Usate app di incontri? Probabilmente il vostro profilo è già stato venduto



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 15-11-2018]

siti incontri vendita dati

Se mai vi siete affidati a un'app di incontri, ci sono buone probabilità che i vostri dati siano già stati rivenduti.

I profili contengono informazioni preziose: insieme ai nomi utente e agli indirizzi e-mail ci sono dati come l'orientamento sessuale, la professione, gli interessi, le caratteristiche fisiche e della personalità e via di seguito, per non parlare delle fotografie.

L'artista Joana Moll ha indagato sul modo in cui tutti questi dati vengono trattati, realizzando un progetto intitolato The Dating Brokers: An autopsy of online love e approfondendo la compravendita delle informazioni.

Ha rilevato innanzitutto che le Condizioni d'uso, che quasi nessuno legge mai, contengono spesso delle speciali «vie di fuga» con le quali le aziende si riservano il diritto di usare in modo improprio le informazioni consegnate dagli utenti.

Accettando tali condizioni, sono gli utenti stessi ad autorizzare quella che a tutti gli effetti è una vendita di dati personali; dato che però questa clausola è persa tra decine di altre clausole meno importanti, nessuno perde tempo a individuarla.

Joana Moll e il suo staff sono riusciti anche, senza troppa difficoltà, a farsi passare per acquirenti interessati e hanno ottenuto dal sito USDate un milione di profili, ricavati da diverse app per incontri, alla modica cifra di 136 euro.

La provenienza di quei profili è molto varia: si va da Match a Tinder, da Plenty of Fish a OKCupid. USDate non ammette esplicitamente di acquistare i dati da queste aziende, ma le elenca come «partner ufficiali».

«I siti di incontri conosciuti commerciano continuamente in profili, al fine di inserire nuovi volti nei propri servizi e così aumentare le probabilità che i loro utenti trovino una corrispondenza (e avere così nuovi iscritti paganti» si legge nel progetto.

Joana Moll rincara poi la dose, ricordando che «È quasi tecnologicamente impossibile cancellarsi da Internet, perché le informazioni si trovano su molti server».

Sondaggio
Sempre pi¨ siti richiedono dati personali in fase di registrazione. Tu come ti comporti?
Li concedo senza problemi.
Piuttosto rinuncio al servizio.
Inserisco dati falsi.
Li concedo solo se ho vera necessitÓ del servizio e comunque solo se il sito mi sembra serio.

Mostra i risultati (5583 voti)
Leggi i commenti (13)

Con il suo progetto, Moll non intende dare la colpa ai singoli individui che adoperano i vari servizi di appuntamento quanto piuttosto renderli coscienti di come le loro informazioni vengono trattate: dietro la facciata c'è un intero sistema economico, che riguarda ogni aspetto di ciò che facciamo online.

È come - sostiene l'artista - se ogni utente quotidianamente lavorasse gratis per quelle aziende che poi ricavano denaro dalla vendita della privacy degli utenti stessi.

Se non si evita di entrare in questo circolo vizioso, riuscire a uscirne è poi molto complicato: «Si può combattere» - spiega - «ma se non si sa come né contro chi, è difficile farlo».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
e-privacy: lasciateci la faccia
6 match stellari e 6 consigli per una “lunga vita digitale” e non
Facebook si offre per incontri di cuori solitari
Facebook lancia l'app per incontri e annuncia il pulsante Clear History
Ti amo, mandami soldi
400 milioni di password rubate ad Adult Friend Finder
Un altro sito d'incontri violato
Ashley Madison: dati cercabili, ipocriti illustri
Adult Friend Finder, rubati i dati di 3,9 milioni di utenti
Miniguida contro il sexting e le sue estorsioni
Sito di dating denunciato per istigazione all'adulterio

Commenti all'articolo (4)

Assai evidente direi... :?
20-11-2018 18:58

'nessuno dice niente' - beh, c'Ŕ ancora chi ragiona con la propria testa e sceglie di non acquistare certi prodotti / di non utilizzare certi servizi poi che non siano la maggioranza, purtroppo Ŕ evidente :?
20-11-2018 09:38

mi stupisce la necessitÓ di un articolo del genere ma mi rendo conto che effettivamente molto navigatori non lo sanno. usano internet come se fosse la il proprio diario o la bacheca del palazzo, della parrocchia o dell'universitÓ... a me fa pi¨ arrabbiare che questi macinano miliardi di euro pagando pochissime tasse, che si rompa le... Leggi tutto
20-11-2018 07:02

L'utente o il cliente Ŕ sempre di pi¨ un limone da spremere fino all'ultima goccia di succo per poi buttarlo e passare oltre. :incupito: In ogni caso la cosa non stupisce affatto e questa indagine ritengo sia solo la prova provata di una cosa che era comunque giÓ ovvia.
18-11-2018 11:36

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Da dove scarichi di solito i file (app, film, libri, giochi)?
Scarico i file da fonti sempre diverse
Scarico file da siti di cui mi fido
Non scarico molti file e presto sempre attenzione al sito da cui li scarico
Scarico i file solo da negozi online e da app store di fiducia
Non scarico nulla

Mostra i risultati (1398 voti)
Dicembre 2021
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Novembre 2021
L'app va in crash, e la Tesla non parte più
La Rete telefonica italiana agli americani di KKR
Se il furgone di Amazon ti tampona... la colpa è di Amazon!
Il Blue Screen of Death... ritorna blu
MediaWorld sotto attacco ransomware: hacker vogliono 200 milioni in bitcoin
SPID con le Poste, il riconoscimento adesso si paga
Facebook rinuncia ufficialmente al riconoscimento facciale
Ottobre 2021
Il Nobel ad Assange
Windows 11, finalmente si possono eseguire anche le app Android
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 6 dicembre


web metrics