La plastica completamente biodegradabile e commestibile che sostituirà tutti gli imballaggi

Si può usare anche nelle stampanti 3D.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 09-10-2018]

nuatan bioplastica

Si chiama Nuatan la soluzione al problema dell'inquinamento da plastica presentata al London Desing Festival.

Elaborato dal Crafting Plastics Studio, Nuatan è una bioplastica completamente naturale, costituita di amido di mais, zucchero e olio di cottura e che, secondo i suoi ideatori, è in grado di «sostituire tutti gli imballaggi così come li conosciamo».

Ci sono voluti sei anni per creare questo materiale, nato con la collaborazione di scienziati dei materiali del Politecnico di Bratislava: il risultato è una bioplastica che dura più a lungo delle alternative esistenti (fino a 15 anni) ed è in grado di reggere a temperature fino a 100 gradi Celsius ma è anche perfettamente commestibile.

Per i suoi creatori, Vlasta Kubu¨ová and Miroslav Král, «per la prima volta un materiale completamente biologico e biodegradabile può essere considerato un concorrente [della plastica] in termini di proprietà e di possibilità di lavorazione».

Al Nuatan possono infatti essere date forme con le tecniche tradizionale di stampaggio della plastica, ma il medesimo materiale può anche essere usato nelle stampanti 3D.

Sondaggio
La sopravvivenza di alcune tecnologie "da ufficio" sarà messa a dura prova. Secondo te, quale tra queste non sopravviverà?
Le calcolatrici
Gli scanner
Gli schedari
I telefoni da scrivania
Le bacheche
I compact disc
I boccioni dell'acqua
I post-it
Le chiavette USB

Mostra i risultati (4822 voti)
Leggi i commenti (18)

La biodegradabilità e la commestibilità, inoltre, fanno sì che lo smaltimento degli imballaggi non costituisca più un problema, dato che usando il Nuatan si può semplicemente gettare le confezioni nelle compostiere.

Questo nuovo material presenta dunque tutta una serie di vantaggi, ma ha ancora uno scoglio da superare prima di poter sostituire davvero la plastica: i costi di produzione sono molto alti.

La crescita della domanda - sostengono i suoi creatori, che ora stanno cercando collaboratori con i quali potenziarne la diffusione - aiuterà ad abbattere quelle cifre.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
I cartoni per le uova fatti di semi
La bioplastica derivata dall'agar-agar che si dissolve in tre mesi
L'Ocean Cleanup Project inizia a ripulire gli oceani dalla plastica
La plastica commestibile che si prepara come il tè di kombucha
I panini sotto accusa: causano i cambiamenti climatici
I sacchetti biodegradabili fatti con le alghe: si possono anche mangiare
Raccoglie 250.000 euro per il cucchiaio commestibile
Ooho, la ''bottiglietta'' commestibile: addio plastica

Commenti all'articolo (4)

Una risposta alla domanda di @industano potrebbe essere che, ad esempio, per produrre gli impianti di raffinazione del petrolio e di produzione della plastica tradizionale ci sono voluti molti anni e molti investimenti. Ora che questi investimenti sono nella massima parte ripagati e basta la normale manutenzione per mantenere gli... Leggi tutto
13-10-2018 11:32

{industano}
Cultura dell'emergenza, come ho accennato, non era riferito solo agli imballaggi, ma alle batterie al litio, al clima, al cibo, alla liberazione del metano nel permafrost, ai fertilizzanti/diserbanti, ai farmaci, ai flussi migratori prevedibili e previsti, al carbone che impazza, ecc, ecc, ecc. Ti faccio anche notare che... Leggi tutto
11-10-2018 13:55

Non vedo come si possa parlare di cultura dell'emergenza, visto che " Ci sono voluti sei anni per creare questo materiale" Leggi l'articolo originale su ZEUS News - https://www.zeusnews.it/n.php?c=26740
11-10-2018 09:28

{industano}
Speriamo che non sia l'ennessima dichiarazione roboante, tipo quelle sulle batterie, che poi non si realizza... L'unica cosa che mi chiedo è perché c'e questa "cultura dell'emergenza" e le cose si fanno sempre all'ultimo momento, quando si fanno.
10-10-2018 15:28

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale di queste professioni obsolete secondo te ha ancora un futuro?
Agente di viaggio. C'è ancora qualcuno che prenota le vacanze in agenzia? (Parrebbe di sì)
Cassiera di supermercato. Sostituita dalle casse automatiche e dalla spesa online. (Ma i clienti rimangono affezionati al vecchio sistema)
Centralinista. Sostituito dai centralini digitali. (Eppure resiste in molte aziende)
Data entry. Mai sentito parlare di scanner e OCR? (Invece c'è chi inserisce ancora tutto a mano)
Dattilografo. I dirigenti moderni gestiscono il proprio blog, non dettano più gli appunti a una segretaria; al massimo usano il riconoscimento vocale. (Ma esistono davvero dirigenti... moderni?)
Impiegato di banca allo sportello. Con i conti online è una figura sempre meno utile. (Però in banca tutti lo cercano)
Giornalista. Con Google News, Facebook, Twitter e i blog, c'è ancora bisogno di loro? (Almeno dei migliori, evidentemente sì)
Postino. Con la posta elettronica, la posta tradizionale va diminuendo sempre più. (Ma ci vuole sempre qualcuno che la consegni)

Mostra i risultati (2452 voti)
Aprile 2020
5G e coronavirus, cittadini danno fuoco alle torri della telefonia
Tanti invocano l'app anti-coronavirus
Coronavirus, ragazzini si divertono a creare malware in tema
Vulnerabilità in Zoom, a rischio le password di Windows
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Tutti gli Arretrati


web metrics