L'Assistente di Google spara e uccide una mela

Prevedere tutte le conseguenze dell'intelligenza artificiale è impossibile.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 03-06-2018]

google assistant terminator

Gli assistenti a comando vocale, come Siri, Cortana o Google Assistant, guadagnano quasi ogni giorno qualche nuova abilità.

Generalmente li adoperiamo per eseguire funzioni legate ai dispositivi che adoperiamo quotidianamente, come per esempio iniziare la riproduzione della musica presente sullo smartphone, o per attivare i dispositivi della Internet delle Cose, come un termostato gestito da Amazon Echo o Google Home.

Un video recentemente pubblicato su YouTube, e che riportiamo più sotto, ci mostra quanto però le possibilità siano più ampie, e teoricamente anche pericolose.

L'autore del video è l'artista Alexander Reben e il titolo del filmato è semplicemente Google Shoots, ossia Google spara.

Nel video si vede una pistola ad aria compressa collegata a un meccanismo e puntata su una mela; quindi si sente il comando «Ok, Google. Activate gun» («Ok, Google. Attiva la pistola»). In un attimo, un buzzer si attiva e la pistola spara, mentre l'assistente conferma «Sure, activating gun» («Certo, attivo la pistola»).

Si tratta di un'applicazione stupefacente? Probabilmente no. In fondo ciò che Reben ha fatto non è stato altro che usare i comandi dell'Assistente di Google per attivare una "macchina" particolare, che in questo caso fa sparare una pistola.

Ma, dal punto di vista dell'artista, ciò che è conta è «il discorso che si può sviluppare intorno a un'attrezzatura del genere, più importante della sua presenza fisica».

Lo stesso dispositivo - continua ancora Reben - si sarebbe infatti potuto anche usare «per attivare una sedia massaggiante o una gelatiera» ma, per ottenere l'effetto voluto (ossia che se ne parli), è stata preferita una pistola.

Sondaggio
Di quale generazione fai parte?
Generazione silenziosa: i nati tra gli anni '20 e gli anni '40 del XX secolo
Baby boomers: i nati tra gli anni '40 e l'inizio degli anni '60 del XX secolo
Generazione X: i nati tra gli anni '60 e l'inizio degli anni '80 del XX secolo
Generazione Y (o Millennials): i nati tra gli anni '80 del XX secolo e il 2000
Generazione Z: i nati dal 2000
Generazione Alpha (o Screenagers): i nati dal 2010

Mostra i risultati (1570 voti)
Leggi i commenti (4)

«Parte del messaggio per me include le conseguenze inattese della tecnologia e l'inutilità del tentativo di considerare ogni possibile utilizzo»: Google probabilmente non avrebbe mai immaginato un uso del genere, ma è possibile, e «l'assemblaggio dei pezzi è stato facile».

In un momento in cui molti - tra cui grandi nomi della tecnologia come Elon Musk, Jeff Bezos e Satya Nadella - si interrogano sui limiti e gli eventuali pericoli dell'intelligenza artificiale, l'intento di Reben è ricordare che non è davvero possibile prevedere ogni conseguenza o l'uso che qualche persona può farne: dopotutto, a dare l'ordine di sparare è pur sempre stato un essere umano.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Intelligenza artificiale e robotica: demo impressionanti
Intelligenze artificiali per creare cartoni animati o isolare voci
L'Intelligenza Artificiale che fa disegni su ordinazione
Intelligenza artificiale sostituisce volti nei video, inganno quasi perfetto
L'IA di Microsoft che capisce quel che legge e risponde alle domande
Prima gli spara, poi si fa un selfie con l'amico morente
Si spara un chiodo nel cervello e non se ne accorge
Il taser che spara due volte
Pensionato spara al Pc troppo lento

Commenti all'articolo (5)

@Cesco67 Concordo con quanto da te riportato, infatti volevo sottolineare che, fra i tanti possibili danni conseguenti alla crescita dei mercati che guardano all'IA e all'IoT come crescita futura, questo almeno non potrà avere l'esclusiva poiché un sistema del genere era realizzabile già da tempo e con poca fatica in più.
4-6-2018 18:50

@Gladiator Corretto, ma non è certamente una novità dell'IoT; basta guardare nel mondo delle M2M (*) per vedere che certe tecnologie sono disponibili da parecchi anni. Forse non con comando vocale ma con banali pulsanti (fisici e/o touch), ma con l'interfacciamento verso gli attuatori decisamente più completo e "semplice". Ok... Leggi tutto
3-6-2018 23:05

Mi pare che, in questo caso, l'IA centri ben poco, il tutto è stato realizzato con un attuatore ed un comando vocale... Ciò non toglie, comunque, che, anche queste poche cose, in mano ad un malintenzionato ingegnoso possano essere pericolose.
3-6-2018 18:25

Se sostituiamo l'assistente di google con un normale pulsante, basta premere tale pulsante per uccidere la mela. Quindi? Quindi, ATTENZIONE, i pulsanti sono pericolosi! .
1-6-2018 17:52

Non è un buzzer, è un elettromagnete; ed in effetti, leggendo quella frase prima di guardare il video non riuscivo a capire come poteva funzionare... Leggi tutto
1-6-2018 13:48

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te, come nascono la maggior parte delle bufale che girano su Internet?
Come scherzi rivolti esclusivamente ad amici e conoscenti (che poi involontariamente li propagano in giro)
Dalla "buona volontà" di persone che credono di fare un favore al mondo diffondendo dicerie e stranezze dandole automaticamente per buone
Dalla curiosità di vedere se una propria invenzione possa diventare "famosa" sulla rete, ma anche quanta gente ci arriverà a credere e con che velocità si propagherà
Dalla volontà di creare disinformazione su determinati argomenti
Altro (specificare)

Mostra i risultati (1888 voti)
Settembre 2018
Il fallimento di Windows Store: un documento interno ne rivela la portata
Corruzione in Amazon: dipendenti pagati per cancellare le recensioni negative
Copyright, il sito di sottotitoli ITASA costretto a gettare la spugna
Windows 10 deciderà in autonomia quali file tenere e quali cancellare
L'Europarlamento approva la riforma del diritto d'autore, il web teme la censura
Falla 0-day in Windows, i cybercriminali hanno iniziato gli attacchi
Volete tenere Windows 7? Il prezzo continuerà a crescere
Tor Browser 8.0, più facile da usare e più abile nell'aggirare la censura
Salvati dallo smartwatch: il monitoraggio della salute ha già salvato la vita a due uomini
iPhone XS e Apple Watch Serie 4, le prime foto trapelate in rete
Falla 0-day in Windows, ecco la correzione. Ma non proviene da Microsoft
Agosto 2018
Falla 0-day in Windows 10 consente di ottenere il controllo sul Pc
Tagliato fuori da Galileo, il Regno Unito si costruirà un proprio GPS
Black Hat 2018, svelata vulnerabilità imbarazzante
Windows 10 nasconde una versione "Universale" di Esplora File. Ecco come attivarla
Tutti gli Arretrati


web metrics