L'UE si accorda sull'Articolo 13: filtri sull'upload sempre più vicini

Per il Partito Pirata è un passo indietro per la libertà di espressione online.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 13-02-2019]

ue articolo 13 copyright

Il Parlamento Europeo ha elaborato una versione definitiva della nuova Direttiva Europea sul Diritto d'Autore che include il famigerato Articolo 13, contro il quale diverse personalità di Internet si sono opposte sin da quando è stato presentato ma sulle quali i legislatori ora sembrano tutti d'accordo: si attende soltanto il voto finale.

Quando la direttiva venne presentata lo scorso settembre, su quell'articolo i legislatori europei si divisero: in particolare si diffuse la paura che con quella norma si bloccasse la circolazione dei contenuti a causa dell'obbligo di utilizzare filtri che identificassero ogni materiale protetto da diritto d'autore che venisse caricato su ogni sito web.

Da allora negoziati e trattative si sono susseguiti ma di recente un'intesa tra Francia e Germania ha portato anche gli altri membri ad accettare la soluzione di compromesso che ora è stata approvata.

In sostanza, la norma prevede che ogni attività commerciale operante sul web debba ottenere un'autorizzazione dai legittimi detentori del diritto d'autore per ogni opera protetta da copyright presente sul proprio sito, sia che essa venga caricata dal personale dell'attività stessa sia che ad effettuare l'upload siano gli utenti.

Ciò significa, per esempio, che siti come YouTube o i social network, nei quali i contributi degli utenti sono la forma principale di creazione di contenuti, devono verificare che ogni opera caricata sia in possesso di regolare licenza.

Per far ciò dovranno per forza dotarsi di filtri che esaminino tutto il materiale di cui venga fatto l'upload, così da evitare la pubblicazione di quanto non sia in regola, o quantomeno la sua immediata rimozione dopo una pubblicazione accidentale.

Nella versione originale dell'articolo 13, le «piccole aziende» erano escluse da quest'obbligo. Ora quella parte della norma è cambiata e, secondo i suoi detrattori, è cambiata in peggio.

Infatti, a essere escluse ora sono soltanto quelle realtà che sono attive da meno di tre anni, che hanno meno di cinque milioni di visitatori unici al mese e un fatturato annuo inferiore ai 10 milioni di euro. In pratica, restano fuori solo le piccole startup.

I primi a criticare questa formulazione sono i membri del Partito Pirata Europeo, che definiscono l'attuale articolo 13 «una minaccia per i piccoli editori, autori e utenti di Internet, che rischia di consegnare l'Internet che conosciamo oggi nelle mani esclusive dei giganti della tecnologia e dei media».

Sondaggio
Come vedi il futuro dell'umanità, in ambito scientifico?
Il futuro è nella condivisione delle conoscenze. L'arroganza delle multinazionali nei confronti della proprietà intellettuale è solo il canto del cigno: infatti grazie alle tecnologie il sapere non potrà più essere detenuto da pochi potenti.
Per tutelare ricerche che richiedono investimenti cospicui, la proprietà intellettuale è uno strumento equo e ragionevole. Lo strapotere attuale della grande industria va solo limitato nel tempo ed emendato dagli aspetti più truci.
Lo scenario più probabile è un doppio binario tra scienza proprietaria e open source. La prima coprirà i settori che richiedono investimenti a lungo termine, la seconda quelli in cui la cooperazione raggiunge i risultati migliori.
Il potere si concentra dove c'è il denaro. Volenti, o nolenti, i big dell'economia mondiale si accaparreranno tutte le fonti di conoscenza, e sapranno farle fruttare a dovere, per il bene dell'umanità.

Mostra i risultati (1421 voti)
Leggi i commenti (5)

Inoltre, a rischio è anche la pubblicazione di lavori del tutto legittimi che possono venir bloccati dai filtri a causa degli inevitabili falsi positivi.

