UE, approvata la riforma del diritto d'autore, compresi gli articoli 11 e 13



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 26-03-2019]

ue riforma copyright

Questo è un articolo su più pagine: ti invitiamo a leggere la pagina iniziale
L'UE si accorda sull'Articolo 13: filtri sull'upload sempre più vicini

Con 348 voti a favore, 274 contrari e 36 astensioni, l'Unione Europea ha approvato la riforma della direttiva sul diritto d'autore che tante critiche s'era attirata nei mesi scorsi e, di recente, aveva portato Wikipedia a protestare con un oscuramento delle proprie pagine.

Come chi ha seguito la vicenda dovrebbe ricordare, sono due i punti più controversi della nuova direttiva: l'Articolo 11 e l'Articolo 13.

Il primo, comunemente battezzato «tassa sui link», è stato scritto con tutta evidenza per mettere i bastoni tra le ruote a Google News (ma, in parte, anche a Facebook).

Esso nasce con l'intento dichiarato di garantire un compenso ai creatori di contenuti originali che, nell'ottica dei parlamentari europei, si vedono sottrarre i guadagni del proprio lavoro dalle grandi aziende di Internet.

Nel caso dei giornali online e dei siti di notizie, per esempio, la raccolta automatizzata di titoli operata dal già citato Google News è messa sotto accusa in quanto sarebbe una sorta di "appropriazione indebita" del lavoro altrui da parte di Google.

L'articolo 11, nella sua ultima formulazione, vuole prevenire proprio questo fenomeno: non vietare i link in sé, dato che nel testo è stato inserita esplicitamente una frase che spiga come la norma «non si applica all'atto di inserire dei link ipertestuali»«si applica nei confronti dell'uso di singole parole o di estratti molto brevi di pubblicazioni stampate».

Invece, come spiega Danny O' Brien della Electronic Frontier Foundation, «ciò che stanno cercando di fare è prevenire la raccolta automatica [dei contenuti]», ossia esattamente ciò che fa Google News recuperando senza alcun intervento umano i titoli dai vari siti.

Vero obiettivo di quest'articolo è quindi, secondo O'Brien, impedire a Google News di usare i titoli nella costruzione dei propri link, e in questo modo convincere Google a corrispondere un compenso agli autori delle notizie.

L'articolo 13 riguarda invece un aspetto diverso, ossia garantire che i contenuti caricati e messi disponibili in Rete non costituiscano una violazione del diritto d'autore ma siano creazioni originali dei loro uploader.

È, in pratica, la nota questione dei "filtri sull'upload": piattaforme come YouTube dovrebbero, secondo le intenzioni dell'Unione Europea, vigilare affinché nessuno carichi contenuti copiati, fatte salve alcune libertà come la creazione di parodie e il diritto di citazione o di critica.

Il risultato è una legislazione piuttosto vaga che spera nella collaborazione tra le piattaforme e i detentori dei diritti per evitare che, nel tentativo di bloccare la diffusione del materiale in violazione, vengano cestinate anche tutte le opere legittime dei singoli utenti.

Sondaggio
Come vedi il futuro dell'umanità, in ambito scientifico?
Il futuro è nella condivisione delle conoscenze. L'arroganza delle multinazionali nei confronti della proprietà intellettuale è solo il canto del cigno: infatti grazie alle tecnologie il sapere non potrà più essere detenuto da pochi potenti.
Per tutelare ricerche che richiedono investimenti cospicui, la proprietà intellettuale è uno strumento equo e ragionevole. Lo strapotere attuale della grande industria va solo limitato nel tempo ed emendato dagli aspetti più truci.
Lo scenario più probabile è un doppio binario tra scienza proprietaria e open source. La prima coprirà i settori che richiedono investimenti a lungo termine, la seconda quelli in cui la cooperazione raggiunge i risultati migliori.
Il potere si concentra dove c'è il denaro. Volenti, o nolenti, i big dell'economia mondiale si accaparreranno tutte le fonti di conoscenza, e sapranno farle fruttare a dovere, per il bene dell'umanità.

Mostra i risultati (1429 voti)
Leggi i commenti (5)

L'articolo in sé in realtà non impone l'adozione di filtri sull'upload, ma confida nel fatto che le piattaforma «trovino soluzioni innovative» per proteggere il diritto d'autore. In caso contrario, tuttavia, i legislatori europei riconoscono che generalmente si ricorrerà proprio ai filtri.

