Il brevetto di Amazon che mette in gabbia i lavoratori dei magazzini

Per tenerli al sicuro dai robot.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 11-09-2018]

amazon brevetto gabbia lavoratori

Il mondo dei brevetti è ampio e variegato, ma Amazon riesce a distinguersi persino in un panorama tanto curioso grazie all'ideazione di alcune tecnologie strane e anche un po' inquietanti.

Se nei primi mesi dell'anno è emerso il brevetto relativo a una sorta di guinzaglio elettronico per i dipendenti che lavorano nei magazzini - impiego che è stato addirittura paragonato all'essere in prigione - ora si scopre che sin dal 2016 il re dell'e-commerce ha in mente preoccupanti strategie per i propri lavoratori.

In pratica, si tratta di una sorta di gabbie in cui mettere i dipendenti per tenerli al riparo e proteggerli dalle macchine.

L'idea alla base del brevetto è che, anche quando Amazon realizzerà il proprio sogno di magazzini completamente gestiti da automi, ci sarà sempre bisogno di un ntervento umano: quando un robot si guasterà, o farà cadere qualcosa, sarà l'uomo a dover intervenire.

Già ora i grossi macchinari autonomi in servizio nei magazzini sono separati dai colleghi umani da una specie di steccato: quando una persona varca il confine, suona un allarme e il sistema si blocca. Il motivo è ovvio: serve a evitare che il massiccio robot, muovendosi inconsapevole della presenza umana, ferisca qualcuno.

Sondaggio
Quale di queste professioni obsolete secondo te ha ancora un futuro?
Agente di viaggio. C'è ancora qualcuno che prenota le vacanze in agenzia? (Parrebbe di sì)
Cassiera di supermercato. Sostituita dalle casse automatiche e dalla spesa online. (Ma i clienti rimangono affezionati al vecchio sistema)
Centralinista. Sostituito dai centralini digitali. (Eppure resiste in molte aziende)
Data entry. Mai sentito parlare di scanner e OCR? (Invece c'è chi inserisce ancora tutto a mano)
Dattilografo. I dirigenti moderni gestiscono il proprio blog, non dettano più gli appunti a una segretaria; al massimo usano il riconoscimento vocale. (Ma esistono davvero dirigenti... moderni?)
Impiegato di banca allo sportello. Con i conti online è una figura sempre meno utile. (Però in banca tutti lo cercano)
Giornalista. Con Google News, Facebook, Twitter e i blog, c'è ancora bisogno di loro? (Almeno dei migliori, evidentemente sì)
Postino. Con la posta elettronica, la posta tradizionale va diminuendo sempre più. (Ma ci vuole sempre qualcuno che la consegni)

Mostra i risultati (2641 voti)
Leggi i commenti (9)

L'evoluzione di questo sistema è l'introduzione di gabbie in cui stanno i lavoratori umani e che vengono trasportate da veicoli robotizzati.

L'idea di vedere persone rinchiuse mentre i robot scorrazzano liberi nell'impianto non è piaciuta al The Seattle Times, che per primo ha rivelato l'esistenza del brevetto e ha immediatamente contattato Amazon chiedendo spiegazioni in merito. Questa ha risposto che una tecnologia del genere non è mai stata implementata, né ci sono piani per farlo in futuro.

Il motivo di tale mancanza non è da cercarsi in un improvviso rispetto di Amazon per le condizioni di lavoro: invece è stata sviluppata una soluzione ritenuta migliore e che consiste in una specie di grembiule fatto indossare a ogni dipendente. Quando un robot vi si avvicina, semplicemente si ferma.

Nessun lavoratore sarà quindi rinchiuso in gabbia, ma l'automazione è comunque destinata a proseguire inesorabile.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

Mi sembra decisamente un'idea maggiormente sensata... Leggi tutto
14-9-2018 18:51

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Stai installando un'applicazione. Cosa fai quanto compare il contratto di licenza?
Lo leggo attentamente e poi faccio click su “Accetto”
Do un sguardo al testo e poi accetto
Dipende dall'applicazione. A volte leggo il contratto di licenza
Non leggo mai il contratto di licenza. È davvero indispensabile?
Leggo il contratto di licenza dopo aver installato l'applicazione

Mostra i risultati (1389 voti)
Luglio 2022
Alexa fa parlare i morti
Giugno 2022
Tesla e la batteria che dura 100 anni
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Grave falla in Windows, occhio ai documenti di Word
Toyota: cartucce di idrogeno per alimentare auto, case, droni
Maggio 2022
La Rete esce da TIM: nasce la Open Access italiana
DuckDuckGo consente a Microsoft di tracciare gli utenti
Russi saccheggiano trattori ucraini, che vengono brickati da remoto
Necrofinanza e criptovalute: lo scoppio di Terra/Luna
Pwn2Own 2022, Windows 11 e Ubuntu cadono il primo giorno
Migliaia di siti sono keylogger nascosti
Radio a onde corte: davvero?
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 3 luglio


web metrics