Il ransomware che prende di mira i NAS D-Link (e presto i PC con Windows)



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 23-02-2019]

nas ransomware

Se avete un NAS D-Link, specialmente se si tratta di un vecchio modello, iniziate a preoccuparvi.

Ha infatti preso a circolare un ransomware, chiamato Cr1ptT0r, che prende di mira proprio questi dispositivi (quando sono connessi a Internet, oppure da un computer infetti nella rete locale), cifrando i file e chiedendo il pagamento di un riscatto per restituirli al legittimo proprietario.

Al momento le informazioni disponibili su Cr1ptT0r sono poche, ma è evidente che preferisce colpire i modelli di NAS meno recenti, nei quali il firmware ormai non viene più aggiornato e che, quindi, si porteranno dietro per sempre le vulnerabilità presenti.

È stato scoperto dopo la segnalazione di un utente di Bleeping Computer, il quale ha segnalato la presenza del malware sul proprio NAS DNS-320, un dispositivo aggiornato l'ultima volta nel 2016.

Il sito è riuscito a contattare uno dei creatori del malware, il quale ha da un lato confermato che quel particolare modello è stato infettato poiché il firmware è costellato di falle e dall'altro ammesso che i piani per Cr1ptT0r sono più ambiziosi.

Sebbene abbiano scritto il ransomware per colpire inizialmente i sistemi embedded basati su Linux, i suoi creatori affermano che esso è in grado di adattarsi per colpire anche i sistemi Windows.

Inoltre, nonostante al momento Cr1ptT0r non abbia ancora infettato un numero significativo di dispositivi, l'obiettivo è fare in modo che si diffonda il più possibile per consentire ai suoi autori di realizzare il loro sogno: fare un sacco di soldi con le richieste di riscatto.

Sondaggio
Quale tra queste tecniche diffusamente utilizzate dagli hacker ti sembra la più pericolosa?
1. Violazione di password deboli: l'80% dei cyberattacchi si basa sulla scelta, da parte dei bersagli, di password deboli, non conformi alle indicazioni per scegliere una password robusta.
2. Attacchi di malware: un link accattivante, una chiave USB infetta, un'applicazione (anche per smartphone) che non è ciò che sembra: sono tutti sistemi che possono installare malware nei PC.
3. Email di phishing: sembrano messaggi provenienti da fonti ufficiali o personali ma i link contenuti portano a siti infetti.
4. Il social engineering è causa del 29% delle violazioni di sicurezza, con perdite per ogni attacco che vanno dai 25.000 ai 100.000 dollari e la sottrazione di dati.
5. Ransomware: quei programmi che "tengono in ostaggio" i dati dell'utente o un sito web finché questi non paga una somma per sbloccarli.

Mostra i risultati (2126 voti)
Leggi i commenti (7)

Il funzionamento del ransomware è del tutto analogo a quello degli altri esemplari della famiglia: una volta che ha preso possesso di un dispositivo ne cifra i file, lasciando soltanto un file di testo leggibile, all'interno del quale ci sono le istruzioni per eseguire i pagamenti e farsi consegnare la chiave per decifrare i documenti.

Allo stato attuale Cr1ptT0r viene già riconosciuto da alcuni antivirus, e fortunatamente il loro numero va aumentando con il passare del tempo.

In ogni caso, oltre alle solite raccomandazioni di sicurezza (non aprire allegati provenienti da sconosciuti, per esempio), gli utenti farebbero bene a scollegare i propri NAS da Internet, soprattutto se non vengono più rilasciati aggiornamenti del firmware da un po'.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Attacco ransomware agli uffici cittadini, si torna a carta e penna
Sei consigli per difendersi dal ransomware
L'Italia è la nazione centroeuropea più colpita dai ransomware
Il ransomware nella macchina del caffè: quanto bisogna aver paura?
Ransomware, minacce avanzate e attacchi multivettore
Ransomware di massa o mirato?

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 15)

etabeta mi hai (indirettamente) dato del "pollo"... capisco il tuo punto di vista, ma non generalizziamo. Sono stato troppo superficiale, ma non sono un cretino o un incompetente informatico. Avevo cercato di mitigare i rischi più plausibili. Ho un NAS D-Link DNS-320L, recentemente attaccato e parzialmente criptato da... Leggi tutto
8-5-2019 23:59

Il pensiero sarebbe bello condividerlo, ma se non si vuole perdere la faccia meglio essere selettivi. :D link Leggi tutto
2-3-2019 19:39

@etabeta Sono le teste pensanti che permettono di resistere, ovviamente come si può, all'arrembante modo turbo capitalistico ed all'invasione dei Turkeys. Il problema delle teste pensanti è però, sovente, che ognuna pensa da se e il pensiero si suddivide in tante e tali sfaccettature e rivoli che ognuna delle teste interpreta un po a... Leggi tutto
2-3-2019 18:20

Per fortuna che ci sei! Due teste pensanti unite moltiplicano la potenza, un po' come un cluster e io da solo mi ero fermato all'aspetto tecnico trascurando quello umano. Effettivamente solo un idiota rilascerebbe dichiarazioni col rischio di farsi arrestare. Ricordo che Mitnick, l'inarrestabile, fu arrestato per aver dato confidenza... Leggi tutto
2-3-2019 16:25

Se lo avessi creato io il ransomware mi guarderei bene dal farmi intervistare e dal comunicare al mondo i miei piani futuri... mah :roll: :? Leggi tutto
2-3-2019 15:36

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i principali ostacoli che ti frenano nell'acquisto di prodotti per una smart home?
Non ne capisco molto di prodotti per la domotica.
Semplicemente non sono interessato a comprare prodotti per la domotica.
Non vedo molti benefici dai prodotti per la domotica.
I prodotti per la domotica sono troppo costosi.
Non ho mai visto un prodotto per la domotica in negozio.
Non ho mai visto un prodotto per la domotica online.

Mostra i risultati (921 voti)
Ottobre 2019
Omessa custodia del cellulare, sanzionata l'insegnante del post anti-Arma
Smartphone e batteria, con la modalità scura si risparmia davvero
Il Galaxy S10 si sblocca con qualsiasi impronta
Windows 7 a fine vita, Microsoft importuna coi pop-up
Linux, seria falla nel comando sudo
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Otto mesi di carcere per chi rivelò gli stipendi d'oro sindacali
Windows, l'aggiornamento impedisce di stampare
Antibufala: la Tesla della polizia rimasta a secco durante un inseguimento
Esplode lo smartphone in carica, muore ragazzina
Settembre 2019
Windows, l'aggiornamento di ottobre mette il turbo al Pc
Tutta la verità sul caso del dominio Italia Viva
Ecco perché gli aggiornamenti Windows hanno così tanti bug
Tutti gli Arretrati


web metrics