Lo scarabeo stercorario che trasforma la plastica in gasolio pulito

Con il Dung Beetle Project tutto si può riciclare.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-07-2018]

Dung Beetle Project carousel

Non tutti vedono la plastica semplicemente come un rifiuto inquinante, particolarmente pericoloso perché può durare per secoli.

Il gruppo di artisti africani del Dung Beetle Project (Progetto Scarabeo Stercorario) vogliono invece far percepire la plastica come una possibile risorsa, trasformando un rifiuto in qualcosa di utile.

Creato come installazione artistica semovente, il Dung Beetle Project nasconde in una grande statua di acciaio riciclato raffigurante uno scarabeo stercorario un gassificatore che trasforma la plastica in gasolio a basse emissioni e GPL.

Per completare il lato spettacolare dell'operazione, mentre è in funzione lo scarabeo scaglia fiamme verso il cielo bruciando il gas riciclato, e si "esibisce" sempre con un contorno di musicisti, giocolieri e artisti vari al fine di «creare uno spettacolo di luci e suoni... per accendere l'immaginazione delle persone e diffondere l'entusiasmo per le soluzioni ai problemi ambientali».

Il processo di gassificazione inizia riducendo la plastica in pezzettini e bruciandola in un reattore, nel quale è creato un ambiente privo di ossigeno.

I gas così prodotti salgono verso l'alto, mentre le particelle solide vengono bruciate nuovamente. Il gas viene poi raffreddato e trasformato in liquido, «un po' come avviene in una distilleria di whisky» (come spiegano gli ideatori), e il risultato è un combustibile utilizzabile in un veicolo a combustione interna o in un generatore.

Tale combustibile non è completamente "pulito" ma ha emissioni inferiori a quelle dei carburanti derivati direttamente dal petrolio, e il procedimento per produrlo non provoca emissioni.

Sondaggio
Quale tra queste minacce all'ambiente ritieni che sia quella da affrontare con maggiore urgenza?
La drastica riduzione della biodiversità: alcune stime ritengono che oltre cento specie ogni giorno si estinguano, compromettendo l'ecosistema in maniera irreversibile.
L'assottigliamento della fascia dell'ozono che protegge dagli ultravioletti dannosi: l'utilizzo di certi materiali (come i CFC) assottiglia lo strato di ozono mettendo in pericolo l'intero pianeta.
I cambiamenti climatici: l'aumento della temperatura causato dai gas serra può portare all'innalzamento dei mari e ad altre catastrofi, come inondazioni, siccità e tempeste.
I rifiuti tossici: dai pesticidi agli erbicidi fino alle scorie nucleari, tutti questi scarti hanno effetti dannosi sull'ambiente per molti anni dopo la loro produzione, contaminando acqua, aria e terra (e tutto quanto vi cresce).
L'impoverimento degli oceani: la pesca eccessiva ha decimato la fauna ittica, colpendo in particolare i grandi pesci predatori. A questa si aggiungono i rifiuti (specialmente in plastica) scaricati negli oceani e l'aumento dell'acidità dei mari.

Mostra i risultati (1522 voti)
Leggi i commenti (23)

Il restante materiale solido non è altro che «puro carbonio, che può essere sotterrato direttamente per arricchire il suolo o essere usato per creare cose più interessanti, come i nano-tubi o i fogli di grafene».

Il Dung Beetle Project è ideato per usare qualsiasi tipo di plastica, ma generalmente non vengono adoperati né il PET (perché facilmente riciclabile) né il PVC bianco, poiché contiene cloro.

«Il grande beneficio di questo progetto» - spiegano gli artisti - «è che si possono riutilizzare cose che non si possono riciclare, come gli involti di cellophane per l'insalata, e che altrimenti finirebbero in una discarica».

Qui sotto, il video di presentazione del Dung Beetle Project e alcune immagini.

Dung Beetle Project
Dung Beetle Project AfrikaBurn
Dung Beetle Project Clouds

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
I panini sotto accusa: causano i cambiamenti climatici
Scoperto per caso l'enzima che divora la plastica in un lampo
I sacchetti biodegradabili fatti con le alghe: si possono anche mangiare
Sconti in bolletta e soldi su smartphone per chi ricicla
La sedia a dondolo fatta di bottiglie riciclate
I mattoni fatti di bottiglie riciclate
Il catamarano fatto di bottiglie riciclate arriva a Sydney
I laptop fatti con le bottiglie riciclate
Il telefonino fatto di bottiglie riciclate

Commenti all'articolo (2)

A me, francamente, risulta che tutti i PVC contengano cloro - indipendentemente dal loro colore che è dato generalmente da pigmenti inorganici (biossido di titanio nel caso del bianco) - infatti PVC è l'acronimo di Polivinilcloruro o cloruro di polivinile. Leggi tutto
17-7-2018 19:17

{cerutti gino}
Personalmente sono convinto che tutti gli allarmi per i peggioramenti futuri sono destinati a rimanere tali, almeno quelli che sono proiettati oltre la metà del secolo. La stessa scienza che ha creato, malguidata da industriali, uomini di affari e politici irresponsabili, il disastro ambientale multiplo a cui assistiamo,... Leggi tutto
14-7-2018 20:19

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
A inizio millennio per lavorare nella new economy bisognava trasferirsi nelle grandi città, soprattutto Milano. Oggi la banda larga si è diffusa, ci sono nuove piattaforme di collaborazione ed è cambiato l'approccio al lavoro. Alla luce di questo...
Abito in una grande città e qui rimarrò.
Abito in una grande città ma sto valutando di trasferirmi in provincia.
Abito in provincia e non mi sposterò di certo.
Abito in provincia ma sto valutando di trasferirmi in una grande città.
Abitavo in una grande città ma mi sono trasferito in provincia.
Abitavo in provincia ma mi sono trasferito in una grande città.
Città o provincia non fa grande differenza, ma mi sono trasferito (o sto valutando di trasferirmi) all'estero.

Mostra i risultati (1329 voti)
Agosto 2018
La branchia artificiale stampata 3D che ci permetterà di respirare sott’acqua
Voto elettronico, due undicenni violano il sistema in appena 10 minuti
LibreOffice 6.1 è più veloce che mai e dispone di nuove icone
Connettore Lightning dell'iPhone: l'UE si prepara a far piazza pulita
Diventare hacker con meno di 2 euro. Grazie alle offerte speciali del dark web
Edge si unisce a Firefox e Chrome per eliminare le password dal web
L'app che trasforma la scrittura dell'utente in font per Windows 10
Luglio 2018
Dopo Monaco, anche la Bassa Sassonia abbandona Linux per Windows
Come attivare la nuova interfaccia Material Design nascosta in Chrome 68
Google ridisegna Chome: arrivano le schede tonde
Xiaomi Mi A2 e Mi A2 Lite, chi ha detto che un buon smartphone deve costare tanto?
Android ha i giorni contati: Fuchsia OS lo soppianterà entro cinque anni
Google accusa la UE: Android rischia di non essere più libero
L'attacco che inganna il GPS con mappe false e manda fuori strada
Adesso che si fa? Strategie mitiganti
Tutti gli Arretrati


web metrics