L'Ocean Cleanup Project inizia a ripulire gli oceani dalla plastica

Partendo dalle 80.000 tonnellate dell'isola di plastica del Pacifico.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 15-09-2018]

ocean cleanup array

L'Ocean Cleanup Project ha finalmente preso il via con un test e inizierà a eliminare la plastica dagli oceani, a partire dalla grande isola di plastica del Pacifico.

Il dispositivo di pulizia, battezzato Ocean Cleanup System 001 ha iniziato domenica scorsa il viaggio che lo porterà da San Francisco al luogo della prova, a circa 240 miglia nautiche di distanza.

Lì assumerà una forma a U grazie all'azione dei venti e delle onde, raccogliendo i pezzi di plastica (fino alla dimensione minima di 1 millimetro) grazie a una rete a maglie fittissime che dalla superficie scende nell'acqua per 3 metri.

L'intera operazione durerà una settimana, e in questo periodo ogni fase verrà «monitorata attentamente» per verificare che il piano funzioni senza danneggiare il plancton e le altre forme di vita acquatiche: «Vogliamo catturare la plastica, non i pesci» ha spiegato Joost Dubois, dell'Ocean Cleanup Project.

Completato il test, l'attrezzatura inizierà la prima missione vera e propria, dirigendosi all'isola di plastica dell'Oceano Pacifico: per i primi sei mesi alcuni operatori sovrintenderanno ai lavori, che poi continueranno in autonomia.

Sondaggio
L'amazonite è...
Una pietra (semi)preziosa.
La spasmodica ammirazione per un popolo di donne guerriere.
Lo shopping compulsivo e la dipendenza patologica da un noto negozio online.
Nessuna di queste. In italiano si scrive amazzonite ;)

Mostra i risultati (1214 voti)
Leggi i commenti

Ripulire completamente gli oceani dalla plastica è un compito tutt'altro che facile, anche per la tecnologia ideata nel 2014 dall'allora diciannovenne Boyan Slat ed evolutasi in questi anni.

La quantità è già da sola un problema: si calcola che soltanto l'isola di plastica del Pacifico contenga 80.000 tonnellate di materiale, e ogni anno oltre 9 tonnellate di plastica raggiungono le acque.

Qui sotto, il video che mostra il funzionamento dell'Ocean Cleanup Project.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
La plastica completamente biodegradabile e commestibile che sostituirà tutti gli imballaggi
Plastica negli oceani, la situazione è peggiore del previsto
Ocean Cleanup eliminerà la plastica dagli oceani
Ripulire l'isola di plastica del Pacifico

Commenti all'articolo (2)

Ocean Cleanup Project 20/9/2018. Si aggiunge "oltre 9 tonnellate ogni anno.." - magari fosse vero; forse manca un po di zeri nella cifra.
20-9-2018 10:49

Speriamo che funzioni! Ma credo che sia indispensabile smettere di riempire gli oceani di plastica per sperare che nel corso dei prossimi decenni il progetto abbia successo poiché mi pare che la sua capacità di raccolta - a meno di investimenti faraonici in centinaia di impianti - sia decisamente inferiore alla capacità di inquinare... Leggi tutto
15-9-2018 13:50

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'uomo presto ritornerà sulla Luna, ci si prepara all'esplorazione umana di Marte, la stazione spaziale internazionale sta per essere completata. Cosa pensi degli elevati costi che tale tipo di ricerca comporta?
La natura umana ci spinge a conoscere ed esplorare. Non ci sono costi troppo alti quando questi sono gli obiettivi.
L'esplorazione spaziale (come ogni altra forma di ricerca scientifica) ha i suoi costi, ma le ricadute tecnologiche e quindi i benefici di tali investimenti possono essere enormi.
Può certamente essere interessante sapere se qualche millennio fa c'erano forme di vita unicellulare su Marte, ma la Terra e i suoi abitanti hanno problemi ben più seri che necessitano di tutta l'attenzione e i fondi possibili.
Secondo me non siamo neanche stati sulla Luna, quindi...

Mostra i risultati (3634 voti)
Febbraio 2019
Chiavette USB per rilevare eventuali cyberattacchi
Microsoft chiede agli utenti di non usare Internet Explorer
Cassandra Crossing/ Colore viola addio
Microsoft: Non comprate Office 2019
Storia di un attacco informatico a una banca
Lasciate Facebook per un mese: vi farà bene
Windows Update irraggiungibile, ma torna a funzionare cambiando i DNS
Prosecco italiano sotto accusa: distrugge le colline da cui nasce
Gennaio 2019
Cassandra Crossing/ Truffati o indotti in errore?
La lavastoviglie compatta che lava i piatti in 10 minuti
Microsoft azzoppa Windows Media Player in Windows 7
Facebook vuole unificare Instagram, Messenger e WhatsApp
Windows Lite farà piazza pulita delle ''piastrelle'' nel menu Start
I dipendenti del social network sanno tutto. E se la ridono
Il sito Torrent distribuito e impossibile da censurare
Tutti gli Arretrati


web metrics