Htc Exodus, lo smartphone basato sulla tecnologia dei Bitcoin: sicuro e decentralizzato

Grazie alle blockchain, restituisce agli utenti il controllo sui dati.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 17-05-2018]

htc exodus

Si chiama Exodus l'ultima fatica di Htc, e il nome non è stato certo scelto a caso: vuole essere il primo smartphone a consentire agli utenti di abbandonare le grandi aziende tecnologiche che forniscono servizi cloud per fare affidamento sulle blockchain.

Sondaggio
Con quale di queste dieci affermazioni concordi di pi?
I soldi non sono tutto nella Vita. Adesso cerca di farlo capire anche all'ufficiale giudiziario.
Non bisogna calpestare i Sentimenti altrui. Gli unici autorizzati a farlo portano gli anfiibi.
Ama il prossimo tuo. No, non questo, il prossimo!
La Salute la cosa pi importante. C' soddisfazione a suicidare un organismo funzionante al 100%?
E' l'Amore che muove il Mondo. Chi ha premuto il bottone della pausa?
Una persona Produttiva si alza all'alba. Proprio mentre sta chiudendo la Borsa di Tokio.
La Famiglia uno dei valori fondamentali. Me lo dicono sempre le mie due mamme e i miei tre pap!
Il Lavoro ci rende liberi. Questo giusto, infatti sappiamo da dove viene la frase, vero?
Il merito viene sempre premiato. Specie se i tuoi talenti li esprimi nel sesso con qualcuno ricco.
Non dovrei perdere tempo a leggere fesserie del genere. Hai ragione, ma l'hai capito troppo tardi!

Mostra i risultati (2350 voti)
Leggi i commenti (17)

Il termine blockchain non è probabilmente molto conosciuto dal grande pubblico, mentre la maggior parte di coloro che già l'hanno sentito lo associa ai Bitcoin: si tratta infatti della tecnologia che permette l'esistenza e il funzionamento della criptovaluta, per la quale svolge la funzione di libro mastro.

Con una blockchain, i diversi partecipanti alla rete condividono le risorse e insieme danno vita a un database pubblico virtuale: nessuno può dire di possederlo, poiché ciascuno ne ha una copia.

Exodus è progettato per supportare app che fanno uso della tecnologia blockchain e funzionano quindi in maniera distribuita, una caratteristica che, per Htc, permette di affermare che questo smartphone è realizzato con «sicurezza integrata».

I destinatari ideali di questo prodotto sono quanti tengono alla propria privacy, i quali vogliono avere il controllo dei propri dati e non amano troppo affidarli a terzi - nominalmente le grandi aziende di cloud computing - per la custodia.

Exodus dispone inoltre già nativamente di un portafogli virtuale per la gestione delle criptovalute. L'obiettivo di Htc è far sì che ogni Exodus alla fine diventi un nodo delle blockchain di Bitcoin ed Ethereum.

«Noi crediamo» - ha spiegato Phil Chen, ideatore di Htc Vive e supervisore del progetto Exodus - «che questo telefono possa essere un agente per il futuro della decentralizzazione. Vogliamo che ciascuno detenga le chiavi dei propri beni attraverso un sistema di gestione sicuro integrato nei nostri telefoni».

Dettagli più precisi su che cosa aspettarsi da Exodus al momento non ci sono, né sono state pubblicate delle fotografie dello smartphone. Anche data di lancio e prezzo non sono stati rivelati, sebbene si parli di cifre intorno ai 1.000 dollari.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il riconoscimento facciale arriva anche per le galline
Steve Wozniak truffato online: gli hanno rubato 7 Bitcoin
Il fallimento del Bitcoin
Bitcoin, da dove arrivano e come si guadagnano
Bitcoin Generation
Cinque leggende sui Bitcoin

Commenti all'articolo (2)

Ma... il cryptominer gi integrato o te lo devi installare tu poi? :wink: Poi, azz, 1000 mi sembrano decisamente troppi e assai pi del doppio di qualsiasi cifra spenderei per uno smartphone... :umpf:
20-5-2018 11:27

Chi sara' cosi' sciocco da tenere i bitcoin nello smartphone? . Leggi tutto
17-5-2018 19:00

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Wikileaks (con il suo fondatore Julian Assange)...
un sito pirata, pericolo per l'occidente.
un paladino della libera informazione e della trasparenza.

Mostra i risultati (2996 voti)
Ottobre 2018
Il font che ti aiuta a ricordare quello che leggi
Finisce l'obbligo di installare Chrome su Android: Google piegata dalla multa UE
I robot giganti di Elon Musk
Violare WhatsApp? Basta una videochiamata
Microsoft: ecco perché l'Update di Windows 10 cancellava i file degli utenti
Microsoft getta la spugna e ritira l'aggiornamento di ottobre per Windows 10
Windows 10, attenti all'aggiornamento: potrebbe cancellare i documenti
Windows 10, arriva l'update di ottobre: ecco come aggiornare subito
WhatsApp, arriva la pubblicità
Migliaia di siti mobile accedono ai sensori dello smartphone senza informare l'utente
Settembre 2018
Demonoid offline da giorni, il proprietario è irreperibile
Virtual Desktop: Windows 10 diventa virtuale e si sposta nel cloud
Il bug in Firefox che manda in crash il browser (e spesso anche il sistema operativo)
Ex CEO di Google: tra dieci anni ci saranno due Internet
Il fallimento di Windows Store: un documento interno ne rivela la portata
Tutti gli Arretrati


web metrics