Sì, Cambridge Analytica ha chiuso. Ma è già rinata



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 05-05-2018]

cambridge analytica chiude

In queste ore la notizia più importante, rilanciata anche da giornali e telegiornali, pare essere la chiusura di Cambridge Analytica. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Il Garante Privacy ha istituito - ormai da anni - un servizio che in teoria dovrebbe tutelare la privacy dei cittadini iscritti, vietando ai call center di chiamare i loro numeri telefonici. Secondo la tua esperienza, il Registro delle Opposizioni funziona?
Sì. Sono iscritto e non mi scocciano praticamente mai.
Non lo so. Non sono iscritto.
No. Sono iscritto e continuo a ricevere telefonate con proposte commerciali.

Mostra i risultati (2458 voti)
Leggi i commenti (29)
I motivi dovrebbero essere chiari a chiunque non sia vissuto in una grotta fino a oggi: lo scandalo generato dai dati ricevuti impropriamente da Facebook, e l'uso fattone, ha portato i dirigenti a questa decisione.

Pare che inizialmente il consiglio di amministrazione avesse preso in considerazione l'idea di cambiare semplicemente nome all'azienda.

Tuttavia, poi i membri hanno preferito chiudere tutto, adducendo come causa «la copertura ingiustamente negativa ricevuta a opera dei media», che ha «reso impossibile continuare l'attività».

Tutto finito, quindi, per i malvagi nemici della privacy? Non proprio.

Infatti negli stessi edifici in cui ha sede Cambridge Analytica ha sede anche un'altra azienda, chiamata Emerdata Limited, che è stata fondata lo scorso anno e si occupa di «analisi dei dati, hosting, e attività correlate».

La cosa curiosa è che le due aziende hanno in comune molti dirigenti e investitori, compresi i fondatori e maggiori finanziatori di Cambridge Analytica.

Il sospetto che si tratti quindi soltanto di una sceneggiata, e che presto le attività riprendano con Emerdata, è tutt'altro che fumoso.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Zuckerberg davanti all'Europarlamento, la diretta in streaming
Facebook, Mark Zuckerberg pensa a una versione a pagamento
Facebook respinge le accuse: ''No, non è l'utente il nostro prodotto''
Facebook: ''La crescita è tutto, anche a costo di uccidere''

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

Direi che sia una certezza a meno che i governi non decidano di agire in modo deciso e pesante nei confronti di questi abusi... ah, già, dimenticavo che i governi nascono proprio grazie a questi abusi... :blackhumour: Leggi tutto
6-5-2018 14:56

:malol: :malol: :malol: Leggi tutto
5-5-2018 23:25

Almeno questa si qualifica già nel nome: e-merdata ;-)
5-5-2018 22:09

{paolo del bene}
Volevate dire M***Ata?
4-5-2018 21:20

e si è dichiarata insolvente.. sarà difficile perseguire i responsabili (ammesso si riesca a identificare un reato) e tanto meno far pagare i debiti.. Mi sa di poca giustizia.
4-5-2018 11:11

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
A quali condizioni lavoreresti da casa anziché in ufficio?
Accetterei uno stipendio inferiore perché risparmierei sui trasporti e in tempo.
Vorrei uno stipendio maggiore perché l'azienda risparmierebbe su locali, strumenti, sicurezza.
Allo stesso stipendio.
Non rinuncerei al lavoro in ufficio per nulla al mondo.

Mostra i risultati (2245 voti)
Ottobre 2018
Il font che ti aiuta a ricordare quello che leggi
Finisce l'obbligo di installare Chrome su Android: Google piegata dalla multa UE
I robot giganti di Elon Musk
Violare WhatsApp? Basta una videochiamata
Microsoft: ecco perché l'Update di Windows 10 cancellava i file degli utenti
Microsoft getta la spugna e ritira l'aggiornamento di ottobre per Windows 10
Windows 10, attenti all'aggiornamento: potrebbe cancellare i documenti
Windows 10, arriva l'update di ottobre: ecco come aggiornare subito
WhatsApp, arriva la pubblicità
Migliaia di siti mobile accedono ai sensori dello smartphone senza informare l'utente
Settembre 2018
Demonoid offline da giorni, il proprietario è irreperibile
Virtual Desktop: Windows 10 diventa virtuale e si sposta nel cloud
Il bug in Firefox che manda in crash il browser (e spesso anche il sistema operativo)
Ex CEO di Google: tra dieci anni ci saranno due Internet
Il fallimento di Windows Store: un documento interno ne rivela la portata
Tutti gli Arretrati


web metrics