Nell'annunciare la riforma il Parlamento Europeo precisa per altro che «molte piattaforme online non saranno interessate» dal cambio di normativa, in quanto il testo «specifica che il caricamento di opere su enciclopedie online in modo non commerciale come Wikipedia, o su piattaforme software open source come GitHub, sarà automaticamente escluso dal campo di applicazione della direttiva».

Non solo: secondo il relatore Alex Voss « l'accordo contiene numerose disposizioni per garantire che Internet rimanga uno spazio di libera espressione. Tali disposizioni non erano di per sé necessarie, perché la direttiva non creerà nuovi diritti per i titolari. Tuttavia, abbiamo ascoltato le preoccupazioni sollevate e abbiamo scelto di garantire doppiamente la libertà di espressione. I "meme", le "gif", gli "snippet" sono ora più che mai protetti».

Nonostante le rassicurazioni, la situazione si chiarirà soltanto con il tempo e con il progredire dell'iter di trasformazione della direttiva in leggi degli Stati nazionali.

Dopo l'approvazione da parte del Parlamento, infatti, è ancora necessaria quella del Consiglio dei Ministri UE; a quel punto la direttiva potrà essere pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale UE, e a due anni dalla data di pubblicazione entrerà in vigore.

Nel frattempo, i singoli Stati dovranno recepirla introducendo le leggi necessarie affinché sia fatta rispettare.

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
Passa la direttiva UE sul copyright. E adesso?

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
L'articolo 13 spiegato da un racconto di Cory Doctorow
Copyright, il sito di sottotitoli ITASA costretto a gettare la spugna
L'Europarlamento approva la riforma del diritto d'autore, il web teme la censura
Wikipedia oscura tutte le immagini per protesta contro la nuova norma europea sul copyright
L'Italia contrasterà la nuova direttiva europea sul copyright dal sapore censorio

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 16)

Il fu "Galgano" da 900 pagine me lo sono già letto 2 volte, una volta in udienza un Giudice, stupito, mi disse "Scusi, ma lei il Codice Civile lo sa tutto a memoria?" Potrò concedermi qualche distrazione ogni tanto? :lol: E poi almeno il DSM ti aiuta a capire se è meglio cambiare marciapiede in caso di... Leggi tutto
3-4-2019 19:39

Mo dai, il DSM no Leggi tutto
3-4-2019 15:40

Caro Paolo, è notorio che le pecore stanno nel gregge ma non ti preoccupare, le pecore nere continueranno a supportarvi e a diffondere (con link al post ufficiale) i vostri contenuti. :alright: Leggi tutto
2-4-2019 21:43

Non puoi nemmeno pubblicare contro la volontà dell'autore. In democrazia la nostra libertà finisce dove inizia quella del prossimo. Non tutti sono persone d buona volontà che distribuiscono i loro lavori con licenze Creative Commons (audio, video, libri) o GPL (Software). O le rispetti e non ti lamenti o le ignori. Io ho scelto di... Leggi tutto
2-4-2019 21:24

Non avresti potuto esprimere il concetto meglio di così. :clap: :clap: :clap: Leggi tutto
2-4-2019 20:51

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è il peggiore tra questi scenari?
I genitori possono alterare il DNA dei loro nascituri in modo che siano più intelligenti (o più prestanti fisicamente).
Gli assistenti ai malati e i badanti delle persone anziane sono per lo più dei robot.
La maggior parte delle persone hanno impiantati dispositivi con sensori di vario genere.
Lo spazio aereo viene aperto ai droni personali.
Un altro (per cortesia inserisci un commento)
Non lo so

Mostra i risultati (2035 voti)
Novembre 2019
Falla nell'app fotocamera di Android, milioni di smartphone a rischio
Windows 10, iniziano gli aggiornamenti forzati
Facebook attiva di nascosto la fotocamera dell'iPhone
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Bug in Firefox, truffatori già all'opera
Quattordicenne risolve il problema dei punti ciechi nelle auto
Ottobre 2019
Il grande database della cacca cerca volontari
Google, i domini .new diventano scorciatoie
Wind Tre, con l'anno nuovo aumentano le bollette
Omessa custodia del cellulare, sanzionata l'insegnante del post anti-Arma
Smartphone e batteria, con la modalità scura si risparmia davvero
Il Galaxy S10 si sblocca con qualsiasi impronta
Windows 7 a fine vita, Microsoft importuna coi pop-up
Linux, seria falla nel comando sudo
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Tutti gli Arretrati


web metrics