«Anche i filtri più sofisticati» - continua Julia Reda, europarlamentare del Partito Pirata - «di tanto in tanto bloccano contenuti perfettamente legali. Obbligare le piattaforme a usare filtri sugli upload non soltanto porterà a blocchi ancora più frequenti di contenuti legali, ma renderà anche più difficile la vita per le piattaforme più piccole, le quali non si potranno permettere i software di filtraggio».

A obiettare contro la Direttiva Europea sul Copyright ci sono poi anche diversi artisti, anche se la maggior parte dei creatori professionali di contenuti è soddisfatta del testo.

Secondo Julia Reda, comunque, la battaglia non è ancora conclusa: «La giornata di oggi costituisce un passo indietro per la libertà di espressione online, ma non siamo ancora al capolinea: possiamo ancora combattere contro i filtri sull'upload e contro la tassa sui link. Dobbiamo inviare un messaggio chiaro: vogliamo proteggere i diritti degli autori e anche quelli degli utenti e dei piccoli editori».

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
Wikipedia italiana oscurata per protestare contro la riforma del copyright

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
UE, approvata la riforma del diritto d'autore, compresi gli articoli 11 e 13
L'articolo 13 spiegato da un racconto di Cory Doctorow
L'Europarlamento approva la riforma del diritto d'autore, il web teme la censura
Wikipedia oscura tutte le immagini per protesta contro la nuova norma europea sul copyright

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 16)

Puoi scommetterci! Ormai è una guerra! Vogliono impadronirsi della rete per trasformarla in un supermercato a costo zero. I contenuti liberi si troveranno solo con il passaparola anche se sappiamo benissimo che il passaparola è la forma di pubblicità più efficace ergo non paiono molto intelligenti e se finiranno i soldi non so se i... Leggi tutto
23-2-2019 15:50

Più che fischiate, quel che ascolto io a detta del madmarito è puro rumore. L'unica radio che ascolto è M2O, quella che mixa le sigle dei cartoni animati o le canzoni anni 60 70 80 90 per intenderci. Chissà se verrà inibito l'upload di file del radiaoke!!!
23-2-2019 15:25

Ascoltare fischiate per me non è intrattenimento, è rincoglionimento. Mi fermo ogni tanto in un bar la mattina quando mi sveglio lungo, ha la tv accesa e di norma all'ora a cui arrivo c'è il tg. Mi inc.... a sentire le balle che raccontano e quello che la gente dovrebbe sapere non lo dicono mai. Uguale è la radio. Preferisco farne a... Leggi tutto
23-2-2019 12:41

Buona la seconda... :wink: Leggi tutto
23-2-2019 11:55

:lol: :lol: :lol: Leggi tutto
23-2-2019 11:53

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Cosa utilizzi per inviare messaggi privati?
Uso varie applicazioni su qualsiasi dispositivo disponibile
Uso varie applicazioni sui miei dispositivi
Uso solo applicazioni affidabili su dispositivi di fiducia
Non invio messaggi privati online

Mostra i risultati (840 voti)
Settembre 2019
Gli USA scaricano Huawei e sui portatili arriva Linux Deepin
Falla nelle SIM, vulnerabili 1 miliardo di telefoni
La Francia non vuole Libra in Europa
Il bug di Windows 10 che tinge di rosso gli screenshot
Antibufala: le foto di raggi spaziali che causano incendi nei boschi
Lo smartphone etico attento alle persone e al pianeta
Storie di hacker, campeggi e libertà
USB 4 è ufficiale e raggiunge i 40 Gbit/s
5 consigli (più uno) per non farsi lasciare a piedi dal PC
La lotta al ransomware procede silenziosa ma con successo
La maledizione dei connettori USB
Agosto 2019
GIMP è un insulto: sviluppatori ribelli fondano il fork Glimpse
Sextortion, il malware che registra davvero chi guarda video a luci rosse
Misteriosa malattia colpisce i fumatori di sigarette elettroniche
L'analisi del sangue che predice quando moriremo
Tutti gli Arretrati


web metrics