Lo Sciamano Digitale che aiuta ad affrontare la morte delle persone care

La robotica permette di rimandare il momento dell'addio definitivo.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-01-2019]

DigitalShamanProject

Il Digital Shaman Project è un'invenzione giapponese che sfrutta la tecnologia per fornire un aiuto ad affrontare la perdita di una persona cara, offrendo un "duplicato robotico" del caro estinto col quale conversare per alcuni giorni dopo la morte dell'originale.

L'idea nacque quando la nonna di Etsuko Ichihara morì: la donna faticò ad accettare la scomparsa e, per evitare che altri soffrissero al suo stesso modo, ideò il Digital Shaman Project.

La persona che vuole "continuare a vivere" nel duplicato robotico deve, finché è in vita, collaborare con un addetto appositamente addestrato, il quale registra tutte le sue peculiarità all'interno di un software, insieme a messaggi vocali, movimenti della testa e degli arti, creando così una sorta di "estratto" della sua personalità.

I fan di Hary Potter non troveranno troppo strano il concetto. Somiglia a quello alla base dei ritratti dei presidi di Hogwarts: prima della propria morte, il preside in carica commissiona un ritratto che, nel tempo, assorbe i modi di fare, le peculiarità e le frasi preferite del preside stesso.

Quanto questi muore, il ritratto può aiutare il nuovo preside a svolgere il proprio incarico grazie al lavoro condotto dal predecessore sul dipinto, nel quale ha riversato la propria personalità e le proprie conoscenze.

Nel caso del Digital Shaman, alla morte della persona in questione il programma viene riversato in un robot al quale, per maggior somiglianza, viene sovrapposta una maschera in 3D del volto del defunto.

Attivando il robot, i cari della persona morta possono quindi avere l'illusione di trovarsi ancora in sua presenza e affrontare il distacco più dolcemente.

Lo Sciamano Digitale non resta attivo per sempre, però: ha un limite di funzionamento di 49 giorni.

Sondaggio
Recenti scoperte genetiche affermano che l'invecchiamento è controllabile e quindi potremo vivere tutti più a lungo. Cosa ne pensi?
E' una grande scoperta, sono contento di vivere più a lungo.
L'importante è poter vivere bene e in salute.
Trovo che la genetica si stia spingendo oltre i limiti umani.
Significa che dovremo tutti lavorare più a lungo e andare in pensione più tardi.
Questo contribuirà al sovraffollamento del pianeta.

Mostra i risultati (5321 voti)
Leggi i commenti (12)

Durante questo periodo si deve riuscire a venire a patti con l'idea che quella certa persona è morta e che, trascorsi i giorni ulteriori concessi dalla tecnologia, non la si vedrà più.

Per Etsuko Ichihara l'esitenza di questo limite è importante: se il robot funzionasse indefinitamente, la gente vorrebbe usarlo per offrire una sorta di "vita eterna" ai propri cari, vanificando lo scopo dell'intero progetto. A quel punto, infatti, accettare la morte della persona vera sarebbe impossibile.

Digital Shaman è stato mostrato in occasione degli Starts Prize 2018, e nei prossimi mesi dovrebbe essere messo a disposizione del pubblico.

Nel video qui sotto, l'ideatrice del progetto illustra la sua invenzione.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
L'Apple Watch predice la data di morte
Google sfida la morte con Calico
Il braccialetto laser che predice la data di morte
Chiesa, dopo la morte il profilo Facebook va chiuso
Musica digitale, a chi appartiene dopo la morte dell'acquirente?
L'esame del sangue che predice la data di morte
Non era in coma ma i medici non gli credevano
Come inviare email dopo la morte
Comunicare dopo la morte? Si fa via email

Commenti all'articolo (4)

Francamente sono per l'elaborazione del lutto secondo il metodo tradizionale...
8-1-2019 18:58

se lo perfezionassero, potrebbe andare a ritirare la pensione al posto del defunto
8-1-2019 17:12

{sam}
a {fabio} prima ancora c'è stato il padre di hiroshi shiba, alias jeeg robot d'acciaio
7-1-2019 10:18

{Fabio}
Black mirror: "Torna da me"
5-1-2019 20:23

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Come vedi il futuro dell'umanità, in ambito scientifico?
Il futuro è nella condivisione delle conoscenze. L'arroganza delle multinazionali nei confronti della proprietà intellettuale è solo il canto del cigno: infatti grazie alle tecnologie il sapere non potrà più essere detenuto da pochi potenti.
Per tutelare ricerche che richiedono investimenti cospicui, la proprietà intellettuale è uno strumento equo e ragionevole. Lo strapotere attuale della grande industria va solo limitato nel tempo ed emendato dagli aspetti più truci.
Lo scenario più probabile è un doppio binario tra scienza proprietaria e open source. La prima coprirà i settori che richiedono investimenti a lungo termine, la seconda quelli in cui la cooperazione raggiunge i risultati migliori.
Il potere si concentra dove c'è il denaro. Volenti, o nolenti, i big dell'economia mondiale si accaparreranno tutte le fonti di conoscenza, e sapranno farle fruttare a dovere, per il bene dell'umanità.

Mostra i risultati (1409 voti)
Luglio 2019
Auto elettriche, arriva l'obbligo che facciano rumore
Modalità incognito per i siti a luci rosse? Google e Facebook ti tracciano lo stesso
WhatsApp, la truffa passa attraverso i file multimediali
Galileo fuori uso da quattro giorni, forse è colpa di un guasto in Italia
Lo pneumatico senz'aria di Michelin e GM
Track This inganna gli algoritmi pubblicitari (aprendo 100 schede!)
L'app che spoglia nude le donne in pochi secondi
Giugno 2019
Quattordicenne crea malware che rende inutilizzabili i dispositivi IoT
Fusione TIM e Open Fiber, un'operazione senza alternative
Apple richiama i MacBook Pro: rischiano di prendere fuoco
Falla zero-day in Firefox, gli hacker la stanno già sfruttando
Libra, la criptovaluta di Facebook, ufficialmente al via con il wallet Calibra
Se anche Sky usa i sottotitoli pirata
Il CERN lascia Microsoft e passa all'open source
VLC, corrette 33 falle grazie alle ricompense UE
Tutti gli Arretrati


web metrics