Facebook, accessibili le foto private di milioni di utenti

Ennesimo bug legato alla privacy nel social network.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 16-12-2018]

facebook bug api foto privacy

Per dodici giorni durante lo scorso mese di settembre, nelle API di Facebook legate alla gestione delle fotografie c'è stato un bug che ha messo in pericolo - di nuovo - la privacy degli utenti.

Tra il 23 e il 25 settembre chi aveva concesso alle app di terze parti l'accesso alle proprie fotografie (quelle pubbliche, ovviamente) garantiva senza saperlo anche l'accesso alle fotografie private, che in teoria non dovrebbero essere visibili a nessuno se non al proprietario. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
La sopravvivenza di alcune tecnologie "da ufficio" sarà messa a dura prova. Secondo te, quale tra queste non sopravviverà?
Le calcolatrici
Gli scanner
Gli schedari
I telefoni da scrivania
Le bacheche
I compact disc
I boccioni dell'acqua
I post-it
Le chiavette USB

Mostra i risultati (4737 voti)
Leggi i commenti (18)
Facebook ha ammesso il problema pubblicando sul sito una notifica diretta agli sviluppatori, nella quale si precisa anche che 6,8 milioni di utenti e 1.500 applicazioni sono stati coinvolti dal bug.

«Ci spiace che sia accaduto» scrive Facebook, scusandosi per l'ennesimo problema legato alla privacy.

Il social network offrirà nei prossimi giorni agli sviluppatori gli strumenti che permettano loro di capire se gli utenti delle loro app rientrano tra quelli colpiti dal bug, e avviserà gli utenti potenzialmente coinvolti.

«Raccomandiamo inoltre agli utenti di effettuare l'accesso in quelle app con le quali hanno condiviso le foto di Facebook per verificare a quali foto esse possano aver avuto accesso» conclude il comunicato.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Facebook, nuove accuse: spiati SMS e telefonate degli utenti
Facebook pensava di finanziarsi vendendo i dati degli utenti
Facebook e il caso dei messaggi zombie
Scopri una falla in Facebook e vinci 40.000 dollari
Facebook ti avvisa quando è ora di staccarti dal social network
Facebook multata per 500.000 sterline. In 17 minuti le avrà già riguadagnate

Commenti all'articolo (1)

Gli spiacerebbe certo di più se venissero sanzionati ogni volta in modo adeguato ai disagi creati ed alla noncuranza che dimostrano verso i propri utenti. Leggi tutto
18-12-2018 19:11

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è il motivo principale che ti può far desistere (oppure no) dal compiere un acquisto online?
La scarsa accessibilità del sito di ecommerce.
I tempi di consegna non certi.
La scomodità di dover rimanere a casa o di dover concordare la consegna con il corriere.
La possibilità che il pacco vada perso, se la spedizione non è tracciata.
La poca fiducia riposta nel negozio online.
Il prezzo maggiore del prodotto.
Le spese di spedizione elevate.
Il sovrapprezzo applicato per la spedizione contrassegno.
La scomodità di dover rispedire il pacco qualora la merce ricevuta sia danneggiata o difettosa.
La maggior difficoltà a far valere le condizioni di garanzia.
L'impossibilità di trattare sul prezzo o di chiedere uno sconto.
La poca fiducia riposta nei sistemi di pagamento online disponibili.

Mostra i risultati (2206 voti)
Giugno 2019
Apple richiama i MacBook Pro: rischiano di prendere fuoco
Falla zero-day in Firefox, gli hacker la stanno già sfruttando
Libra, la criptovaluta di Facebook, ufficialmente al via con il wallet Calibra
Se anche Sky usa i sottotitoli pirata
Il CERN lascia Microsoft e passa all'open source
VLC, corrette 33 falle grazie alle ricompense UE
EmuParadise violato, rubati i dati di 1,1 milioni di utenti
Google cambia la ricerca: i siti non appariranno più di due volte
Google Maps, arriva il tachimetro in tempo reale
La visione di Microsoft per un sistema operativo davvero moderno
Microsoft implora gli utenti: installate la patch prima di un altro WannaCry
Il malware che sfugge a ogni individuazione
Maggio 2019
Windows 10, l'aggiornamento di maggio fa cadere la connessione Wi-Fi
Huawei, microSD addio: l'azienda è stata esclusa dalla SD Association
Windows 10, ecco l'aggiornamento di maggio
Tutti gli Arretrati


web metrics