritto a Facebook si metta a raccogliere tutti i dati disponibili pubblicamente su quanti invece sono iscritti, «dobbiamo sapere quando qualcuno sta cercando di accedere ripetutamente ai nostri servizi». Identificandoli, diventa possibile fermare la loro attività.

Il che però significa anche che in realtà Facebook possiede delle informazioni anche su coloro che non hanno alcun profilo presso la piattaforma: è una sorta di indiretta conferma dell'esistenza dei cosiddetti «profili ombra», che riguarderebbero proprio i non iscritti.

Interrogato in proposito, Zuckerberg ha affermato di non avere alcuna familiarità con l'espressione «profili ombra», ma pare evidente che la sua creatura sappia bene come gestirli, qualunque sia il modo in cui li chiami.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Facebook, un brevetto per attivare i microfoni degli smartphone a tradimento
Facebook, tutti potranno cancellare i messaggi inviati. Come già faceva Zuckerberg in segreto.
Antibufala: scrivi BFF in Facebook per sapere se sei protetto!
Zuckerberg ammette: ''Leggiamo tutti i messaggi privati postati su Facebook''
Facebook: ''La crescita è tutto, anche a costo di uccidere''
Facebook, nuovo scandalo: da anni conserva Sms e telefonate fatte con Android
Dopo lo scandalo tutti vogliono cancellarsi da Facebook. Vi spieghiamo come si fa
Tim Berners-Lee: ''Web minacciato da digital divide e strapotere dei social''

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)

Ma perché devi avere queste braccine corte e rifiutarti di inviare a FessBuck dei dati? Ma anzi! Vogliono dei dati? Cominciamo ad inviare loro tonnellate di info false. Se loro possono fare quello che vogliono questo vale anche per noi. Sto pensando ad un plugin con un piccolo DB di link come questo che faccia un po' di sano spam. ... Leggi tutto
15-4-2018 10:59

Francamente non la ritengo affatto una scusante, non è che se tanti delinquono sono, almeno in parte, scusati e/o autorizzati a farlo. Per il resto sono completamente d'accordo. Leggi tutto
14-4-2018 15:29

{eso}
Sappiamo bene che la conclusione di un ragionamento dipende da quale punto del ragionamento stesso abbiamo iniziato. Quando si esamina un sistema dall'interno, diventa inevitabile osservare che ci sono interazioni e punti fermi che sono imprescindibili per il mantenimento di quel sistema. Facebook è così, è un... Leggi tutto
13-4-2018 22:05

...che evidentemente glielo consente Leggi tutto
13-4-2018 19:12

"Oddio, ma davvero Facebook traccia tutti?!? SCANDALO!!!" Rinfreschiamo la memora su alcuni fatti e principi un tempo noti e oggi evidentemente dimenticati da tutti? Sono ANNI che Facebook traccia TUTTI per mezzo delle "icone" FB inserite all'interno di gran parte delle pagine del Web, che dovrebbero essere un... Leggi tutto
13-4-2018 09:28

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'Italia e gli italiani sono pronti per il (video)gioco online?
I giocatori sarebbero anche pronti, ma il problema è il digital divide. Senza una connessione broadband il gioco online è una chimera.
In Italia più che in altri paesi ha ampia diffusione la pirateria. Il fatto che buona parte dei giocatori utilizzi prodotti contraffatti limiterà la crescita dell'online gaming.
Barriere linguistiche e ritardi nella diffusione di giochi e tecnologie online ci hanno penalizzato nel passato, ma oggi le possibilità di sviluppo sono rosee.
Non ci sono barriere tecniche, ma solo culturali. Il videogioco è tradizionalmente visto come un prodotto da fruire individualmente o in compagnia di amici.
La comunità di giocatori online italiana non ha nulla da invidiare per qualità e quantità a quelle degli altri paesi.

Mostra i risultati (628 voti)
Ottobre 2018
Violare WhatsApp? Basta una videochiamata
Microsoft: ecco perché l'Update di Windows 10 cancellava i file degli utenti
Microsoft getta la spugna e ritira l'aggiornamento di ottobre per Windows 10
Windows 10, attenti all'aggiornamento: potrebbe cancellare i documenti
Windows 10, arriva l'update di ottobre: ecco come aggiornare subito
WhatsApp, arriva la pubblicità
Migliaia di siti mobile accedono ai sensori dello smartphone senza informare l'utente
Settembre 2018
Demonoid offline da giorni, il proprietario è irreperibile
Virtual Desktop: Windows 10 diventa virtuale e si sposta nel cloud
Il bug in Firefox che manda in crash il browser (e spesso anche il sistema operativo)
Ex CEO di Google: tra dieci anni ci saranno due Internet
Il fallimento di Windows Store: un documento interno ne rivela la portata
Corruzione in Amazon: dipendenti pagati per cancellare le recensioni negative
Copyright, il sito di sottotitoli ITASA costretto a gettare la spugna
Windows 10 deciderà in autonomia quali file tenere e quali cancellare
Tutti gli Arretrati


web metrics