Linus Torvalds lascia lo sviluppo di Linux

Lavorerà sul proprio caratteraccio.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 17-09-2018]

linus torvalds pausa linux

Che Linus Torvalds abbia un caratteraccio è un dato noto: dagli insulti rivolti a Nvidia fino a quelli, più recenti, rivolti a Intel per i bug nei processori, la storia del creatore di Linux è costellata di momenti poco diplomatici.

Non si tratta soltanto di occasionali esplosioni rivolte contro questa o quella azienda: l'esigente papà di Linux non le manda a dire nemmeno agli sviluppatori che contribuiscono al kernel quando pensa che il loro codice sia men che ottimale.

Di recente, poi, il suo comportamento abrasivo gli ha alienato altre simpatie: l'aver spostato l'incontro dei Maintainer del kernel dal Canada alla Scozia per seguire il proprio programma di vacanza e l'idea di evitare del tutto la conferenza hanno spinto anche i più irriducibili sostenitori ad ammettere che c'è qualcosa che non va nel modo di fare di Torvalds.

Alla fine, egli stesso se n'è accorto, e l'ha ammesso tramite email a tutti gli sviluppatori del kernel (e, contestualmente, al mondo) con il messaggio che annuncia la più recente release candidate della versione 4.19 di Linux.

Nel testo, Linus Torvalds riconosce la propria generale mancanza di empatia e, di conseguenza, qualche difficoltà nel leggere il comportamento delle persone, oltre agli attacchi da lui lanciati soprattutto di recente via email, ora definiti «non professionali e gratuiti».

Così, Torvalds ha deciso di prendersi un periodo di riflessione. Lascerà la guida dello sviluppo di Linux nelle mani di Greg Kroah-Hartman e si dedicherà a riflettere su sé stesso.

Non è la prima volta che l'ideatore del più famoso sistema operativo open source decide di staccare per un po': qualche tempo, per esempio, fa si prese un anno sabbatico durante il quale sviluppò Git.

Sondaggio
Qual è l'ambiente Linux che preferisci?
Gnome
Kde
Unity
Xfce
Lxde
Cinnamon
Mate
Un altro
Non uso Linux

Mostra i risultati (4790 voti)
Leggi i commenti (25)

Questa volta però l'obiettivo è differente: non intende dedicarsi a un altro progetto, ma vuole migliorare sé stesso e cercare di smussare gli aspetti più difficili del proprio carattere.

«Devo cambiare alcuni dei miei comportamenti e voglio chiedere scusa alle persone che con il mio comportamento ho ferito e magari allontanato dallo sviluppo del kernel» spiega nel messaggio.

Ciò che Linus Torvalds stesso vuol però mettere in chiaro è che «non si tratta di una pausa del genere "Non ce la faccio più, me ne devo proprio andare"».

«Non mi sento come se non volessi continuare a guidare lo sviluppo di Linux. Tutto il contrario» precisa. E poi aggiunge: «Ho bisogno di fare una pausa per imparare a comportarmi in modo diverso e sistema alcuni problemi nel mio modo di lavorare e gestire i progressi».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Microsoft pronta a comprare la piattaforma per sviluppatori GitHub
Linus Torvalds insulta Intel per il bug nelle Cpu
Linus Torvalds spara a zero su nVidia
Linus Torvalds benedice il telefonino di Google
Torvalds: "Linux è troppo grosso"
Linus Torvalds odia il C++
Le inconfessabili colpe del pinguino
Linux, solo pregi o anche difetti?

Commenti all'articolo (2)

:lol:
18-9-2018 19:17

spero che non abbia detto proprio cosi' :) . Leggi tutto
18-9-2018 17:45

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i benefici maggiori che deriverebbero da una politica e una pubblica amministrazione più aperta e trasparente ai cittadini?
I giornalisti potrebbero informarsi più facilmente sulle attività di politici e amministratori e l'informazione al pubblico sarebbe più ampia e dettagliata.
Politici e amministratori renderebbero maggiormente conto ai cittadini del loro operato.
La qualità dei servizi in generale migliorerebbe.
L'opinione pubblica avrebbe più peso nelle decisioni amministrative e politiche.
In generale i nostri rappresentanti avrebbero elementi per prendere decisioni più appropriate.

Mostra i risultati (769 voti)
Luglio 2019
WhatsApp, la truffa passa attraverso i file multimediali
Galileo fuori uso da quattro giorni, forse è colpa di un guasto in Italia
Lo pneumatico senz'aria di Michelin e GM
Track This inganna gli algoritmi pubblicitari (aprendo 100 schede!)
L'app che spoglia nude le donne in pochi secondi
Giugno 2019
Quattordicenne crea malware che rende inutilizzabili i dispositivi IoT
Fusione TIM e Open Fiber, un'operazione senza alternative
Apple richiama i MacBook Pro: rischiano di prendere fuoco
Falla zero-day in Firefox, gli hacker la stanno già sfruttando
Libra, la criptovaluta di Facebook, ufficialmente al via con il wallet Calibra
Se anche Sky usa i sottotitoli pirata
Il CERN lascia Microsoft e passa all'open source
VLC, corrette 33 falle grazie alle ricompense UE
EmuParadise violato, rubati i dati di 1,1 milioni di utenti
Google cambia la ricerca: i siti non appariranno più di due volte
Tutti gli Arretrati


web metrics